Eldalie.it - Forum

RSS Forum di Eldalie [in lavorazione]
[Go]


Ho dimenticato la password
Iscritti online sul forum:
 
  1. ATTENZIONE: LAVORI IN CORSO
L'informazione: questa sconosciuta
Pagina 2 di 2. Vai a pagina 1 2
AutorePost
Pagina 2 di 2. Vai a pagina 1 2

Mornon

foglia di Laurelin foglia di Telperion
Silmaril Silmaril Silmaril
anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere
OperatoriGuardiani di FeeriaGilda LinguistiComitato Anti-KEldalie Puglia - Laure Londe
Registrato il:
19-04-2002
Localitŗ:
N/A
Post:
23034
Nuitari il 19-03-2004 22:19 ha scritto:
non credo sia una delle cose basilari che rimane come conoscenza una volta passati ad altro


Magari la data di nascita no, ma i temi, o la storia? Sono la nostra base culturale, forse saperne a proposito non farebbe poi cosí male... Certo, magari non le userai nel tuo lavoro, ma servono a darti la conoscenza di come mai siamo cosí, a crearti una forma mentale, a darti una base culturale...


Per rispondere a chi ha aperto la discussione, tu hai scritto

"Ma io so solo che sono scoppiate delle bombe e basta!!"
"Avr√≤ visto forse un telegiornale,non di pi√Ļ.."
"Che ne so io di quello che è successo in Spagna!"


"Guardate che veramente io non so niente di quello che è successo, solo che sono scoppiate delle bombe!!"
Io: "Ma figurati se non sai nemmeno chi è stato!!!"
Lei: "Ti giuro, non ne so niente..."
Io: "Ma vuoi dirmi che non hai nemmeno visto un telegiornale o aperto un giornale per informarti?!?"
Lei, tranquilla: "Ma a me non interessa..."


Notare non solo il "a me non interessa" e il disinteresse manifestato, cosa che mi fa propendere verso la mia teoria del voler discutere solo per perdere tempo, ma anche la disinformazione praticamente completa: discutere di attualità? Va bene, ma con che basi? Qui sarebbe raccontare l'attualità, dire cos'è successo, ma discuterla? Una discussione ha come premessa la conoscenza dell'argomento, in simili situazioni cosa si vuole discutere?

Possiamo diventare adulti fuori. Dobbiamo rimanere bambini dentro.

Segnala questo post ad un operatore | IP: loggato

Scritto il 19-03-2004 22:45
  • clicca oer vedere il profilo di 1453
  • Clicca qui per inviare una email a Mornon
  • Cerca altri post di Mornon
  • cita questo messaggio

Nuitari

foglia di Laurelin
Silmaril Silmaril
anello del potere anello del potere
alleato con house_of_elwe
Eldalie Milano - Oromandi Endoreo
Registrato il:
29-06-2003
Localitŗ:
milano
Post:
4623
Mornon il 19-03-2004 22:45 ha scritto:

Magari la data di nascita no, ma i temi, o la storia? Sono la nostra base culturale, forse saperne a proposito non farebbe poi cosí male... Certo, magari non le userai nel tuo lavoro, ma servono a darti la conoscenza di come mai siamo cosí, a crearti una forma mentale, a darti una base culturale...


Infatti, era ironico.. in quanto portare un esempio di una data, è come ridurre tutto il programma ad una cosa poco utile e che nn si ricorda come quella data. Sono daccordo con te.. ^^"


Meglio regnare all'inferno che servire in paradiso

Segnala questo post ad un operatore | IP: loggato

Scritto il 19-03-2004 22:51
  • clicca oer vedere il profilo di 3461
  • Clicca qui per inviare una email a Nuitari
  • Cerca altri post di Nuitari
  • cita questo messaggio

Frodo_Ba

foglia di Telperion
Silmaril
anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere
alleato con imladris
Eldalie Campania - Uinemmar
Registrato il:
24-02-2002
Localitŗ:
N/A
Post:
2289
Mornon il 19-03-2004 21:38 ha scritto:

Teoricamente potrebbero limitarsi a quello,

Bè,allora teoricamente i professori potrebbero limitarsi ad interrogare gli alunni,senza avere rapporti con loro?il limitarsi al pogramma è moooolto riduttivo.

ma il punto è un'altro: quante volte, per dirne una, il programma di storia viene completato?

