AD ARWEN

Nella notte, sconvolto, mi desto:
il mio cuore, furioso, rimbomba
e la mente vacilla nel buio.

Tra le candide pieghe un profilo
di bellezza indicibile
e purezza di sorgente.

Come perla, rifulge nell'ombra
la sua pelle d'avorio e di seta;
come fuoco, la mia anima avvampa.

Algida, dilaga, l'angoscia.

L’immortalità per un uomo ripudia,
per l'amato il suo sangue ha lasciato.
Quale macigno mi opprime impietoso
questo segno di irraggiungibile amore!



Commenti
Nick
Inserisci questo codice 60296264
quì
Commento



 
Home    |   Progetto Tolkien   |   Chi Siamo   |   Copyright    |    Aiuto   |   Scrivici
© 1999- 2004 Eldalie.it - Azariel Spazio Offerto da Gilda Anacronisti