Focus On
 
 

 

Ardalambion

il più completo sito sulla linguistica tolkieniana

Ardalambion è, a nostro giudizio, il sito più completo ed esaustivo sulla linguistica tolkeniana. Sito già da qualche anno on-line in versione inglese, da poco ben fruibile agli appassionati italiani grazie al certosino (e di buona qualità) lavoro di traduzione di Gianluca Comastri.

Il sito è molto complesso e rivolto, essenzialmente, ad un'utenza con una conoscenza tolkeniana di livello medio alto. L'argomento trattato, quello appunto della linguistica, non è certo argomento di facile apprendimento. Un grosso ostacolo al suo studio è rappresentato dalla carenza di fonti. Difatti i testi ufficiali cui gli studiosi fanno riferimeno

Il sito prende in esame tutti i linguaggi della Terra di Mezzo ponendo particolare attenzione ai linguaggi elfici più completi quali il Sindarin e, soprattutto, il Quenya. Non mancano, inoltre, articoli relativi ad altri linguaggi fantastici ideati da Tolkien o semplicemente ampliati da Tolkien e non connessi ai suoi capolavori letterari. Parliamo ad esempio dell'Animalico, del Nevbosh, e del Naffarin

Il lavoro filologico non è stato assolutamente semplice e per questo grande ammirazione va a chi come .... si è lungamente applicato allo studio delle scarse fonti ed è riuscito anche a compilare una sorta di vocabolario quenya/inglese/quenya (anche questo abilmente tradotto da G. Comastri in italiano)

Molto interessante, anche per i non addetti ai lavori, l'articolo introduttivo Il vizio non troppo segreto di Tolkien che ci porta alla scoperta dell'unica, grande, quasi ossessionante passione di Tolkien: inventare linguaggi (e nel caso imbastirgli una storia attorno)

Presente anche un corso di quenya molto completo. Il corso si articola in 14 lezioni (quelle per ora disponibili in versione italiana) correlate da una serie di esercizi utili a mettere in pratica quanto acquisito. Le nozioni contenute non vi consentiranno certo di parlare il quenya in modo fluente, così come si trattasse di una comune lingua straniera, ma vi metteranno nelle condizioni di poter scrivere finanche un poema.

E diversi sono gli esempi di poemi scritti in quenya da abili conoscitori di questa splendida lingua, molti di essi accessibili direttamente da Ardalambion. Cito ad esempio: Ríanna, Hríveressë, Roccalassen. Davvero apprezabile, infine, la traduzione dei primi due capitoli della Bibbia nella lingua elfica.

Nonostante la maggior parte delle informazioni a disposizione degli studiosi siano relative al Quenya, nel sito non mancano saggi che trattano la storia e, ove possibile, la grammatica delle altre lingue della Terra di Mezzo: Sindarin, Adûnaic, Ovestron, Telerin, Doriathrin, Varie lingue umaniche, e tanto altre ancora.

Disponibile nel sito anche una sezione che raccoglie i link ad altri siti a contenuto linguistico. Tra i vari vi consigliamo di dare un'occhiata ai seguenti: Tyalië Tyelelliéva è il sito tramite cui Laura Steel distribuisce un giornale interamente scritto in quenya; L'arte di Leonid Korablev, ispirata a Tolkien, raccoglie parte della produzione di un artista che utilizza la calligrafia elfica nelle sue composizioni; Traduttore Sindarin di Didier Willis purtroppo disponibile solo per la lingua inglese (di certo fra qualche tempo eldalië.it vi metterà a disposizione qualcosa di simile per il nostro idioma).

Ultima nota di merito per Ardalambion, l'esistenza di un cospicuo numero di mirror nelle principali lingue internazionali dallo spagnolo al russo, dal francese al coreano, tedesco, polacco ceco.

Indice
 
Autore
 
 
           
Home    |    Progetto Tolkien    |    Chi Siamo     |    Copyright    |    Aiuto   |   Scrivici
© 1999- 2004 Eldalie.it Spazio Offerto da Gilda Anacronisti