B√®,non so negli altri istituti che succede,ma a me √® stato detto da molti professori che anche andando a stretto regime,ad esempio in quinta,non si riusciva a finireil programma,spesso a causa dell'accumulo di arretrati.Ma a cosa sonodovuti quegli arretrati?Ad un biennio che se ne va "per i fatti suoi",cio√®,invece da servire come base e potenziamento,o introduzione,che so,magari arrivando come letteratura fino a Dante,si preoccupa di studiare Elsa Morante (in un modo adatto al biennio)...Quando invece, avvantaggiandosi sul medioevo,al 5 anno si sarebbe giunti ad Elsa Morante,e la si sarebbe trattata in maniera pi√Ļ approfondita,invece di fare la famosa scelta prosa o poesia del '900,quando si arriva a farla,come accade oggi nella maggior parte dei casi.

Se non ha fatto Pirandello, che è nel programma da svolgere, è venuta, seppur magari parzialmente, meno al suo dovere... E direi che Pirandello non è l'ultimo arrivato, da lasciare da parte...

Pirandello lo abbiamo fatto,abbiamo completato il programma di antologia.Io intendevo che la professoressa preferiva sottrarre un'ora a settimana ad antologia per l'attualit√†,e il programma √® stato ugualmente completato,ed √® da notare che non abbiamo "arronzato" nulla...Questo perch√® studiavamo di pi√Ļ,ma era un sacrificio sopportabile.



Ma ha fatto tutto il programma? Ogni autore che doveva fare? O qualcosa indietro si è lasciata? Aveva anche altre materie, oltre a Latino (perché non tutte le scuole hanno Latino, Greco, o simili, ma magari solo storia e Italiano)?

Aveva Italiano,storia e Latino.MAa,per quanto riguarda il programma,vedi sopra.Una cosa però l'abbiamo "sacrificata":l'epica. ( ) ma per altri motivi,non per mancanza di ore.

Quanti sarebbero disposti a fare altre ore, oltre quelle gi√† previste? Il tempo molto soventemente √® stretto, se non inadeguato, gi√† per i normali programmi, lo diventerebbe ancora di pi√ļ se si aggiungesse altri.

Farlo di pomeriggio.Dove verrebbero persone davvero interessate.



Per 15 giorni, io parlavo di una distibuzione continua, periodica, visto che l'ipotesi fatta non poneva limiti di sorta

Bè,allora hai ragione,ma lo si potrebbe poratre ognuno da casa...

Inoltre, si verrebbe a creare un problema: quale giornale? Non √® un problema da poco, badate bene, in quanto ogni testata, quale pi√ļ, quale meno, si rif√† a uno schieramento politico, e la scuola √® (o dovrebbe essere) apartitica.

Infatti,questo problema √® stato posto pi√Ļ volte,e alla fine abbiamo optato per quello che ci semprava maggiormente super partes (non so sia il caso di fare nomi, comunque non ci tengo a fare pubblicit√† a nessun giornale,quindi taccio)

Non si sta parlando solo di restare un po' (quanto?) di pi√ļ, ma magari di fare pomeriggi... quanti sarebbero ancora cos√≠ interessati?

la quantità non è tanto importante,la qualità conta.Anche se fossero 30,ma interessati,sarebbe una conquista

Notare non solo il "a me non interessa" e il disinteresse manifestato, cosa che mi fa propendere verso la mia teoria del voler discutere solo per perdere tempo

Il che non vale per tutti.

ma anche la disinformazione praticamente completa: discutere di attualità? Va bene, ma con che basi? Qui sarebbe raccontare l'attualità, dire cos'è successo, ma discuterla? Una discussione ha come premessa la conoscenza dell'argomento, in simili situazioni cosa si vuole discutere?

