Eldalie.it - Forum

RSS Forum di Eldalie [in lavorazione]
[Go]


Ho dimenticato la password
Iscritti online sul forum:
 
  1. ATTENZIONE: LAVORI IN CORSO
Il Ciclo del Marinaio
Pagina 11 di 22. Vai a pagina 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22
AutorePost
Pagina 11 di 22. Vai a pagina 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22

Erfea

foglia di Telperion
Silmaril
anello del potere
alleato con numenore
Eldalie Puglia - Laure LondeStoriciGuardiani di FeeriaHeren Istarion
Registrato il:
28-05-2004
Località:
Bitonto
Post:
1596
Miriel ed Elwen: due modelli femminili a paragone
Mornon il 22-11-2004 21:24 ha scritto:
Erfea il 22-11-2004 20:53 ha scritto:
in fondo, anche per la sua maggiore età e maturità, non sarebbe forse toccato ad Erfea rivelarle tale condizione?


Forse sí, ma parlare di una simile condizione non è facile; inoltre, c'è da chiedersi un'altra cosa: Elwen gli ha mai chiesto nulla in merito? Perché, se a richiesta Erfea avrebbe risposto, allora in tutti quegli anni non sono mai arrivati sull'argomento.
Magari per il non aver affrontato la questione ("magari" perché non posso sapere come esattamente si sono svolte le cose) la colpa va anche ad Erfea, e di certo una parte di colpa è sua perché non ha provato a capire il perché della rabbia di lei; anche lei, al pari di Miriel, non è riuscita ad avere abbastanza fiducia nel nostro, quel tanto che bastava per chiedergli spiegazioni?

Possiamo diventare adulti fuori. Dobbiamo rimanere bambini dentro.


Elwen è una persona che non crede a null'altro che il suo cuore non voglia credere; per tale motivo, ella è facilmente manovrabile e risulta, come scrisse Voronwe qualche post fa, anche più fragile di Miriel: la sua incapacità di saper controllare i propri sentimenti ne fa un ottimo bersaglio per quanti vogliono ingannarla per un loro fine (Morwin)
Mentre Miriel è rassegnata, non ha molta fiducia nel nostro eroe, Elwen il problema della fiducia non se lo pone proprio; ella sente che quanto detto da Morwin è vero, e questo le basta per trarre conseguenze errate su Erfea; in lei la componente istintiva è molto forte, quella razionale risulta al contrario piccola e debole. Miriel sta male perchè sente nel profondo del suo animo che sta sbagliando: per rendersi conto di ciò, basta porre a a paragone i due congedi che Erfea ottiene dalla donna e dall'elfa

“Salute a te, ammiraglio di Numenor! Risposta non ho da darti, ché mai riusciresti a comprenderne il motivo. Solo questo posso dirti: una speranza ho dato ai Dunedan ma non ne ho serbato una per me. Ti prego, in nome di Eru e della nostra amicizia di non porgermi altra domanda”. Il Ciclo del marinaio, Il Racconto del marinaio e della principessa pag. 54

"Tuttavia Elwen non batté ciglio, limitandosi a restituirgli l’anello della stirpe degli Hyarrostar, l’emblema della casata di Erfea, accompagnando il gesto freddo con ancor più fredde parole: “Questa non è più la tua dimora, dunque allontanati in fretta!”. Il Ciclo del marinaio, Il Racconto del marinaio e della mezzelfa, pag. 196

Come si può vedere, nel primo caso, che è quello del congedo di Miriel, i toni sono pacati e tristi e nelle sue parole si può ascoltare già il rimpianto per quello che accadrà; Miriel è consapevole di dover rinunciare ad Erfea, presumibilmente per sempre, e questa consapevolezza la riempie di tristezza.
Nel secondo caso, il congedo di Elwen è colmo di rabbia e di freddezza; non c'è rimpianto nella sua scelta, anzi pare quasi di avvertire una repulsione per tutti gli anni che ha trascorso con Erfea.

"Se tale è il nostro destino, che il mondo degli Eldar e degli Edain debba perire nella Tenebra, ebbene possano essere l’elmo e la cotta di maglia i nostri orgogliosi sudari!”Il Racconto del marinaio e del Re Stregone" di D.F.A. Elia, pag. 24

Segnala questo post ad un operatore | IP: loggato

Scritto il 23-11-2004 11:02
  • clicca oer vedere il profilo di 4653
  • Clicca qui per inviare una email a Erfea
  • Cerca altri post di Erfea
  • cita questo messaggio

Erfea

foglia di Telperion
Silmaril
anello del potere
alleato con numenore
Eldalie Puglia - Laure LondeStoriciGuardiani di FeeriaHeren Istarion
Registrato il:
28-05-2004
Località:
Bitonto
Post:
1596
Mornon il 23-11-2004 01:34 ha scritto:
Ben scritta, ho trovato interessanti le storie dei vari Nazgûl, e anche ben gestita l'interazione tra alcuni di loro: non eccessiva, forse addirittura poco presente (ma qui è puramente gusto personale), quel tanto che basta per far vedere un legame tra di loro ancor prima che diventassero effettivamente Nazgûl.
Ma quanto di quanto scritto è inventato da te (da Tokien penso poco, dal gioco?)?

