Eldalie.it - Forum

RSS Forum di Eldalie [in lavorazione]
[Go]


Ho dimenticato la password
Iscritti online sul forum:
 
  1. ATTENZIONE: LAVORI IN CORSO
Il Ciclo del Marinaio
Pagina 10 di 22. Vai a pagina 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22
AutorePost
Pagina 10 di 22. Vai a pagina 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22

Voronwe Aranwion

Silmaril Silmaril Silmaril
anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere
alleato con Eru
Comitato Anti-K
Registrato il:
05-07-2004
Località:
N/A
Post:
1141
Dunque, dato che i miei post di ieri sono appannati e appannanti e non si capisce quello che dicono, o se si capisce voi lo fraintendete o lo ingarbugliate, mando un super post intelligente (tra l’altro ho appena scoperto che è il mio post numero 200, un motivo in più di farlo bello).
E quale occasione per riscattarmi sarebbe migliore che il Racconto del Marinaio e del Nanosterro?
Allora, bisogna dire subito una cosa: gli altri racconti, chi più chi meno chi meno chi più, erano basati sul dialogo o sulla riflessione, in essi la psicologia dei personaggi era ampiamente descritta e erano tutti abbastanza pesantucci (in senso buono, si intende. Anche il Silmarillion è pesantuccio, per questo). Questo invece è diverso, è una vera e propria avventura di Erfea in terre sconosciute e pericolose, dove accanto al dialogo e alla riflessione è presente anche l’azione, seppur in quantità limitata, e è anche molto più scorrevole degli altri. Non per questo è da meno, anzi. In questa discussione la parola capolavoro è già stata usata troppo, e ho paura che continuando ad usarla Erfea Autore pensi che sia un’iposcrisia e che la diciamo solo per farlo contento, per cui non la ripeterò. La definisco un’opera in stile classico, un buon lavoro, una prova lampante dell’abilità letteraria di un Erfea e dell’abilità guerresca dell’altro Erfea, un ottimo testo con un’ottimo soggetto, ma non un capolavoro. A continuare ad usare quella parola perde di significato, e io la voglio tenere come un bonus da dare solo quanto avrò letto tutto il Ciclo (se ce la farò) senza usarla a sproposito. Chiusa questa parentesi, passiamo alla trama, magnificamente costruita. Erfea è in un’osteria di Brea, quelle classiche osterie di Brea nelle quali si incontrano tutti a tutte le ore. E lui incontra un gruppo di nani e un gruppo di Numenoreani Neri. Il capoccia dei Numenoreani Neri decide subito di fare lo sbruffone con i nani, li provoca, li minaccia, li snobba da buon Numenoreano Nero, e ci scapperebbe il morto (non si sa da che parte ma probabilmente da tutte e due) se non intervenisse Erfea, che mozza la mano al cattivo e gli frega un anello tipico dei servo di Pharazon che si rivelerà fondamentale in seguito. I nani ovviamente sono riconoscenti, e invitano Erfea alla loro dimora, niente di meno che Khazad-Dum. Erfea giunge a Khazad e conosce il re Durin III, che ha già ricevuto uno dei Sette ma che non è ancora cattivo. Erfea fa la figura del bravo, dell’intelligente e del lungimirante e viene trattato con cortesia dal sovrano, che gli permette di visitare il suo reame, e dalla descrizioone di esso viene davvero una grande tristezza a sapere che tutto ciò si ridurrà a un’ombra di quello descritto per colpa dell’avidità dei nani e della presenza del Balrog. Ma anche qui ci sono i cattivi, loro ci sono dappertutto, e tramano come tutti i cattivi. La vicenda vera e propria inizia con l’arrivo di un messo da un reame nanico situato all’estremo est, che dice che nel regno di Tumul-Gabil sono accadute cose orribili che non sto a enumerare essendo troppo lunghe e poi non vorrei rovinare con le mie parole tutto sommato banali e comuni il discorso tra Durin III, il messaggero, i cattivi, Naug Thalion (il nano che Erfea a salvato a Brea) e lo stesso Erfea, che è praticamente il consigliere di Durin. Alla fine Erfea, Naug Thalion e altri prodi decidono di andare a vedere cosa è successo in quel reame i cui abitanti sono o morti o scappati o impazziti. Vanno, e il viaggio è pieno di pericoli, c’è un’ottima suspence alimentata anche dalla presenza a volte rassicurante e a volte ingannatrice di Sulring, la spada gondoliana di Erfea (noi gondolinfrim le fabbricavamo proprio bene le spade), che si illumina quando ci sono in giro Orchi etcetera ma che non è in grado di mostrare.... qualcosa che sarebbe stato meglio mostrare. Giunti alla fortezza-città, la vedono pullulare di orchi nel vero senso della parola. Allora Erfea si dimostra ancora una volte un eroe intelligente, oltre che buono e generoso e coraggioso, e infilandosi l’anello del Numenoreano Nero si spaccai per uno di loro e introduce due nani nella fortezza come se fossero prgionieri. Non mi dilungo sulle loro peregrinazioni nelle viscere della terra nel vero senso della parola, peregrinazioni piene di insidie e di pericoli, ho paura ancora una volta di rovinarle con le mie parole, mi farò troppi scrupoli ma non ho mai sopportato quelli che commentano un’opera smontandola pezzo per pezzo e banalizzandola pensando di elogiarla. Faccio bene, faccio male, non lo so, ma sono così. La fine è lieta nel suo piccolo, come in tutti gli altri racconti, si capisce che finiscono bene in apparenza ma che in realtà le sofferenze di Erfea Hyarrostar e il lavoro di Erfea Autore (come poterli distinguere senza ricorrere a tutte queste parole per non creare confusione? Erfea Autore, aiutaci tu) non sono ancora finiti. Altre sofferenze e latro lavoro li attendono, uno deve lavorare per far soffrire l’altro che deve soffrire per far lavorare l’uno, fino alla fine del Ciclo.
Erfea, non c’è che dire, ancora una volta le parole sono poche per dire quello che penso, e non so neanche se tu e gli altri arriverete a questo punto, il messaggio è chilometrico, voglio aggiungere ancora qualcosa ma lo farò in un altro post, o questo diverrà davvero interminabile. Ma, se tu arriverai a questo punto, voglio dirti qualcosa: Erfea, eroe e autore, a tutti e due mi sto rivolgendo, siete unici. tutti sono unici, anche io con i miei difetti e con i miei pregi, ma voi siete ancora più unici. Siete mitici. Anche voi (almeno quello eroe, ma penso anche quello autore) avete debolezze, punti deboli, difetti etcetera, ma i vostri pregi li superano (almeno per quanto riguarda l’eroe. Erfea Autore, penso proprio che questo valga anche per te, i tuoi scritti sono troppo belli per appartenere ad un figuro meschino e ottuso). Non smettere, prosegui, e rallegrerai anche altri, oltre che alle solite dieci persone su un forum. E se avrai successo, se, almeno ricordati di noi, che ti abbiamo incoraggiato e supportato. Ora basta, sto diventando troppo buono, e il post sta diventanto troppo lungo. Ciao a tutti, e grazie se siete arrivati qui. I prossimi post saranno più corti. Promesso.