Riporto un esempio preso dalla mia carriera scolastica dei due anni precedenti a questo:La nostra professoressa,proprio con lo scopo di farci dicutere dei varia rgomenti di attualità con le adeguate competenze,ogni qualvolta si verificava un caso ci faceva studiare tutto ciò che vi ruotasse intorno,di storia,di geografia,di religione,ecc.Ad esempio,l'attentato dell'11 settembre e la guerra in Afganistan:ne abbiamo letti di libri sull'Islam,scritti spesso da musulmani ,normali cittadini che spiegavano il perchè della loro fede,ne abbaimo letti di reportage dal fronte,di storia del capitalismo americano,di eurocentrismo,di geografia afgana,di storia afgana...
E tutto ciò ha arricchito il programma,con maggiore interesse da parte nostra,perchè eravamo chiamati a studiare per poi poter liberamente esprmere le idde che ci formavamo E' stato bello.


"The Lord of the Rings is a mythology. It is a fairy tale. It's an adventure story. It never happened..except somewhere in our hearts. And yet, there was Hobbiton in three dimensions and smoke coming out of the holes where they live underground. And I believed." Sir Ian McKellen.

¬ę Soles occidere et redire possunt;
Nobis cum semel occidit brevis lux,
Nox est perpetua una dormienda. ¬Ľ
Catullo,carme 5

Segnala questo post ad un operatore | IP: loggato

Scritto il 21-03-2004 16:01
  • clicca oer vedere il profilo di 1066
  • Clicca qui per inviare una email a Frodo_Ba
  • Cerca altri post di Frodo_Ba
  • cita questo messaggio

Mornon

foglia di Laurelin foglia di Telperion
Silmaril Silmaril Silmaril
anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere
OperatoriGuardiani di FeeriaGilda LinguistiComitato Anti-KEldalie Puglia - Laure Londe
Registrato il:
19-04-2002
Localitŗ:
N/A
Post:
23034
Frodo_Ba il 21-03-2004 16:01 ha scritto:
allora teoricamente i professori potrebbero limitarsi ad interrogare gli alunni,senza avere rapporti con loro?


Lí sta al singolo, ma i "rapporti con loro" si possono avere in funzione del programma...


non so negli altri istituti che succede,ma a me è stato detto da molti professori che anche andando a stretto regime,ad esempio in quinta,non si riusciva a finireil programma,spesso a causa dell'accumulo di arretrati


Appunto... aggiungi anche altre cose...


Ma a cosa sonodovuti quegli arretrati?Ad un biennio che se ne va "per i fatti suoi",cioè,invece da servire come base e potenziamento,o introduzione,che so,magari arrivando come letteratura fino a Dante,si preoccupa di studiare Elsa Morante


Il fatto è che Dante non è argomento del programma del biennio (almeno, non in tutti gli istituti), quindi farlo nel biennio è un uscire dal programma; gli arretrati sono dovuto a due cose: lungaggini nelle spiegazioni (quando si torna mille volte sullo stesso argomento, e programmi lunghi.


Quando invece, avvantaggiandosi sul medioevo,al 5 anno si sarebbe giunti ad Elsa Morante,e la si sarebbe trattata in maniera pi√Ļ approfondita,invece di fare la famosa scelta prosa o poesia del '900,quando si arriva a farla,come accade oggi nella maggior parte dei casi


Alcuni professori riescono a fare tutto, e anche di pi√ļ, quindi gi√† solo la persona √® importante; per il resto, bisogna anche vedere cosa c'√® in programma, per non arrivare alla cosa opposta: finire il programma dell'anno, a perch√© lo si √® anticipato agli anni prima, a discapito del programma che era da fare in quei periodi.


Pirandello lo abbiamo fatto,abbiamo completato il programma di antologia


Il problema sono anche le altre materie; considera che magari un professore deve finire il programma di storia, Italiano, antologia e geografia...


il programma è stato ugualmente completato,ed è da notare che non abbiamo "arronzato" nulla


Nessun salto, semplificazione, argomento trattato in modo pi√ļ o meno superficiale, ecc.?