Possiamo diventare adulti fuori. Dobbiamo rimanere bambini dentro.


L'aspetto più difficile nella creazione delle figure degli uomini che accettarono i nove anelli, è stato quello di dover scegliere cosa privilegiare, se cioè dare la precedenza alla descrizione della loro provenienza di mondi diversi e da popoli diversi (c'è chi nasce re per stirpe, c'è chi nasce pescatore), oppure privilegiare i rapporti che essi avrebbero potuto instaurare; io ho scelto la prima soluzione, sia per mostrare che Sauron aveva contatti con molte stirpi di uomini, sia per lanciare un messaggio, facendo presente come il male possa colpire uomini appartenenti a stirpe diverse e nati in terre spesso lontano fra loro miglia e miglia.
I Tre nazgul di origine Numenoreana (e questo è un elemento ricavato dal Silm) risultano ovviamente più legati, perchè sono nati più o meno tutti nello stesso periodo, condividono una cultura comune (sono stati tutti e tre esponenti di spicco del Partito degli Uomini del Re) e due di loro risultano anche parenti (Il Re Stregone ed Akhorahil, che infatti diviene per alcuni secoli il suo luogotenente dell'armata di Gorgoroth, come risulta dall'Appendice E); un diverso discorso è invece da farsi per i nazgul appartenuti a quelle stirpe di uomini dell'estremo sud o estremo est, che non maturano molte esperienze comuni (tranne Ren ed Uvatha, che si spartiscono i territori di loro competenza in una alleanza che fa il gioco di Sauron).
Certo, un'altra esperienza comune sembrano maturarla quei Nazgul (Indur, Hoarmurath, Khamul, gli stessi tre nazgul numenoreani, stufi di pagare tributi alla madrepatria) che in alcune fasi dei loro regni si sono opposti con risultati alterni all'imperialismo di Numenor.
Un altro punto che accomuna l'esperienza dei nazgul è la caccia che essi danno ad Erfea, chi per motivi strettamente personali (Il Re stregone, Adunaphe, Akhorahil), chi per volontà di trucidare un nemico scomodo.
Per le fonti, mi sono attenuto a quel poco che Tolkien ha scritto (i tre grandi signori numenoreani corrotti da Sauron, Khamul che era il secondo dei nazgul ed era chiamato l'Ombra dell'est, chiaro indizio per una sua origine orientale), mentre per il resto ho interpretato liberamente alcuni dati presenti nel GiRSA.

"Se tale è il nostro destino, che il mondo degli Eldar e degli Edain debba perire nella Tenebra, ebbene possano essere l’elmo e la cotta di maglia i nostri orgogliosi sudari!”Il Racconto del marinaio e del Re Stregone" di D.F.A. Elia, pag. 24

Segnala questo post ad un operatore | IP: loggato

Scritto il 23-11-2004 11:20
  • clicca oer vedere il profilo di 4653
  • Clicca qui per inviare una email a Erfea
  • Cerca altri post di Erfea
  • cita questo messaggio

Mornon

foglia di Laurelin foglia di Telperion
Silmaril Silmaril Silmaril
anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere
OperatoriGuardiani di FeeriaGilda LinguistiComitato Anti-KEldalie Puglia - Laure Londe
Registrato il:
19-04-2002
Località:
N/A
Post:
23034
Erfea il 23-11-2004 11:02 ha scritto:
Mentre Miriel è rassegnata, non ha molta fiducia nel nostro eroe, Elwen il problema della fiducia non se lo pone proprio; ella sente che quanto detto da Morwin è vero, e questo le basta per trarre conseguenze errate su Erfea


Su questo non mi trovo molto d'accordo... o, meglio, magari lei non se lo porrà (o non si accorgerà di porselo), ma, di fatto, mi pare ci sia questa mancanza: la fiducia, quando è reale, va anche oltre l'istinto, gli mette un freno, fa porre dubbi sulla prima impressione/reazione: io posso pensare che qualcuno mi abbia mentito, e istintivamente potrei anche volerlo lasciare su due piedi; ma, se ho fiducia in questa persona, la remora se approfondire mi viene...


il congedo di Elwen è colmo di rabbia e di freddezza; non c'è rimpianto nella sua scelta, anzi pare quasi di avvertire una repulsione per tutti gli anni che ha trascorso con Erfea


E qui si ritorna a quanto dicevo sul mio dubbio riguardo al "comportamento sbagliato" di Erfea


Erfea il 23-11-2004 11:20 ha scritto:
dare la precedenza alla descrizione della loro provenienza di mondi diversi e da popoli diversi [...], oppure privilegiare i rapporti che essi avrebbero potuto instaurare


Perché non storie piú dettagliate, con entrambe le caratteristiche?