E' giunta l'ora di andare. Ciascuno di noi va per la propria strada: io a morire, voi a vivere. Che cosa sia meglio, Iddio solo lo sa.
(Platone, Apologia di Socrate)

Segnala questo post ad un operatore | IP: loggato

Scritto il 19-11-2004 17:47
  • cita questo messaggio

Mornon

foglia di Laurelin foglia di Telperion
Silmaril Silmaril Silmaril
anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere
OperatoriGuardiani di FeeriaGilda LinguistiComitato Anti-KEldalie Puglia - Laure Londe
Registrato il:
19-04-2002
Località:
N/A
Post:
23034
Il Racconto del Marinaio e dell'Albero Bianco
Bello, nulla da dire su questo; l'impressione di un Erfea "superuomo" è rimasta, ma non in senso dispregiativo: semplicemente, a volte sembra quasi un destino, la sua natura che diventa piú importante della sua tenacia, cosa che si unisce a una capacità in ogni campo si debba destreggiare (deve navigare? buon marinaio; deve combattere? ottimo guerriero; deve comandare? eccellente comandante; ecc.). È portato, dove piú, dove meno, in ogni campo del caso. Con questo, ripeto, non voglio essere dispregiativo, semplicemente è un'impressione che mi viene dai racconti.
Sul racconto in sé, mi ha colpito il discorso di Sauron ai Númenoreani: accattivante, sotto certi versi sottile, sfocia addirittura nell'insensatezza, in alcuni casi, ma lo spirito corrotto della popolazione ormai non riesce nemmeno piú ad accorgersene; è la summa di quanto fatto da Sauron, le sue azioni e il suo modus operandi si uniscono in esso per dare l'ultima stretta al nodo che ha posto su Númenor e su quasi tutto il suo popolo, in un modo che li porterà alla rovina.

Possiamo diventare adulti fuori. Dobbiamo rimanere bambini dentro.