Aveva Italiano,storia e Latino.MAa,per quanto riguarda il programma,vedi sopra


Sopra hai parlato di antologia: i programmi di grammatica e storia sono stati svolti completamente?


Una cosa però l'abbiamo "sacrificata":l'epica. ma per altri motivi,non per mancanza di ore


Non per mancanza di ore, o non solo per mancanza di ore?


Farlo di pomeriggio.Dove verrebbero persone davvero interessate


Esattamente quello che si è detto prima, infatti


lo si potrebbe poratre ognuno da casa


Due problemi: il primo è che non tutti comprano quotidiani, e che spendere uno o due Euro al giorno non è cosí poco; il secondo è che gli alunni arriverebbero con testate differenti.


Il che non vale per tutti


Mai detto quello, infatti


La nostra professoressa,proprio con lo scopo di farci dicutere dei varia rgomenti di attualità con le adeguate competenze,ogni qualvolta si verificava un caso ci faceva studiare tutto ciò che vi ruotasse intorno
[...]
E tutto ciò ha arricchito il programma,con maggiore interesse da parte nostra,perchè eravamo chiamati a studiare per poi poter liberamente esprmere le idde che ci formavamo


E se con questo è riuscita a fare tutto il programma completamente (sottolineo il "tutto" - ossia senza saltare nulla - e il "completamente" - ossia senza superficialità, limitarsi ad accenni, ecc.), complimenti alla professoressa, allora

Possiamo diventare adulti fuori. Dobbiamo rimanere bambini dentro.

Segnala questo post ad un operatore | IP: loggato

Scritto il 21-03-2004 16:15
  • clicca oer vedere il profilo di 1453
  • Clicca qui per inviare una email a Mornon
  • Cerca altri post di Mornon
  • cita questo messaggio

arwen09

Silmaril Silmaril Silmaril
anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere
alleato con gondor
Registrato il:
17-03-2004
Localitŗ:
Arezzo
Post:
204
Se devo dire la verità anch'io ho saputo tutto il giorno dopo agli attentati di Madrid, perchè ero in gita. Me lo ha detto la prof di religione, e quando ha descritto la scena, sono rimasta scioccata, come si può fare una cosa del genere? Come si può uccidere così tanta gente, senza avere rimorsi, oppure come si può morire suicidi in nome della religione?
Sono cose che davvero non concepisco, non le posso sopportare!!!

Im Arwen. Thelin le thaed. Lasto beth nin, tolo nan dan galad.

Segnala questo post ad un operatore | IP: loggato

Scritto il 21-03-2004 16:35
  • cita questo messaggio

Frodo_Ba

foglia di Telperion
Silmaril
anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere
alleato con imladris
Eldalie Campania - Uinemmar
Registrato il:
24-02-2002
Localitŗ:
N/A
Post:
2289
Mornon il 21-03-2004 16:15 ha scritto:
Lí sta al singolo, ma i "rapporti con loro" si possono avere in funzione del programma...

Ma sarebbero limitati...

Il fatto è che Dante non è argomento del programma del biennio (almeno, non in tutti gli istituti), quindi farlo nel biennio è un uscire dal programma; gli arretrati sono dovuto a due cose: lungaggini nelle spiegazioni (quando si torna mille volte sullo stesso argomento, e programmi lunghi.

Io intendevo suggerire un cambiamento nella progammazione,a maggior ragione dato che i programmi sono lunghi

Alcuni professori riescono a fare tutto, e anche di pi√ļ, quindi gi√† solo la persona √® importante;

Beati loro allora
per il resto, bisogna anche vedere cosa c'è in programma, per non arrivare alla cosa opposta: finire il programma dell'anno, a perché lo si è anticipato agli anni prima, a discapito del programma che era da fare in quei periodi.

Si potrebbe discutere con i professori e il preside ,in virt√Ļ dell'autonomia,una riprogrammazione,anche partendo la prima volta da una sezione sperimentale...

Il problema sono anche le altre materie; considera che magari un professore deve finire il programma di storia, Italiano, antologia e geografia...