Possiamo diventare adulti fuori. Dobbiamo rimanere bambini dentro.

Segnala questo post ad un operatore | IP: loggato

Scritto il 23-11-2004 14:51
  • clicca oer vedere il profilo di 1453
  • Clicca qui per inviare una email a Mornon
  • Cerca altri post di Mornon
  • cita questo messaggio

Elràwien

Silmaril Silmaril Silmaril
anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere
alleato con Ulmo
Guardiani di FeeriaEldalie Campania - UinemmarSúlë Carmeva imíca Olvar
Registrato il:
01-07-2004
Località:
Napoli
Post:
1241
Wow, andate sempre più avanti... cioè volevo dire, siete sempre più profondi!!! Si vede che vi state appassionando molto alle storie del caro Erfea di questo ne sono enlieta e molto felice Erfea sa che si merita tutti i migliori riconoscimenti....... brindo a te mio principe!!! Westu Erfea hàl

------------------------------------------------
Uich gwennen na 'wanath ah na dhín.
An uich gwennen na ringyrn ambar hen.
Boe naid bain gwannathar,
Boe cuil ban firitha.
Boe naer gwannathach...

Elràwien
----------------------------------------------

Segnala questo post ad un operatore | IP: loggato

Scritto il 23-11-2004 16:25
  • clicca oer vedere il profilo di 4724
  • Clicca qui per inviare una email a Elràwien
  • Cerca altri post di Elràwien
  • cita questo messaggio

Voronwe Aranwion

Silmaril Silmaril Silmaril
anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere
alleato con Eru
Comitato Anti-K
Registrato il:
05-07-2004
Località:
N/A
Post:
1141
Mornon, stavolta l'hai fatta la domanda sull'origine delle appendici! Non c'è dubbio! hahahahah!
Comunque, vorrei sapere, Erfea, quell'effetto di cui ho parlato nel mio ultimo post è voluto o casuale?
(Non l'ho chiesto in privato perchè così lo potranno sapere tutti, non perchè ho una voglia matta di intasare il forum)

E' giunta l'ora di andare. Ciascuno di noi va per la propria strada: io a morire, voi a vivere. Che cosa sia meglio, Iddio solo lo sa.
(Platone, Apologia di Socrate)

Segnala questo post ad un operatore | IP: loggato

Scritto il 23-11-2004 19:06
  • cita questo messaggio

Mornon

foglia di Laurelin foglia di Telperion
Silmaril Silmaril Silmaril
anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere
OperatoriGuardiani di FeeriaGilda LinguistiComitato Anti-KEldalie Puglia - Laure Londe
Registrato il:
19-04-2002
Località:
N/A
Post:
23034
Appendice B-D
  • B:

    Nulla da dire, cronologia sintetica ed interessante: pone i punti chiave della vita di Erfea, chiarendo la consecuzio dei racconti senza diventare pesante
    P.S.: come sarà morto il nostro?


  • D:

    Bella, ma mi ha preso meno degli altri, forse per il suo carattere storico/genealogico; comunque, una buona retrospettiva sulle Sette Stirpi

    Voronwe Aranwion il 23-11-2004 19:06 ha scritto:
    Mornon, stavolta l'hai fatta la domanda sull'origine delle appendici


    Certo, le ho lette...

    Possiamo diventare adulti fuori. Dobbiamo rimanere bambini dentro.

    Segnala questo post ad un operatore | IP: loggato

  • Scritto il 23-11-2004 19:09
    • clicca oer vedere il profilo di 1453
    • Clicca qui per inviare una email a Mornon
    • Cerca altri post di Mornon
    • cita questo messaggio

    Voronwe Aranwion

    Silmaril Silmaril Silmaril
    anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere
    alleato con Eru
    Comitato Anti-K
    Registrato il:
    05-07-2004
    Località:
    N/A
    Post:
    1141
    Mornon, lo so che l'hai letta, ma quella domanda l'avevo già fatta io! Hai fatto una domada inutile. Vai a guardarti qualche pagina fa il paio di post da noi sprecati su questo punto!
    Comunque, di cosa vuoi che sia morto Erfea, aveva quattrocento anni...