Segnala questo post ad un operatore | IP: loggato

Scritto il 21-11-2004 01:15
  • clicca oer vedere il profilo di 1453
  • Clicca qui per inviare una email a Mornon
  • Cerca altri post di Mornon
  • cita questo messaggio

Mornon

foglia di Laurelin foglia di Telperion
Silmaril Silmaril Silmaril
anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere
OperatoriGuardiani di FeeriaGilda LinguistiComitato Anti-KEldalie Puglia - Laure Londe
Registrato il:
19-04-2002
Località:
N/A
Post:
23034
Il Racconto del Marinaio e del Nanosterro
Come gli altri, questo racconto si difende degnamente
Nulla in particolare da segnalare sul racconto in sé (le note sulla forma le ho già fatte direttamente all'autore ), a parte nel finale: come altri prima di questo, l'ho trovato decisamente ben scritto
Mi hanno lasciato un po' perplesso i Nani vili, mentitori, e simili, ma simili elementi ci saranno anche in quella razza...
E ora passo alle Appendici

Possiamo diventare adulti fuori. Dobbiamo rimanere bambini dentro.

Segnala questo post ad un operatore | IP: loggato

Scritto il 21-11-2004 13:31
  • clicca oer vedere il profilo di 1453
  • Clicca qui per inviare una email a Mornon
  • Cerca altri post di Mornon
  • cita questo messaggio

Erfea

foglia di Telperion
Silmaril
anello del potere
alleato con numenore
Eldalie Puglia - Laure LondeStoriciGuardiani di FeeriaHeren Istarion
Registrato il:
28-05-2004
Località:
Bitonto
Post:
1596
La fine di Elwen
Passo adesso ad affrontare un tema controverso e sul quale, premetto subito, non c'è una risposta definitiva: la sorte ultima di Elwen, la mezzelfa che ha scelto una vita immortale.
Sul suo destino c'è solo una frase, almeno fino a questo momento:

“Ella è perduta, tuttavia il destino ha voluto che io dovessi specchiarmi ancora una volta nel suo luminoso viso.” Il Ciclo del marinaio, pag. 178

Cosa voleva dire Erfea con quella frase? Ci sono due spiegazioni plausibili: l'una, secondo la quale Elwen sarebbe morta; l'altra, invece, secondo la quale Elwen si sarebbe allontanata dalla Terra di Mezzo per raggiungere Tol-Eressea: in entrambi i casi, Elwen risulterebbe comunque perduta per Erfea.
Se accettiamo l'ipotesi che sia morta, dobbiamo cercare di capire come sia potuta morire e su questo non credo possano esserci dubbi: essendo divenuta un'elfa, Elwen poteva morire solo per morte violenta o lasciarsi andare alla morte; escludendo quest'ultima ipotesi che mi pare lontana dalla psicologia del personaggio, dovrei optare per la prima.
Chi poteva volere Elwen morta?
Se analizziamo l'intero corpus, ci accorgiamo che molti personaggi sembrano essere venuti a conoscenza di quanto è accaduto ad Edhellond, elfi (Celebrian), uomini (Miriel), e anche nani:

"Gli elfi di Edhellond avevano subito l’attacco dei servi dell’Oscuro Signore, mentre sire Morwin e dama Elwen si erano smarriti e di essi nessuno conosceva il destino ultimo". ibidem pag. 153

Tutti quelli che però sembrano informati sul fatto che Elwen ed Erfea avessero condiviso alcuni anni della loro esistenza insieme, appartengono alla schiere dei "buoni".
E dei "cattivi" qualcuno sapeva nulla a tal proposito?
Ar-Pharazon nemico "storico" di Erfea avrebbe potuto saperlo dalla moglie...ma io lo escluderei perchè non si può certo dire che tra i due vi fosse molto dialogo.
C'è tuttavia più di uno tra i servi di Sauron che avrebbe potuto sapere qualcosa a riguardo: il Re Stregone, ad esempio, che aveva assediato Edhellond, patria di Elwen e per qualche tempo di Erfea; il nazgul Adunaphel, che si era battuta contro Morwin ed Erfea ad Umbar; il nazgul Akhorahil che odiava Erfea fin da quando era un ragazzo perchè era entrato nella sua fortezza nel profondo Harad e ne era uscito vivo. Questi spettri sapevano anche del legame fra Erfea ed Elwen? Possono aver deciso di ucciderla per vendicarsi del loro nemico? E' possibile...come, tuttavia, è altrettanto possibile che Elwen sia caduta vittima di animali feroci che a quel tempo dovevano essere presenti in gran quantità.
Come ho premesso, il mistero rimarrà tale e non verrà mai sciolto completamente...io ho fatto delle ipotesi, scegliete voi quella che preferite


"Se tale è il nostro destino, che il mondo degli Eldar e degli Edain debba perire nella Tenebra, ebbene possano essere l’elmo e la cotta di maglia i nostri orgogliosi sudari!”Il Racconto del marinaio e del Re Stregone" di D.F.A. Elia, pag. 24

Segnala questo post ad un operatore | IP: loggato

Scritto il 21-11-2004 16:42
  • clicca oer vedere il profilo di 4653
  • Clicca qui per inviare una email a Erfea
  • Cerca altri post di Erfea
  • cita questo messaggio

