Eldalie.it - Forum

RSS Forum di Eldalie [in lavorazione]
[Go]


Ho dimenticato la password
Iscritti online sul forum:
 
  1. ATTENZIONE: LAVORI IN CORSO
Il "Trusted Computing"... c'è da fidarsi?
Pagina 1 di 6. Vai a pagina 1 2 3 4 5 6
AutorePost
Pagina 1 di 6. Vai a pagina 1 2 3 4 5 6

Anacarnil di Laurelindórenan

foglia di Telperion
Silmaril
anello del potere anello del potere
alleato con dol_amroth
RaminghiEldalië Friuli-Venezia Giulia
Registrato il:
24-01-2003
Località:
Post:
1440
Il "Trusted Computing"... c'è da fidarsi?
Apro questo thread decisamente OT dopo approvazione di Vega, spinto da una certa preoccupazione che provo leggendo le notizie in merito.

Il Trusted Computing è un concetto informatico a cui stanno lavorando da anni alcuni grandi nomi dell'industria informatica: ciò che essi propongono è quella di un computer ideale che sa quale software può eseguire e quale rifiutare e che per tanto è sicuro da virus, worm, dialer e qualsivoglia schifezzuola che tenti di danneggiare il pc dell'utente o di sottrargli dati riservati. Oltre a questo, è in grado di conoscere quali contenuti (come documenti, audio, video, eccetera) può eseguire e quali no, e questo permetterebbe di risolvere il problema di molta pirateria digitale.

Questo verrà realizzato tramite un set di hardware e software che si occuperà di ciò. E' soprattutto il ruolo dell'hardware la novità di questo progetto: si ipotizzano comunicazioni cifrate tra le singole componenti di un computer (schede, processori, memoria, uscite audio e video), controllo sul sistema operativo che si eseguirà, e altro ancora. A sua volta, il sistema operativo (Windows e simili per intenderci) controllerà che i programmi che si eseguano siano autorizzati e che siano a posto con la licenza d'uso (per intenderci... niente office o photoshop pirati).

E' tutto ora quello che luccica? Assolutamente no.
Per prima cosa, i nomi delle aziende impegnate nel TCG (Trusted Computing Group) sono moltissimi e sembra difficile che in futuro potremo avere alternative quando ci toccherà comprare un computer.

La cosa più grave è che questo sistema toglie il controllo del computer al suo proprietario: sarà possibile eseguire sistemi e programmi solo se certificati come "buoni", altrimenti verrano ritenuti alla stregua dei virus. Esistono moltissimi programmi in giro nel mondo sviluppati da singoli programmatori gratuitamente: chi pagherà la certificazione di software "buono"? Inoltre esistono molti software "scomodi" che l'alleanza delle industrie informatiche potrebbero voler eliminare dalla circolazione. Chi controllerà il loro operato?

Se pensiamo alla censura di Internet che avviene in Cina e a cui collaborano con molta nonchalance Yahoo e Google, possiamo renderci conto che questo TC sarebbe l'ideale strumento di censura, politico o non politico. Se questo progetto prenderà piede, nessun trucchetto software potrà aggirare le limitazioni che *qualcuno* potrà decidere.

Per il momento le aziende tendono a minimizzare questi rischi, assicurando che sarà utilizzato solo a fin di bene, ma, come qualcuno ha detto in questi giorni, "non mi farò mettere nessun collare, anche se mi promettono di non agganciarci la catena".

Tutto ciò per il momento è ancora in cantiere, anche se già alcune società hanno prodotto hardware pronto per il TrustedComputing, come il famoso processore Intel Pentium-D, e in futuro potrebbe anche divenire obbligatoria per legge (esistono già progetti di legge al riguardo, negli USA) l'adozione di computer "Trusted" (o, come dice Richard Stallmann, guru della libera informatica, "Treacherous" - inaffidabili), e chi non si equipaggerà con dette macchine potrebbe rimanere fuori da Internet, se non addirittura punito (pensate che nella suddetta proposta di legge, chi venderà computer non Trusted rischierà 5 anni di galera, 10 in caso di reiterazione).