    E' giunta l'ora di andare. Ciascuno di noi va per la propria strada: io a morire, voi a vivere. Che cosa sia meglio, Iddio solo lo sa.
    (Platone, Apologia di Socrate)

    Segnala questo post ad un operatore | IP: loggato

    Scritto il 23-11-2004 19:13
    • cita questo messaggio

    Erfea

    foglia di Telperion
    Silmaril
    anello del potere
    alleato con numenore
    Eldalie Puglia - Laure LondeStoriciGuardiani di FeeriaHeren Istarion
    Registrato il:
    28-05-2004
    Località:
    Bitonto
    Post:
    1596
    Mornon il 23-11-2004 14:51 ha scritto:
    Erfea il 23-11-2004 11:02 ha scritto:
    Mentre Miriel è rassegnata, non ha molta fiducia nel nostro eroe, Elwen il problema della fiducia non se lo pone proprio; ella sente che quanto detto da Morwin è vero, e questo le basta per trarre conseguenze errate su Erfea


    Su questo non mi trovo molto d'accordo... o, meglio, magari lei non se lo porrà (o non si accorgerà di porselo), ma, di fatto, mi pare ci sia questa mancanza: la fiducia, quando è reale, va anche oltre l'istinto, gli mette un freno, fa porre dubbi sulla prima impressione/reazione: io posso pensare che qualcuno mi abbia mentito, e istintivamente potrei anche volerlo lasciare su due piedi; ma, se ho fiducia in questa persona, la remora se approfondire mi viene...


    il congedo di Elwen è colmo di rabbia e di freddezza; non c'è rimpianto nella sua scelta, anzi pare quasi di avvertire una repulsione per tutti gli anni che ha trascorso con Erfea


    E qui si ritorna a quanto dicevo sul mio dubbio riguardo al "comportamento sbagliato" di Erfea


    Erfea il 23-11-2004 11:20 ha scritto:
    dare la precedenza alla descrizione della loro provenienza di mondi diversi e da popoli diversi [...], oppure privilegiare i rapporti che essi avrebbero potuto instaurare


    Perché non storie piú dettagliate, con entrambe le caratteristiche?

    Possiamo diventare adulti fuori. Dobbiamo rimanere bambini dentro.


    Perchè non sapevo come rendere credibili i rapporti tra uomini che si conobbero (tranne alcuni specifici casi già elencati nel mio precedente post) solo al momento della loro corruzione da parte di Sauron: certo, avrei potuto trattare il tema dei rapporti fra Nazgul dopo essere diventati tali, ma devi considerare che nella finzione letteraria l'Appendice A è ricavata dalle cronache scritte da Erfea, le quali erano state a loro volta ispirate da antiche pergamene che il nostro eroe aveva trovato nella fortezza dei nazgul nascosta nel profondo Harad (un'avventura di cui prima o poi scriverò), scritte dai nazgul stessi e che si riferivano principalmente alla loro esistenza prima di diventare gli schiavi dell'anello.
    Non c'era traccia, o se c'era Erfea non ha ritenuto opportuno riportarla, dei rapporti instauratisi tra i Nazgul dopo essere diventati gli schiavi di Sauron (anche se qualche cenno c'è nell'Appendice E, quella sull'organizzazione militare di Mordor)

    "Se tale è il nostro destino, che il mondo degli Eldar e degli Edain debba perire nella Tenebra, ebbene possano essere l’elmo e la cotta di maglia i nostri orgogliosi sudari!”Il Racconto del marinaio e del Re Stregone" di D.F.A. Elia, pag. 24

    Segnala questo post ad un operatore | IP: loggato

    Scritto il 23-11-2004 19:14
    • clicca oer vedere il profilo di 4653
    • Clicca qui per inviare una email a Erfea
    • Cerca altri post di Erfea
    • cita questo messaggio

    Mornon

    foglia di Laurelin foglia di Telperion
    Silmaril Silmaril Silmaril
    anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere
    OperatoriGuardiani di FeeriaGilda LinguistiComitato Anti-KEldalie Puglia - Laure Londe
    Registrato il:
    19-04-2002
    Località:
    N/A
    Post:
    23034
    Voronwe Aranwion il 23-11-2004 19:13 ha scritto:
    quella domanda l'avevo già fatta io! Hai fatto una domada inutile


    A me interessa, per un lavoro che sto facendo, sapere quanto di quello che ha scritto è del gioco, e quanto, invece, è stato sviluppato da lui a partire dal gioco, e quanto a partire da Tolkien, e in quest'ottica non mi pare avesse detto granché...
    Inoltre, l'unica Appendice su cui hai chiesto quanto si è inventato lui è la E (hai chiesto, nel messaggio in cui commentavi quell'Appendice, "non ti sei inventato tutto tu, vero? Quantomeno i termini nel L N li avrai visti da qualche parte, vero?"), nel messaggio sulla A hai chiesto altro ("quanto tempo ci hai messo a scrivere tutto ciò?")