Erfea

foglia di Telperion
Silmaril
anello del potere
alleato con numenore
Eldalie Puglia - Laure LondeStoriciGuardiani di FeeriaHeren Istarion
Registrato il:
28-05-2004
Località:
Bitonto
Post:
1596
Mornon il 21-11-2004 01:15 ha scritto:
Bello, nulla da dire su questo; l'impressione di un Erfea "superuomo" è rimasta, ma non in senso dispregiativo: semplicemente, a volte sembra quasi un destino, la sua natura che diventa piú importante della sua tenacia, cosa che si unisce a una capacità in ogni campo si debba destreggiare (deve navigare? buon marinaio; deve combattere? ottimo guerriero; deve comandare? eccellente comandante; ecc.). È portato, dove piú, dove meno, in ogni campo del caso. Con questo, ripeto, non voglio essere dispregiativo, semplicemente è un'impressione che mi viene dai racconti.
[...]
Possiamo diventare adulti fuori. Dobbiamo rimanere bambini dentro.


Effettivamente Erfea è esperto di molte arti umane...ricorda, da questo punto di vista, l'Odisseo di Omero: eccellente capitano, prode guerriero, esperto delle tradizioni degli uomini e anche di altri popoli, dotato di sangue freddo ecc ecc
Tuttavia, c'è un rovescio della medaglia...Erfea paga il suo essere "perfetto", se così vogliamo dire, con l'incapacità di conservare presso di sè l'amore delle persone cui è maggiormente affezionato; certo, egli è molto bravo nell'occultare tale amarezza di fondo nella sua esistenza e la sua "fredda perfezione" come io la definisco, lo aiuta nel mantenere segreto questo suo stato d'animo; eppure, è Erfea stesso che confessa ciò, in un dialogo che ha con Isildur nel nuovo racconto che si intitolerà "Il Racconto del marinaio e del Re Stregone":

"possente è la lungimiranza della tua stirpe e può essere che tu intraveda eventi che devono ancora essere e che la mia anima non scorge, incapace di lacerare il velo che occulta infausti ricordi e che sapientemente ha tessuto in anni di esilio per mascherare il dolore della perdita.” Il Ciclo del marinaio, pag. 242

La profonda conoscenza di molti fra i campi di sapere dei figli di Iluvatar, non ha dunque impedito ad Erfea di comportarsi in maniera sbagliata con Miriel, con Elwen e di pagarne duramente le conseguenze...in questo sta l'imperfezione morale dell'eroe, nella sua incapacità di saper vivere appieno la vita.

"Se tale è il nostro destino, che il mondo degli Eldar e degli Edain debba perire nella Tenebra, ebbene possano essere l’elmo e la cotta di maglia i nostri orgogliosi sudari!”Il Racconto del marinaio e del Re Stregone" di D.F.A. Elia, pag. 24

Segnala questo post ad un operatore | IP: loggato

Scritto il 21-11-2004 19:44
  • clicca oer vedere il profilo di 4653
  • Clicca qui per inviare una email a Erfea
  • Cerca altri post di Erfea
  • cita questo messaggio

Burgravio di Angband

anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere
alleato con angband
Registrato il:
22-11-2004
Località:
N/A
Post:
75
Mio nobile scrittore, la vostra fama è umanamente riconosciuta, e ambisco a leggere le vostre opere, delle quali l’Aranwion mi ha molto parlato. Tuttavia, egli ha reticenza a permettere alla mia persona di leggere le copie in mano sua, temo per paura di violare i diritti d’autore facendo circolare testi senza il permesso dell’autore stesso, e mi domando se è troppo da parte mia osar sperare che voi, eccelso narratore, lo portate su più disponibili sentieri.
Colgo inoltre l’occasione per complimentarvi con voi per il lavoro svolto, che anche se non ho ancora potuto esaminare si annuncia molto interessante.

Segnala questo post ad un operatore | IP: loggato

Scritto il 22-11-2004 16:07
  • clicca oer vedere il profilo di 4943
  • Cerca altri post di Burgravio di Angband
  • cita questo messaggio

Mornon

foglia di Laurelin foglia di Telperion
Silmaril Silmaril Silmaril
anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere
OperatoriGuardiani di FeeriaGilda LinguistiComitato Anti-KEldalie Puglia - Laure Londe
Registrato il:
19-04-2002
Località:
N/A
Post:
23034
Erfea il 21-11-2004 16:42 ha scritto:
il Re Stregone, ad esempio, che aveva assediato Edhellond, patria di Elwen e per qualche tempo di Erfea; il nazgul Adunaphel, che si era battuta contro Morwin ed Erfea ad Umbar; il nazgul Akhorahil che odiava Erfea fin da quando era un ragazzo perchè era entrato nella sua fortezza nel profondo Harad e ne era uscito vivo


Domanda: il Re Stregone potrebbe averlo saputo da prigionieri e simili, ma gli altri due? Uno scontro contro Erfea e Morwin, scontro in cui nulla viene detto di Elwen, e l'odio non danno informazioni...


