Tintallë Elentári


Oh donna del cielo dagli occhi splendenti!
Dall'alto del mondo nel buio vedesti
perigli nascosti per gli elfi dormienti;
dei Santi al concilio più luce chiedesti:
il divin profeta rispose "Sol stelle!
Gran luce alla fine, così Iddio volle."

Oh dama radiosa dagli occhi celesti!
La mano tu desti a titanica opra:
l'argentea rugiada dai tini attingesti
e stelle novelle nei cieli di sopra
forgiasti lucenti: lanterne sicure
che gli Eldar destati vedessero pure.

Signora potente di stelle regina!
Al mondo donasti la rossa Carnil,
Nénar e Lumbar, la chiara Anarríma,
nei cieli ponesti l'azzurra Luinil.
Del cosmo il gioiello di notte ora brilla:
la bella Elemmírë nell'alto sfavilla.

Oh angel che sempre ascolti i gementi!
Un simbol nel cielo impose tua mano:
la Falce dei Valar, sett'astri fulgenti
a corno disposti, che il Nemico odia invano;
Orione li guida con spada di luce,
e l'Aquila d'ovest fra i nembi riluce.

Oh Elbereth santa, noi t'invochiamo!
Oh luce preclara a noi mai lontana,
del volto tuo chiaro le lodi cantiamo.
Gilthoniel potente, del cielo sovrana
sia lode al tuo nome, in terra e pei mari,
o Varda Sublime, Tintallë Elentári!


Commenti
Nick
Inserisci questo codice 61439101
quì
Commento



 
Home    |   Progetto Tolkien   |   Chi Siamo   |   Copyright    |    Aiuto   |   Scrivici
© 1999- 2004 Eldalie.it - Azariel Spazio Offerto da Gilda Anacronisti