    Comunque, di cosa vuoi che sia morto Erfea, aveva quattrocento anni


    Certo, probabilmente vecchiaia; ma non escludo nulla, magari, alla fin fine, qualche nemico è arrivato a lui

    Possiamo diventare adulti fuori. Dobbiamo rimanere bambini dentro.

    Segnala questo post ad un operatore | IP: loggato

    Scritto il 23-11-2004 19:20
    • clicca oer vedere il profilo di 1453
    • Clicca qui per inviare una email a Mornon
    • Cerca altri post di Mornon
    • cita questo messaggio

    Erfea

    foglia di Telperion
    Silmaril
    anello del potere
    alleato con numenore
    Eldalie Puglia - Laure LondeStoriciGuardiani di FeeriaHeren Istarion
    Registrato il:
    28-05-2004
    Località:
    Bitonto
    Post:
    1596
    Voronwe Aranwion il 23-11-2004 19:06 ha scritto:
    Mornon, stavolta l'hai fatta la domanda sull'origine delle appendici! Non c'è dubbio! hahahahah!
    Comunque, vorrei sapere, Erfea, quell'effetto di cui ho parlato nel mio ultimo post è voluto o casuale?
    (Non l'ho chiesto in privato perchè così lo potranno sapere tutti, non perchè ho una voglia matta di intasare il forum)

    E' giunta l'ora di andare. Ciascuno di noi va per la propria strada: io a morire, voi a vivere. Che cosa sia meglio, Iddio solo lo sa.
    (Platone, Apologia di Socrate)


    Sì, l'epicità del linguaggio fa parte del mio stile...cercare di rendere i discorsi adatti non solo a chi parla (ad esempio, la scelta delle metafore e delle similitudini; i nani fanno spesso metafore che riguardano l'attività mineraria, i Numenoreani l'attività marittima), ma anche e soprattutto legati alla situazione in cui i discorsi stessi prendono vita.

    P.S. per la morte di Erfea, immagino che abbia accettato il dono di mandos, in pace e in serenità, circondato dall'affetto di un popolo che tanto gli doveva.

    "Se tale è il nostro destino, che il mondo degli Eldar e degli Edain debba perire nella Tenebra, ebbene possano essere l’elmo e la cotta di maglia i nostri orgogliosi sudari!”Il Racconto del marinaio e del Re Stregone" di D.F.A. Elia, pag. 24

    Segnala questo post ad un operatore | IP: loggato

    Scritto il 23-11-2004 19:26
    • clicca oer vedere il profilo di 4653
    • Clicca qui per inviare una email a Erfea
    • Cerca altri post di Erfea
    • cita questo messaggio

    Burgravio di Angband

    anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere
    alleato con angband
    Registrato il:
    22-11-2004
    Località:
    N/A
    Post:
    75
    Mi sono permesso, prima di lasciare la dimora di Voronwe, di scrivere cosa ne penso riguardo al primo racconto, che ricordo si intitola Il Racconto del Marinaio e del Drago: non posso competere coi post lunghi di Voronwe, ma posso dire che non è niente male, anche se, essendo il primo e il più corto dei racconti, non ha quella bellezza che mi è parso capire dalle parole di Voronwe hanno i successivi. Bisogna riconoscere l'abilità dell'autore, invidiabile, e la sua fantasia per ciò che concerne i tre indovinelli (un po' astrusi, ma belli). Chiudo qui, devo andare e inoltre non ho nient'altro da scrivere, l'Aranwion è molto più bravo di me in queste cose.
    Erfea, se decidi di cambiare alleanza, grazie alla mia amicizia raggiungerai livelli invidiabili nella gererchia del signore e padrone di tutto e di tutti, di ciò che esiste e di ciò che non esiste, di stelle, pianeti, galassie e universi (scusate l'OT)

    Segnala questo post ad un operatore | IP: loggato

    Scritto il 23-11-2004 20:34
    • clicca oer vedere il profilo di 4943
    • Cerca altri post di Burgravio di Angband
    • cita questo messaggio

    Burgravio di Angband

    anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere
    alleato con angband
    Registrato il:
    22-11-2004
    Località:
    N/A
    Post:
    75
    Il ritorno del burgravio (e una sua lettera)
    Da: sua eccellenza il burgravio di Angband, già margravio di Ard-Galen
    A: Erfea II von Hyarrostar-Andunie, principe ed Elettore numenoreano dello Hyarrostar