Erfea il 21-11-2004 19:44 ha scritto:
La profonda conoscenza di molti fra i campi di sapere dei figli di Iluvatar, non ha dunque impedito ad Erfea di comportarsi in maniera sbagliata con Miriel, con Elwen


Con Elwen ho ancora i miei dubbi... vero è che non le ha detto come mai si era allontanato da Númenor, prima del diverbio, ma anche vero è che Elwen, col suo comportamento improvviso e generico, non gliene ha poi data possibilità...

Possiamo diventare adulti fuori. Dobbiamo rimanere bambini dentro.

Segnala questo post ad un operatore | IP: loggato

Scritto il 22-11-2004 16:32
  • clicca oer vedere il profilo di 1453
  • Clicca qui per inviare una email a Mornon
  • Cerca altri post di Mornon
  • cita questo messaggio

Voronwe Aranwion

Silmaril Silmaril Silmaril
anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere
alleato con Eru
Comitato Anti-K
Registrato il:
05-07-2004
Località:
N/A
Post:
1141
Cosa che viene in mente con tre giorni di ritardo
Prendete l'Odissea, quando Ulisse fa la strage dei proci, e prendete il racconto del nanosterro dove c'è il duoello tra Erfea e il capo di Tumul-Gabil.
In tutti e due i casi c'è un duello, i contendenti parlano e in tutti e due i casi il linguaggio è prolisso (Omero e Erfea devono essere parenti ), eppure la narrazione non ne risulta minimamente rallentata, come se invece di righe e righe le battute fossero monosillabi e imprecazioni. Ora, non so se il nostro Erfea abbia voluto o no questo effetto, ma di sicuro c'è. Quindi è un punto in più al ciclo del marinaio (ogni giorno che li leggo, quei racconti mi dicono qualcosa in più e mi pongono altre domande e dubbi; penso che sia una buona cosa...)

E' giunta l'ora di andare. Ciascuno di noi va per la propria strada: io a morire, voi a vivere. Che cosa sia meglio, Iddio solo lo sa.
(Platone, Apologia di Socrate)

Segnala questo post ad un operatore | IP: loggato

Scritto il 22-11-2004 17:36
  • cita questo messaggio

Erfea

foglia di Telperion
Silmaril
anello del potere
alleato con numenore
Eldalie Puglia - Laure LondeStoriciGuardiani di FeeriaHeren Istarion
Registrato il:
28-05-2004
Località:
Bitonto
Post:
1596
Mornon il 22-11-2004 16:32 ha scritto:
Erfea il 21-11-2004 16:42 ha scritto:
il Re Stregone, ad esempio, che aveva assediato Edhellond, patria di Elwen e per qualche tempo di Erfea; il nazgul Adunaphel, che si era battuta contro Morwin ed Erfea ad Umbar; il nazgul Akhorahil che odiava Erfea fin da quando era un ragazzo perchè era entrato nella sua fortezza nel profondo Harad e ne era uscito vivo


Domanda: il Re Stregone potrebbe averlo saputo da prigionieri e simili, ma gli altri due? Uno scontro contro Erfea e Morwin, scontro in cui nulla viene detto di Elwen, e l'odio non danno informazioni...


Erfea il 21-11-2004 19:44 ha scritto:
La profonda conoscenza di molti fra i campi di sapere dei figli di Iluvatar, non ha dunque impedito ad Erfea di comportarsi in maniera sbagliata con Miriel, con Elwen


Con Elwen ho ancora i miei dubbi... vero è che non le ha detto come mai si era allontanato da Númenor, prima del diverbio, ma anche vero è che Elwen, col suo comportamento improvviso e generico, non gliene ha poi data possibilità...

Possiamo diventare adulti fuori. Dobbiamo rimanere bambini dentro.


Per il destino di Elwen: sì, le circostanze in cui avvengono gli scontri con gli altri due nazgul, non forniscono motivazioni sulla natura del legame tra Erfea ed Elwen, tuttavia, se ammettiamo che il Re Stregone sia venuto a conoscenza di questo sentimento, avrebbe avuto molto interesse a comunicarlo ad Adunaphel e ad Akhorahil, più che a tutti gli altri nazgul, che odiavano Erfea in maniera "generica" perchè era un nemico di Mordor, ma, al contrario di Adunaphel e di Akhorahil, non avevano "motivazioni personali" per odiare il Dunadan.
Per Elwen ed Erfea: beh, certo Elwen i suoi errori li fa e non sono neanche piccoli...tuttavia, la menozgna di Morwin ha preso vita in un terreno, quello dell'animo di Elwen, nel quale non c'era motivo razionale che la spingesse a non credere alle parole dell'elfo; stando alle informazioni che Elwen possedeva, Erfea avrebbe anche potuto essere "teoricamente" un assassino dei suoi genitori....d'altra parte, è anche vero che ella avrebbe potuto dar credito ad Erfea solo in base all'amore che provava per lui, tuttavia la reticenza del Dunadan ha contribuito a produrre tale situazione.