Penso che allora l'attualità dovrebeb entrare a far parte del programma,in modo da potersi ritagliare uno spazio "legittimo"


Nessun salto, semplificazione, argomento trattato in modo pi√ļ o meno superficiale, ecc.?

Di quelli che abbaimo fatto,no...cioè,noi abbaimo studiato le varie cose del libro,ad esempio,per antologia sceglievamo un autore,lo tarttavamo,poi alla fine dell'anno battevamo a computer il nostro programma, cioè quello che avevamo fatto,lo firmavamo e via...non si fa cosi dappertutto?




Sopra hai parlato di antologia: i programmi di grammatica e storia sono stati svolti completamente?

Intendevo il punto della riprogrammaone (basta confusione,metterò i punti )I programmi di grammatica e storia,allora:storia abbiam finitoil libro, grammatica,vale quanto detto al riguardo di antologia ...



Non per mancanza di ore, o non solo per mancanza di ore?

A noi è stato detto che si trattava di una amncanza di libri none rano stati inseriti nell'elenco quelli di epica poi non so



Esattamente quello che si è detto prima, infatti

ops



Due problemi: il primo è che non tutti comprano quotidiani, e che spendere uno o due Euro al giorno non è cosí poco; il secondo è che gli alunni arriverebbero con testate differenti.

Per quanto riguarda le testate,ci si potrebbe mettere d'accordo su una;per quanto riguarda la spesa,ad esempio quelli che non comprano quotidiani ogni giorno dovrebbero spendere l'euro in pi√Ļ una volta alla settimana...invece delle patatine

E se con questo è riuscita a fare tutto il programma completamente (sottolineo il "tutto" - ossia senza saltare nulla - e il "completamente" - ossia senza superficialità, limitarsi ad accenni, ecc.), complimenti alla professoressa, allora

Abbiamo fatto tutto il programma perchè lo scrivevamo noi dopo averlo fatto,non so se mi spiego...eppure io pensavo si facesse così ovunque...A me hanno fatto afre sempre così,alle medie e al biennio...



"The Lord of the Rings is a mythology. It is a fairy tale. It's an adventure story. It never happened..except somewhere in our hearts. And yet, there was Hobbiton in three dimensions and smoke coming out of the holes where they live underground. And I believed." Sir Ian McKellen.

¬ę Soles occidere et redire possunt;
Nobis cum semel occidit brevis lux,
Nox est perpetua una dormienda. ¬Ľ
Catullo,carme 5

Segnala questo post ad un operatore | IP: loggato

Scritto il 21-03-2004 16:50
  • clicca oer vedere il profilo di 1066
  • Clicca qui per inviare una email a Frodo_Ba
  • Cerca altri post di Frodo_Ba
  • cita questo messaggio

Mornon

foglia di Laurelin foglia di Telperion
Silmaril Silmaril Silmaril
anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere
OperatoriGuardiani di FeeriaGilda LinguistiComitato Anti-KEldalie Puglia - Laure Londe
Registrato il:
19-04-2002
Localitŗ:
N/A
Post:
23034
Frodo_Ba il 21-03-2004 16:50 ha scritto:
sarebbero limitati


Non necessariamente, dipende da come sono impostati.


Io intendevo suggerire un cambiamento nella progammazione,a maggior ragione dato che i programmi sono lunghi


A parte che si verrebbe meno alla cronologicità dell'insegnamento (tieni presente che un fatto è influenzato da quello precedente, è per quello che non si studia prima Dante, e poi Manzoni, per fare un esempio), si avrebbe la stessa mole di materiale, nello stesso tempo, quindi non so quanto si potrebbe guadagnare...


Si potrebbe discutere con i professori e il preside ,in virt√Ļ dell'autonomia,una riprogrammazione,anche partendo la prima volta da una sezione sperimentale


Come sopra.