    Altezza serenissima, permettetemi di esprimervi le mie più grandi congraztulaioni per l’ottimo lavoro svolto. Infatti, nei giorni di assenza da queste amene lande, mi sono dedicato alla lettura dei vostri scritti, comprese le appendici, e ne sono rimasto molto colpito. Non è affatto mia intenzione scrivere post lunghi come quelli del nobile grand’ammiraglio Voronwe von Aranwion o dotti quanto quelli del conte Mornon, semplicemente vorrei farvi capire che ritengo degne di un discreto scrittore le vostre storie. Anche a me, ministro di Melkor I di Utumno, sono parse sopraffini, nonostante avrei preferito una vittoria delle forze di Sauron I di Mordor, anche se egli non è altro che uno dei numerosi servitori di Sire Melkor. Ma ovviamente dovete perdonarmi, altezza serenissima, questa preferenza, in quanto, come sapete, sono di parte.
    Cordialmente vostro, il burgravio.

    Vorrei consigliare a tutti coloro che leggeranno queste righe di contattare l’Elettore von Hyarrostar, onde poter leggere anch’essi quei racconti di cui tutti coloro che li hanno letti si sono mostrati quantomeno soddisfatti.
    Bye Bye

    PS per Erfea II von Hyarrostar: poichè il vostro Elettorato è andato sommerso in seguito a quella deprecabile azione di Eru contro Numenor, vi prego di tener sempre presente che, purchè cambiate i soggetti delle vostre storie, potrete sempre ambire al Margraviato di Gorgoroth.

    PS per il conte Mornon: qualsiasi vostra azione contro di me, per quanto scherzosa, tipo il non mantenere con me il tono appropriato, vi costerà il titolo.

    Segnala questo post ad un operatore | IP: loggato

    Scritto il 26-11-2004 16:04
    • clicca oer vedere il profilo di 4943
    • Cerca altri post di Burgravio di Angband
    • cita questo messaggio

    Erfea

    foglia di Telperion
    Silmaril
    anello del potere
    alleato con numenore
    Eldalie Puglia - Laure LondeStoriciGuardiani di FeeriaHeren Istarion
    Registrato il:
    28-05-2004
    Località:
    Bitonto
    Post:
    1596
    Nuovo racconto!
    Carissimi amici,
    sono lieto di dirvi che entro la fine di questa settimana sarà pronto il nuovo racconto del nostro eroe, che sarà intitolato "Il racconto del Marinaio e del Re Stregone".
    Premetto che questo è stato il racconto che ha richiesto un lavoro intensissimo (attualmente è il racconto più lungo fra quelli da me scritti), sia per la mole di notizie storiche in esso contenute (si trattava, infatti, di elaborare tutta la cronologia degli anni del primo assedio di Gondor da parte delle forze di Mordor, dopo la fondazione dei reami in esilio) sia per la quantità di nuovi e vecchi personaggi che ne sono i protagonisti.
    Vorrei subito fare una precisazione: sono stato a lungo in dubbio su come titolare il nuovo racconto e, in un primo momento, ho pensato che avrebbe dovuto intitolarsi "Il racconto del marinaio e dell'assedio di Gondor" che, dato il tema del racconto stesso, avrebbe forse illustrato meglio il suo contenuto; tuttavia, ho poi optato per "Il racconto del marinaio e del Re Stregone" perchè volevo che, tra tutti i mille episodi di cui gli anni dell'assedio a Gondor sono ricchi, questo spiccasse fra tutti.
    Ho altresì compilato l'Appendice C, che fino ad ora solo uno ha letto , la quale spiegherà tutto quello che è accaduto in quegli anni della Seconda Era, con una cronolgia molto fitta che sovente si sviluppa giorno per giorno.
    Bene, per adesso posso solo anticiparvi che in modo o in un altro quasi tutti i personaggi che spero abbiate imparato ad apprezzare, torneranno...e accanto ad essi ci saranno nomi famosi, come Glorfindel, Isildur, Anarion ed altri ancora. Tra coloro che "torneranno" ci sarà un personaggio sulla quale sorte vedo che molti si sono posti interrogativi ...ma non dico oltre per non rovinare la sorpresa.
    Come sempre, ricordo a chi fosse interessato che può contattarmi in MP per avere il nuovo racconto.
    Aspetto fiducioso i vostri commenti, sia positivi che negativi

    "Perso e vuoto era il suo sguardo, eppure lacrime amare non turbavano il suo viso, ché sebbene fosse grande il suo dolore, nel suo cuore Numenor era svanita anni prima ed essa non era più la sua terra." di D.F.A. Elia, Il Ciclo del marinaio: Il Racconto del marinaio e del nanosterro, pag. 142