"Se tale è il nostro destino, che il mondo degli Eldar e degli Edain debba perire nella Tenebra, ebbene possano essere l’elmo e la cotta di maglia i nostri orgogliosi sudari!”Il Racconto del marinaio e del Re Stregone" di D.F.A. Elia, pag. 24

Segnala questo post ad un operatore | IP: loggato

Scritto il 22-11-2004 19:15
  • clicca oer vedere il profilo di 4653
  • Clicca qui per inviare una email a Erfea
  • Cerca altri post di Erfea
  • cita questo messaggio

Mornon

foglia di Laurelin foglia di Telperion
Silmaril Silmaril Silmaril
anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere
OperatoriGuardiani di FeeriaGilda LinguistiComitato Anti-KEldalie Puglia - Laure Londe
Registrato il:
19-04-2002
Località:
N/A
Post:
23034
Erfea il 22-11-2004 19:15 ha scritto:
nel quale non c'era motivo razionale che la spingesse a non credere alle parole dell'elfo


I comportamenti che aveva avuto prima nei suoi confronti, addirittura accusandola di venire meno alla parola data, dandone specificatamente la colpa ad Erfea? Che non ci abbia magari pensato è un'altra cosa, ma mi pare un motivo se non altro per covare il dubbio...


è anche vero che ella avrebbe potuto dar credito ad Erfea solo in base all'amore che provava per lui


Se non altro, dargli la possibilità di spiegarsi, invece che aggredirlo in quel modo; del resto, era anche lungimirante, no?


tuttavia la reticenza del Dunadan ha contribuito a produrre tale situazione


Lei ha mai chiesto di dirle come mai lui aveva lasciato Númenor? Se no, non so quanto si possa parlare di reticenza...

Possiamo diventare adulti fuori. Dobbiamo rimanere bambini dentro.

Segnala questo post ad un operatore | IP: loggato

Scritto il 22-11-2004 20:07
  • clicca oer vedere il profilo di 1453
  • Clicca qui per inviare una email a Mornon
  • Cerca altri post di Mornon
  • cita questo messaggio

Erfea

foglia di Telperion
Silmaril
anello del potere
alleato con numenore
Eldalie Puglia - Laure LondeStoriciGuardiani di FeeriaHeren Istarion
Registrato il:
28-05-2004
Località:
Bitonto
Post:
1596
Mornon il 22-11-2004 20:07 ha scritto:
Erfea il 22-11-2004 19:15 ha scritto:
nel quale non c'era motivo razionale che la spingesse a non credere alle parole dell'elfo


I comportamenti che aveva avuto prima nei suoi confronti, addirittura accusandola di venire meno alla parola data, dandone specificatamente la colpa ad Erfea? Che non ci abbia magari pensato è un'altra cosa, ma mi pare un motivo se non altro per covare il dubbio...


è anche vero che ella avrebbe potuto dar credito ad Erfea solo in base all'amore che provava per lui


Se non altro, dargli la possibilità di spiegarsi, invece che aggredirlo in quel modo; del resto, era anche lungimirante, no?


tuttavia la reticenza del Dunadan ha contribuito a produrre tale situazione


Lei ha mai chiesto di dirle come mai lui aveva lasciato Númenor? Se no, non so quanto si possa parlare di reticenza...

Possiamo diventare adulti fuori. Dobbiamo rimanere bambini dentro.


Considerazioni giuste, però bisogna considerare che Elwen, seppur lungimirante, è ancora giovane e dunque immatura (cronologia alla mano, al momento dell'incontro con Erfea aveva appena 78 anni, dunque era giovanissima).
Inoltre ho sempre pensato che la sua "doppia natura" (la scelta dell'immortalità avviene infatti in un momento successivo) la ponesse in uno stato psicologico tale da essere spesso vittima degli impusi irrazionali che nel suo cuore nutriva.

"Se tale è il nostro destino, che il mondo degli Eldar e degli Edain debba perire nella Tenebra, ebbene possano essere l’elmo e la cotta di maglia i nostri orgogliosi sudari!”Il Racconto del marinaio e del Re Stregone" di D.F.A. Elia, pag. 24

Segnala questo post ad un operatore | IP: loggato

Scritto il 22-11-2004 20:44
  • clicca oer vedere il profilo di 4653
  • Clicca qui per inviare una email a Erfea
  • Cerca altri post di Erfea
  • cita questo messaggio

Mornon

foglia di Laurelin foglia di Telperion
Silmaril Silmaril Silmaril
anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere
OperatoriGuardiani di FeeriaGilda LinguistiComitato Anti-KEldalie Puglia - Laure Londe
Registrato il:
19-04-2002
Località:
N/A
Post:
23034
Erfea il 22-11-2004 20:44 ha scritto:
bisogna considerare che Elwen [...]
[...]
ho sempre pensato che la sua "doppia natura" [...] la ponesse in uno stato psicologico tale da essere spesso vittima degli impusi irrazionali che nel suo cuore nutriva


Vero; ma, a questo punto, quanto si può parlare di "comportamento sbagliato" di Erfea?