Penso che allora l'attualità dovrebeb entrare a far parte del programma,in modo da potersi ritagliare uno spazio "legittimo"


Come già detto, richiederebbe un monte ore maggiore, e non so quanti sarebbero d'accordo; inoltre,


Di quelli che abbaimo fatto


Appunto, "di quello che abbiamo fatto"


noi abbaimo studiato le varie cose del libro,ad esempio,per antologia sceglievamo un autore,lo tarttavamo,poi alla fine dell'anno battevamo a computer il nostro programma, cioè quello che avevamo fatto,lo firmavamo e via...non si fa cosi dappertutto?


Volendo sí, quello è il programma svolto, il fatto è che esiste un programma ministeriale, che dice cosa andrebbe fatto; se, per esempio, il programma ministeriale dice che nel secondo anno delle superiori in storia si deve arrivare (pura ipotesi) al 1300, se uno arriva al 1200 non lo ha fatto tutto. Anche perché non ha senso fare un discorso di riuscire a inserire l'attualità facendo tutto il programma, se lo scrive completamente il professore (o gli alunni)... Pensa a una cosa: si decide che il programma dell'anno è, per dirne una, vita di Giulio Cesare; si sarebbe fatto tutto il programma? Quello scelto sí, ma ti pare un programma completo di un anno?


I programmi di grammatica e storia,allora:storia abbiam finitoil libro, grammatica,vale quanto detto al riguardo di antologia


Storia: tutto e completamente, come detto sopra, o solo tutto?
Grammatica: come sopra


A noi è stato detto che si trattava di una amncanza di libri none rano stati inseriti nell'elenco quelli di epica


A parte che si potevano prendere in seguito, se un insegnante non riesce a fare nemmeno una minima parte di lezione se non ha libri allora non so quanto valga...


Per quanto riguarda le testate,ci si potrebbe mettere d'accordo su una


Su quale? Centro, destra o sinistra? Ognuna ha un punto di vista, e perché far vedere solo quello?


per quanto riguarda la spesa,ad esempio quelli che non comprano quotidiani ogni giorno dovrebbero spendere l'euro in pi√Ļ una volta alla settimana


Come se i libri non costassero già abbastanza?)


Abbiamo fatto tutto il programma perchè lo scrivevamo noi dopo averlo fatto,non so se mi spiego...eppure io pensavo si facesse così ovunque...A me hanno fatto afre sempre così,alle medie e al biennio


Come sopra, esiste un programma ministeriale... come detto prima, non ha molto senso fare un discorso di riuscire a inserire l'attualità facendo tutto il programma, se il programma lo scrive completamente il professore... "Programma dell'anno: Vita di Pirandello. Programma svolto."

Possiamo diventare adulti fuori. Dobbiamo rimanere bambini dentro.

Segnala questo post ad un operatore | IP: loggato

Scritto il 21-03-2004 17:32
  • clicca oer vedere il profilo di 1453
  • Clicca qui per inviare una email a Mornon
  • Cerca altri post di Mornon
  • cita questo messaggio

Frodo_Ba

foglia di Telperion
Silmaril
anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere
alleato con imladris
Eldalie Campania - Uinemmar
Registrato il:
24-02-2002
Localitŗ:
N/A
Post:
2289
Mornon il 21-03-2004 17:32 ha scritto:

A parte che si verrebbe meno alla cronologicità dell'insegnamento (tieni presente che un fatto è influenzato da quello precedente, è per quello che non si studia prima Dante, e poi Manzoni, per fare un esempio), si avrebbe la stessa mole di materiale, nello stesso tempo, quindi non so quanto si potrebbe guadagnare...

Mi auto-quoto al riguardo
Ma a cosa sonodovuti quegli arretrati?Ad un biennio che se ne va "per i fatti suoi",cio√®,invece da servire come base e potenziamento,o introduzione,che so,magari arrivando come letteratura fino a Dante,si preoccupa di studiare Elsa Morante (in un modo adatto al biennio)...Quando invece, avvantaggiandosi sul medioevo,al 5 anno si sarebbe giunti ad Elsa Morante,e la si sarebbe trattata in maniera pi√Ļ approfondita,invece di fare la famosa scelta prosa o poesia del '900,quando si arriva a farla,come accade oggi nella maggior parte dei casi

cio√®, nell'antologia del biennio √® compreso l'800 e il 900,poi al 3 anno si torna al medioevo...non sarebbe pi√Ļ logico cominciare un discorso lineare dal biennio?