    Segnala questo post ad un operatore | IP: loggato

    Scritto il 02-12-2004 12:27
    • clicca oer vedere il profilo di 4653
    • Clicca qui per inviare una email a Erfea
    • Cerca altri post di Erfea
    • cita questo messaggio

    Voronwe Aranwion

    Silmaril Silmaril Silmaril
    anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere
    alleato con Eru
    Comitato Anti-K
    Registrato il:
    05-07-2004
    Località:
    N/A
    Post:
    1141
    Bravo Erfea! Congratulazioni! Non vedo l'ora di leggerlo (mi hai massacrato la riserva di inchiostro della stampante, per stampare i tuoi racconti ho usato più inchiostro che in tre mesi, ma sarò quasi felice di usarne dell'altro, se il materiale ne è degno (sicuramente lo sarà, vabbè, mi doterò di altre cartucce, anche se costano una cifra...))
    Farò sapere le mie opinioni appena possibbile, se Erfea me lo manderà.

    E' giunta l'ora di andare. Ciascuno di noi va per la propria strada: io a morire, voi a vivere. Che cosa sia meglio, Iddio solo lo sa.
    (Platone, Apologia di Socrate)

    Segnala questo post ad un operatore | IP: loggato

    Scritto il 02-12-2004 16:48
    • cita questo messaggio

    Elràwien

    Silmaril Silmaril Silmaril
    anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere
    alleato con Ulmo
    Guardiani di FeeriaEldalie Campania - UinemmarSúlë Carmeva imíca Olvar
    Registrato il:
    01-07-2004
    Località:
    Napoli
    Post:
    1241
    Il racconto del marinaio e del Nanosterro
    Nel frattempo che aspettiamo l'arrivo del nuovo racconto del caro Erfea vi aggrado (sempre se volete leggere) della mia recenzione sull'ultimo racconto.



    Ho letto l’ultimo racconto scritto da Erfea e se egli vorrà io ne scriverò i commenti, ché tanto il mio cuore desidera comunicargli ogni sua emozione. In questa nuova avventura il protagonista incontra un grande popolo della terra di Mezzo, una stirpe voluta da un grande signore tra gli Ainur: i figli di Aule. Dall’ incontro nella locanda di Brea già si evince un po’ il significato del racconto, che mi sembra affondi le sue radici nell’amicizia e nel rispetto tra popoli. Forse lo scrittore aveva quest’intento, e se tale fosse stato il suo scopo, allora ha esercitato bene il suo potere, perché ora nel mio cuore vige un nuovo rispetto per i nani. Il protagonista, dopo un piccolo scontro con gli antichi nemici, viene condotto dai nani a Moria ed è impressionante immaginare che Erfea calpestava quei sentieri prima della Compagnia dell’Anello. Nel viaggio verso Moria accade un tremendo fatto… l’ira di Iluvatar s’abbatte su Numenor e le sue bellissime mura vengono inghiottite dal mare, e le sue genti ingoiate dalla morte, finanche Erfea percepisce la morte della sua amata Miriel… e nel momento esatto in cui lei esala l’ultimo respiro e la sua anima viene accolta a Mandos, Erfea le dirà quello che forse avrebbe voluto dirle anni addietro, convinto del fatto che ormai lei possa ascoltarlo anche se in viaggio verso desolati villaggi. Erfea dirà “Miriel, tye-mela!” ed è come se fosse stato il suo stesso cuore a pronunciarlo, perché è come un sospiro, come un sussurro che supera ogni spazio e tempo e arriva all’orecchio di colei che ormai non c’è più. Arrivato a Moria i nani offrono ospitalità ad Erfea perché molti tra loro sanno delle sue gesta contro il loro nemico comune e per questo egli ha grande stima e rispetto da parte di molti tra i nani. Erfea dimora a lungo nella splendide aule di Moria e contempla le magnificenze delle loro arti esterrefatto e felice di sapere che sì tali ricchezze siano frutto di ingegno nanico. Erfea in seguito siederà accanto al re di quell’era che fu Durin III e i due stringeranno amicizia e confidenza l’uno rispetto all’altro. Ma un grande pericolo incombe sui Nani sicché i loro cuori vengono turbati da una notizia che sconvolge tutti. Nel regno di Tumun-Gabil un grande male s’è destato e dei pochi nani passati, pochi ne sono rimasti. Erfea intuisce la paura nel cuore del re e dei suoi sudditi, tuttavia non si sottrae a questa nuova avventura e decide di partire alla volta di questo regno presso Amon Lanc. Incontreranno vari ostacoli e una minaccia orrenda che mai prima di allora Erfea aveva avuto modo di confrontare… non sto qui a raccontarvi le sue gesta eroiche, quello è un compito che spetta allo scrittore, io sono solo una voce tra le tante, sono solo la messaggera di una sì tale bellezza. I sacrifici da affrontare sono innumerevoli e un grande dolore colpirà il nostro protagonista, un dolore che è stato solo latente, ma che si ridesta nell’immagine di un gioiello dei Nani. Ancora gli spettri dell’ Anello saranno i suoi avversari… uno in particolare e dallo scontro ognuno ne riporterà ferite…. Non posso dire altro, la mia favella ha detto fin troppo. Rinnovo i miei complimenti allo scrittore che ogni volta sa emozionarmi specie nella parte romantica delle gesta di Erfea, perché conosco il suo segreto e ora comprendo ogni suo dolore!!! Sei una luce immensa, Erfea scrittore, ti auguro di brillare sempre più che puoi!!!