Per quanto lodevoli siano i propositi di sicurezza, di privacy e di tutela dei diritti d'autore, non si possono sacrificare così i diritti fondamentali dell'utilizzatore di un personal computer. Tanto più che è opinione di molti che la sicurezza che il TC promette sia in realtà un'illusione.

Vi invito a guardare questo sito http://www.no1984.org dove è possibile documentarsi in modo serio e molto più completo. (chiedo anticipatamente scusa ad Elenwen, Loss, Wilwarin, Belegurth, Thuringwethil, Otaritton and so on... )

Invito tutti a chiedere chiarimenti o ad integrare, mantenendo un clima sereno ed appropriato al forum.


"Che freddo stagno, per fare un bagno, [buRRozo] sììì, se mi riesce, io cerco un pesce, [buRRozo] sììì" [LdT, adattamenti propri]

Segnala questo post ad un operatore | IP: loggato

Scritto il 22-09-2005 16:30
  • clicca oer vedere il profilo di 2640
  • Clicca qui per inviare una email a Anacarnil di Laurelindórenan
  • Cerca altri post di Anacarnil di Laurelindórenan
  • cita questo messaggio

Nuitari

foglia di Laurelin
Silmaril Silmaril
anello del potere anello del potere
alleato con house_of_elwe
Eldalie Milano - Oromandi Endoreo
Registrato il:
29-06-2003
Località:
milano
Post:
4623
mm.. in tutto questo, di positivo, non vedo nulla.. solo chi vende questi programmi e computer, attuerà un grande monopolio di ogni cosa riguardante il pc..
d'altra parte, la protezione della privacy e tutto quanto ci gira attorno, molto spesso non sono altro che una scusa per controllare e internvenire nei nostri gusti e nei nostri acquisti e catalogare e vendere e fare soldi..più che un effettivo interesse a tutelare la privacy della singola persona..

questa possibilità, come come l'hai dipinta..però mi sembra così lontana.. una cosa così costrittiva, non credo prenderà piede così facilmente.. sempre se tutti non si addormentino e si disinteressino..

ma l'utilità? voglio dire..possiamo benissimo tenerci i pc con qualche problemino, anche se comunque si evolvono sempre di più..e usare antivirus buoni e comodi, ed essere sicuri anche così.. quel sistema lo potrebbero adottare se mai, in posti pubblici, o aziende.. mica per il privato..

Meglio regnare all'inferno che servire in paradiso

Segnala questo post ad un operatore | IP: loggato

Scritto il 22-09-2005 16:56
  • clicca oer vedere il profilo di 3461
  • Clicca qui per inviare una email a Nuitari
  • Cerca altri post di Nuitari
  • cita questo messaggio

Mornon

foglia di Laurelin foglia di Telperion
Silmaril Silmaril Silmaril
anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere
OperatoriGuardiani di FeeriaGilda LinguistiComitato Anti-KEldalie Puglia - Laure Londe
Registrato il:
19-04-2002
Località:
N/A
Post:
23034
Nuitari il 22-09-2005 16:56 ha scritto:
possiamo benissimo tenerci i pc con qualche problemino, anche se comunque si evolvono sempre di più..e usare antivirus buoni e comodi, ed essere sicuri anche così.. quel sistema lo potrebbero adottare se mai, in posti pubblici, o aziende.. mica per il privato..


Forse invece dovrebbe essere il contrario: in teoria le aziende sono piú soggette a controlli della finanza, quindi meno propense all'uso di prodotti non originali; inoltre è nel privato che la pirateria si diffonde molto, grazie anche al peer-to-peer. Da cui la necessità di una cosa simile forse si avrebbe piú nel privato che nell'aziendale/pubblico...
L'utente sarebbe sicuro a fare come dici tu, le aziende produttrici (ossia quelle che ci rimettono per la pirateria) no...

Possiamo diventare adulti fuori. Dobbiamo rimanere bambini dentro.