Come già detto, richiederebbe un monte ore maggiore, e non so quanti sarebbero d'accordo

Anche solo un'ora.Si potrebbero chiedere le opinioni,e ,semmai,provare oppure istituire una classe sperimentale con quell'ora in pi√Ļ e vedere come va avanti (perch√® quelli che si iscrivono l√¨ dovrebbero essere d'accordo K


Volendo sí, quello è il programma svolto, il fatto è che esiste un programma ministeriale, che dice cosa andrebbe fatto; se, per esempio, il programma ministeriale dice che nel secondo anno delle superiori in storia si deve arrivare (pura ipotesi) al 1300, se uno arriva al 1200 non lo ha fatto tutto. Anche perché non ha senso fare un discorso di riuscire a inserire l'attualità facendo tutto il programma, se lo scrive completamente il professore (o gli alunni)... Pensa a una cosa: si decide che il programma dell'anno è, per dirne una, vita di Giulio Cesare; si sarebbe fatto tutto il programma? Quello scelto sí, ma ti pare un programma completo di un anno?

Ma non c'è l'autonomia scolastica?E poi penso che il prof avrebbe il buon senso di non limitarsi alla vita di Cesare e chi non lo fa andrebbe incontro a biasimi al collegio docenti..Credo che il programam dei prof sia stato scritto in base a quello ministeriale,ma non nello stesso modo.



Completamente storia,grammatica ne dubito




A parte che si potevano prendere in seguito, se un insegnante non riesce a fare nemmeno una minima parte di lezione se non ha libri allora non so quanto valga...

E' che era stato adottato un altro testo dal prof precedente,una specie di narrativa....quindi era inutile comprare quelli di epica,se al posto di questa dovevamo fare narrativa..o.o



Su quale? Centro, destra o sinistra? Ognuna ha un punto di vista, e perché far vedere solo quello?

Mi ri-auto-quoto:
Infatti,questo problema √® stato posto pi√Ļ volte,e alla fine abbiamo optato per quello che ci semprava maggiormente super partes


Come se i libri non costassero già abbastanza?

Che dire...il prezzo della cultura



Come sopra, esiste un programma ministeriale... come detto prima, non ha molto senso fare un discorso di riuscire a inserire l'attualità facendo tutto il programma, se il programma lo scrive completamente il professore... "Programma dell'anno: Vita di Pirandello. Programma svolto."

Vedi su...



"The Lord of the Rings is a mythology. It is a fairy tale. It's an adventure story. It never happened..except somewhere in our hearts. And yet, there was Hobbiton in three dimensions and smoke coming out of the holes where they live underground. And I believed." Sir Ian McKellen.

¬ę Soles occidere et redire possunt;
Nobis cum semel occidit brevis lux,
Nox est perpetua una dormienda. ¬Ľ
Catullo,carme 5

Segnala questo post ad un operatore | IP: loggato

Scritto il 21-03-2004 17:54
  • clicca oer vedere il profilo di 1066
  • Clicca qui per inviare una email a Frodo_Ba
  • Cerca altri post di Frodo_Ba
  • cita questo messaggio

Mornon

foglia di Laurelin foglia di Telperion
Silmaril Silmaril Silmaril
anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere
OperatoriGuardiani di FeeriaGilda LinguistiComitato Anti-KEldalie Puglia - Laure Londe
Registrato il:
19-04-2002
Localitŗ:
N/A
Post:
23034
Frodo_Ba il 21-03-2004 17:54 ha scritto:
nell'antologia del biennio √® compreso l'800 e il 900,poi al 3 anno si torna al medioevo...non sarebbe pi√Ļ logico cominciare un discorso lineare dal biennio?


Capito cosa intendi Si avrebbe un problema tempistico: nel triennio si torna indietro per approfondire; se tale approfondimento fosse fatto nel biennio, si dovrebbero togliere cose, e non so quanto sarebbe facile integrare queste cose successivamente, anche perché a volte sono di supporto ad altre materie.