Possiamo diventare adulti fuori. Dobbiamo rimanere bambini dentro.

Segnala questo post ad un operatore | IP: loggato

Scritto il 22-11-2004 20:47
  • clicca oer vedere il profilo di 1453
  • Clicca qui per inviare una email a Mornon
  • Cerca altri post di Mornon
  • cita questo messaggio

Erfea

foglia di Telperion
Silmaril
anello del potere
alleato con numenore
Eldalie Puglia - Laure LondeStoriciGuardiani di FeeriaHeren Istarion
Registrato il:
28-05-2004
Località:
Bitonto
Post:
1596
Mornon il 22-11-2004 20:47 ha scritto:
Erfea il 22-11-2004 20:44 ha scritto:
bisogna considerare che Elwen [...]
[...]
ho sempre pensato che la sua "doppia natura" [...] la ponesse in uno stato psicologico tale da essere spesso vittima degli impusi irrazionali che nel suo cuore nutriva


Vero; ma, a questo punto, quanto si può parlare di "comportamento sbagliato" di Erfea?

Possiamo diventare adulti fuori. Dobbiamo rimanere bambini dentro.


Credo che si possa parlare di questo a proposito della sua incapacità di fondo di comprendere la "doppia natura" dell'animo di Elwen...oltre che nel non averle mai detto nulla sulla sua condizione di esule...certo Elwen avrebbe potuto chiederlo anzichè aspettare che fosse il Dunadan a parlare, ma in fondo, anche per la sua maggiore età e maturità, non sarebbe forse toccato ad Erfea rivelarle tale condizione?

"Se tale è il nostro destino, che il mondo degli Eldar e degli Edain debba perire nella Tenebra, ebbene possano essere l’elmo e la cotta di maglia i nostri orgogliosi sudari!”Il Racconto del marinaio e del Re Stregone" di D.F.A. Elia, pag. 24

Segnala questo post ad un operatore | IP: loggato

Scritto il 22-11-2004 20:53
  • clicca oer vedere il profilo di 4653
  • Clicca qui per inviare una email a Erfea
  • Cerca altri post di Erfea
  • cita questo messaggio

Mornon

foglia di Laurelin foglia di Telperion
Silmaril Silmaril Silmaril
anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere
OperatoriGuardiani di FeeriaGilda LinguistiComitato Anti-KEldalie Puglia - Laure Londe
Registrato il:
19-04-2002
Località:
N/A
Post:
23034
Erfea il 22-11-2004 20:53 ha scritto:
in fondo, anche per la sua maggiore età e maturità, non sarebbe forse toccato ad Erfea rivelarle tale condizione?


Forse sí, ma parlare di una simile condizione non è facile; inoltre, c'è da chiedersi un'altra cosa: Elwen gli ha mai chiesto nulla in merito? Perché, se a richiesta Erfea avrebbe risposto, allora in tutti quegli anni non sono mai arrivati sull'argomento.
Magari per il non aver affrontato la questione ("magari" perché non posso sapere come esattamente si sono svolte le cose) la colpa va anche ad Erfea, e di certo una parte di colpa è sua perché non ha provato a capire il perché della rabbia di lei; anche lei, al pari di Miriel, non è riuscita ad avere abbastanza fiducia nel nostro, quel tanto che bastava per chiedergli spiegazioni?

Possiamo diventare adulti fuori. Dobbiamo rimanere bambini dentro.

Segnala questo post ad un operatore | IP: loggato

Scritto il 22-11-2004 21:24
  • clicca oer vedere il profilo di 1453
  • Clicca qui per inviare una email a Mornon
  • Cerca altri post di Mornon
  • cita questo messaggio

Mornon

foglia di Laurelin foglia di Telperion
Silmaril Silmaril Silmaril
anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere
OperatoriGuardiani di FeeriaGilda LinguistiComitato Anti-KEldalie Puglia - Laure Londe
Registrato il:
19-04-2002
Località:
N/A
Post:
23034
Appendice A
Ben scritta, ho trovato interessanti le storie dei vari Nazgûl, e anche ben gestita l'interazione tra alcuni di loro: non eccessiva, forse addirittura poco presente (ma qui è puramente gusto personale), quel tanto che basta per far vedere un legame tra di loro ancor prima che diventassero effettivamente Nazgûl.
Ma quanto di quanto scritto è inventato da te (da Tokien penso poco, dal gioco?)?