    ------------------------------------------------
    Uich gwennen na 'wanath ah na dhín.
    An uich gwennen na ringyrn ambar hen.
    Boe naid bain gwannathar,
    Boe cuil ban firitha.
    Boe naer gwannathach...

    Elràwien
    ----------------------------------------------

    Segnala questo post ad un operatore | IP: loggato

    Scritto il 03-12-2004 15:39
    • clicca oer vedere il profilo di 4724
    • Clicca qui per inviare una email a Elràwien
    • Cerca altri post di Elràwien
    • cita questo messaggio

    Erfea

    foglia di Telperion
    Silmaril
    anello del potere
    alleato con numenore
    Eldalie Puglia - Laure LondeStoriciGuardiani di FeeriaHeren Istarion
    Registrato il:
    28-05-2004
    Località:
    Bitonto
    Post:
    1596
    Il Dialogo tra Anarion e l'ambasciatore di Sauron
    Durante la prima elaborazione de "Il racconto del marinaio e del Re stregone", avevo avuto in mente di inserire un episodio cui avevo fatto brevemente cenno nell'Appendice C: il dialogo tra l'ambasciatore di Sauron ed Anarion, e che poi è stato cancellato del tutto, sia nell'appendice, sia nel racconto stesso.
    Questo dialogo sarebbe stato ispirato ad uno dei più famosi passi delle "Storie" di Tucidide, in cui si scontravano la politica aggressiva degli Ateniesi e il loro credo nel "diritto della forza" e quella dei Meli, abitanti di una piccola isola nell'Egeo, che invece credevano nella "forza del diritto"
    Questo è un piccolo passo tratto dall'episodio citato:

    Ambasciatori Ateniesi: "Sappiamo che nelle cose umane si tiene conto della giustizia solo quando la necessità costringe entrambe le parti con pari forza, altrimenti quando uno dei due è più forte, questo fa tutto ciò che è nelle sue possibilità e il più debole deve cedere."
    Cittadini Melii: "Tuttavia confidiamo di non essere sconfitti, grazie al favore degli dei, perchè resistiamo, noi pii, contro voi ingiusti."
    Ambasciatori Ateniesi: "Riteniamo che gli dei, così come gli uomini, tendano per necessità di natura a dominare, quando siano i più forti"

    (Tucidide, "Storie" V, 89; 104-105)

    Per quanto interessante, però, il dialogo non si sarebbe adattato alla Terra di Mezzo; infatti io credo che Sauron, sul punto di vincere e con l'anello al dito, non si sarebbe certo "abbassato" a discutere con un suo nemico, tanto più che si credeva una divinità, mentre nel dialogo fra Melii ed Ateniesi, è forte il richiamo al mondo superiore degli dei e alla Sorte che accompagna o si dimostra contraria al volere degli uomini.




    "Perso e vuoto era il suo sguardo, eppure lacrime amare non turbavano il suo viso, ché sebbene fosse grande il suo dolore, nel suo cuore Numenor era svanita anni prima ed essa non era più la sua terra." di D.F.A. Elia, Il Ciclo del marinaio: Il Racconto del marinaio e del nanosterro, pag. 142

    Segnala questo post ad un operatore | IP: loggato

    Scritto il 10-12-2004 12:25
    • clicca oer vedere il profilo di 4653
    • Clicca qui per inviare una email a Erfea
    • Cerca altri post di Erfea
    • cita questo messaggio
    Rispondi [ Torna al forum principale | Torna su ]

    Vai a [Go]
    Total: 0.018577 - Query: 0.036373 Elaborazione 0.014872 Print 0.001671 Emoticons/Tengwar/Quote 0.000873 © Eldalië.it