Ma non c'è l'autonomia scolastica?


Sí, ma che io sappia c'è anche il programma ministeriale; altrimenti, cosa vieta di ridurre il programma a un decimo?


E poi penso che il prof avrebbe il buon senso di non limitarsi alla vita di Cesare


A parte che sul buon senso di certe persone mi astengo dal commentare, mai sentito parlare di esempio per assurdo?


Credo che il programam dei prof sia stato scritto in base a quello ministeriale,ma non nello stesso modo


Ma se quello ministeriale c'è ancora (che io sappia sí), lí si dice quello che dovrebbe andare trattato.


E' che era stato adottato un altro testo dal prof precedente,una specie di narrativa....quindi era inutile comprare quelli di epica,se al posto di questa dovevamo fare narrativa


Se era in programma, non al posto, ma a fianco; e non era inutile, era cultura


Infatti,questo problema √® stato posto pi√Ļ volte,e alla fine abbiamo optato per quello che ci semprava maggiormente super partes


Lo so, ho letto, ma "quello che ci semprava maggiormente super partes" non significa né che lo sia per tutto ("ci sembrava"), né che lo sia; per quanto poco un giornale sia schierato, un minimo di schieramento si fa sentire, negli articoli, e questo andrebbe contro l'apartiticità delle scuole...


Vedi su


Idem

Possiamo diventare adulti fuori. Dobbiamo rimanere bambini dentro.

Segnala questo post ad un operatore | IP: loggato

Scritto il 21-03-2004 18:22
  • clicca oer vedere il profilo di 1453
  • Clicca qui per inviare una email a Mornon
  • Cerca altri post di Mornon
  • cita questo messaggio

Nazg√Ľl

anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere
alleato con minas_morgul
Registrato il:
02-02-2004
Localitŗ:
Sermide
Post:
57
Il problema è che, nonostante tutta la buona volontà che ci si possa mettere, è veramente difficile informarsi su un argomento di attualità a tal punto da permettersi di azzardare giudizi.
Possiamo paragonarlo un po' al Signore degli Anelli: non ci si può permettere di definire Denethor un personaggio "cattivo" senza conoscere i retroscena che lo caratterizzano, tanto per riallacciarmi a qualche discussione fatta nei forum appositi.

Spesso (non sempre) informarsi sui problemi del mondo è visto come un pretesto per identificare un "nemico", possiamo definirlo così, contro il quale scagliarsi nell'idea di riportare un po' di ordine al mondo (scusate se non sono chiaro o l'italiano è scorretto ma non sono al top della lucidità in questo momento ).

E poi succede quel che si è visto recentemente, orde di "pacifisti" scagliarsi per le strade inneggiando ad una pace fatta di parole mentre la gente che muore veramente gli sputerebbe in faccia se solo potesse.

Sarebbe meglio una maggior informazione, sì, ma una VERA e CORRETTA informazione richiederebbe del tempo che la nostra società frenetica non sarebbe in grado di dare.

P.S. per Stella del Vespro: hai mai provato a leggere i fumetti di Mafalda? Leggili credo ti piacerebbero

"Delle cinque alte figure, due erano in piedi sull'orlo della conca e tre stavano avanzando. Nei loro visi bianchi fiammeggiavano occhi penetranti e spietati; sotto le cappe, portavano un abito lungo e grigio, e sui capelli grigi, un elmo d'argento; le loro mani scarne stringevano spade d'acciaio. Il loro sguardo cadeva su di lui, attraversandolo; ed essi si precipitarono mentre, disperato, egli sfoderava la propria spada che parve rossa e incandescente come un tizzone."

Segnala questo post ad un operatore | IP: loggato

Scritto il 22-03-2004 19:50
  • cita questo messaggio
Rispondi [ Torna al forum principale | Torna su ]

Vai a [Go]
Total: 0.063356 - Query: 0.004388 Elaborazione 0.03791 Print 0.001416 Emoticons/Tengwar/Quote 0.000864 © Eldalië.it