Possiamo diventare adulti fuori. Dobbiamo rimanere bambini dentro.

Segnala questo post ad un operatore | IP: loggato

Scritto il 23-11-2004 01:34
  • clicca oer vedere il profilo di 1453
  • Clicca qui per inviare una email a Mornon
  • Cerca altri post di Mornon
  • cita questo messaggio

Erfea

foglia di Telperion
Silmaril
anello del potere
alleato con numenore
Eldalie Puglia - Laure LondeStoriciGuardiani di FeeriaHeren Istarion
Registrato il:
28-05-2004
Località:
Bitonto
Post:
1596
Miriel ed Elwen: due modelli femminili a paragone
Mornon il 22-11-2004 21:24 ha scritto:
Erfea il 22-11-2004 20:53 ha scritto:
in fondo, anche per la sua maggiore età e maturità, non sarebbe forse toccato ad Erfea rivelarle tale condizione?


Forse sí, ma parlare di una simile condizione non è facile; inoltre, c'è da chiedersi un'altra cosa: Elwen gli ha mai chiesto nulla in merito? Perché, se a richiesta Erfea avrebbe risposto, allora in tutti quegli anni non sono mai arrivati sull'argomento.
Magari per il non aver affrontato la questione ("magari" perché non posso sapere come esattamente si sono svolte le cose) la colpa va anche ad Erfea, e di certo una parte di colpa è sua perché non ha provato a capire il perché della rabbia di lei; anche lei, al pari di Miriel, non è riuscita ad avere abbastanza fiducia nel nostro, quel tanto che bastava per chiedergli spiegazioni?

Possiamo diventare adulti fuori. Dobbiamo rimanere bambini dentro.


Elwen è una persona che non crede a null'altro che il suo cuore non voglia credere; per tale motivo, ella è facilmente manovrabile e risulta, come scrisse Voronwe qualche post fa, anche più fragile di Miriel: la sua incapacità di saper controllare i propri sentimenti ne fa un ottimo bersaglio per quanti vogliono ingannarla per un loro fine (Morwin)
Mentre Miriel è rassegnata, non ha molta fiducia nel nostro eroe, Elwen il problema della fiducia non se lo pone proprio; ella sente che quanto detto da Morwin è vero, e questo le basta per trarre conseguenze errate su Erfea; in lei la componente istintiva è molto forte, quella razionale risulta al contrario piccola e debole. Miriel sta male perchè sente nel profondo del suo animo che sta sbagliando: per rendersi conto di ciò, basta porre a a paragone i due congedi che Erfea ottiene dalla donna e dall'elfa

“Salute a te, ammiraglio di Numenor! Risposta non ho da darti, ché mai riusciresti a comprenderne il motivo. Solo questo posso dirti: una speranza ho dato ai Dunedan ma non ne ho serbato una per me. Ti prego, in nome di Eru e della nostra amicizia di non porgermi altra domanda”. Il Ciclo del marinaio, Il Racconto del marinaio e della principessa pag. 54

"Tuttavia Elwen non batté ciglio, limitandosi a restituirgli l’anello della stirpe degli Hyarrostar, l’emblema della casata di Erfea, accompagnando il gesto freddo con ancor più fredde parole: “Questa non è più la tua dimora, dunque allontanati in fretta!”. Il Ciclo del marinaio, Il Racconto del marinaio e della mezzelfa, pag. 196

Come si può vedere, nel primo caso, che è quello del congedo di Miriel, i toni sono pacati e tristi e nelle sue parole si può ascoltare già il rimpianto per quello che accadrà; Miriel è consapevole di dover rinunciare ad Erfea, presumibilmente per sempre, e questa consapevolezza la riempie di tristezza.
Nel secondo caso, il congedo di Elwen è colmo di rabbia e di freddezza; non c'è rimpianto nella sua scelta, anzi pare quasi di avvertire una repulsione per tutti gli anni che ha trascorso con Erfea.

"Se tale è il nostro destino, che il mondo degli Eldar e degli Edain debba perire nella Tenebra, ebbene possano essere l’elmo e la cotta di maglia i nostri orgogliosi sudari!”Il Racconto del marinaio e del Re Stregone" di D.F.A. Elia, pag. 24

Segnala questo post ad un operatore | IP: loggato

Scritto il 23-11-2004 11:02
  • clicca oer vedere il profilo di 4653
  • Clicca qui per inviare una email a Erfea
  • Cerca altri post di Erfea
  • cita questo messaggio
Rispondi [ Torna al forum principale | Torna su ]

Vai a [Go]
Total: 0.032283 - Query: 0.009715 Elaborazione 0.016495 Print 0.001822 Emoticons/Tengwar/Quote 0.001563 © Eldalië.it