Segnala questo post ad un operatore | IP: loggato

Scritto il 22-09-2005 17:35
  • clicca oer vedere il profilo di 1453
  • Clicca qui per inviare una email a Mornon
  • Cerca altri post di Mornon
  • cita questo messaggio

Elros

Silmaril Silmaril Silmaril
anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere
alleato con isildur
Comitato Anti-K
Registrato il:
26-08-2005
Località:
sarno
Post:
229
per me è una carognata, rafforza in modo incredibile circa un centinaio di monopoli e limità la libertà, quanto alla pirateria poi credo che vadano colpite le associazioni che finanziano la diffusione illegale (mafia camorra ecc.). Spero davvero in definitiva che non si arrivi mai ad una soluzione del genere

Segnala questo post ad un operatore | IP: loggato

Scritto il 22-09-2005 18:51
  • clicca oer vedere il profilo di 5385
  • Clicca qui per inviare una email a Elros
  • Cerca altri post di Elros
  • cita questo messaggio

Mornon

foglia di Laurelin foglia di Telperion
Silmaril Silmaril Silmaril
anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere
OperatoriGuardiani di FeeriaGilda LinguistiComitato Anti-KEldalie Puglia - Laure Londe
Registrato il:
19-04-2002
Località:
N/A
Post:
23034
Il problema è che la diffusione illegale non è solo portata avanti da quelle associazioni: prendo un libro, lo scandisco, lo metto su Internet... è pirateria.

Possiamo diventare adulti fuori. Dobbiamo rimanere bambini dentro.

Segnala questo post ad un operatore | IP: loggato

Scritto il 22-09-2005 19:34
  • clicca oer vedere il profilo di 1453
  • Clicca qui per inviare una email a Mornon
  • Cerca altri post di Mornon
  • cita questo messaggio

Tolman

foglia di Telperion
Silmaril
anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere
alleato con the_shire
Súlë Carmeva imíca OlvarTolkien 2005Storici
Registrato il:
24-02-2002
Località:
Siena
Post:
1730
Beh, la cultura umana è andata avanti negli ultim millenni grazie alla pirateria, allora. Perchè la stessa cosa è leggere la Divina Commedia, o l'Iliade, o addirittura la versione di latino per l'esame: si tratta dell'opera di ingegno di qualcun altro, a cui non stai pagando il copyright. Ma seguendo il percorso formulato da questi "protettori dei diritti d'autore" finiremmo per tornare al medioevo, solo che allora la cultura non si diffondeva perché la gente non sapeva leggere, così invece perché non le è permesso di leggere, a meno che non sborsi quattrini. Insomma, a mio personale giudizio, pirateria non è "copiare" qualcosa (se la copio, mica la sottraggo a qualcuno, no?) ma ottenere un tangibile guadagno vendendo qualcosa che non è mio. Comunque è una mia opinione personale, non dubito che il Codice mi dia torto in materia.

Segnala questo post ad un operatore | IP: loggato

Scritto il 22-09-2005 21:04
  • clicca oer vedere il profilo di 121
  • Clicca qui per inviare una email a Tolman
  • Cerca altri post di Tolman
  • cita questo messaggio

Nuitari

foglia di Laurelin
Silmaril Silmaril
anello del potere anello del potere
alleato con house_of_elwe
Eldalie Milano - Oromandi Endoreo
Registrato il:
29-06-2003
Località:
milano
Post:
4623
Mornon il 22-09-2005 17:35 ha scritto:
Nuitari il 22-09-2005 16:56 ha scritto:
possiamo benissimo tenerci i pc con qualche problemino, anche se comunque si evolvono sempre di più..e usare antivirus buoni e comodi, ed essere sicuri anche così.. quel sistema lo potrebbero adottare se mai, in posti pubblici, o aziende.. mica per il privato..


Forse invece dovrebbe essere il contrario: in teoria le aziende sono piú soggette a controlli della finanza, quindi meno propense all'uso di prodotti non originali; inoltre è nel privato che la pirateria si diffonde molto, grazie anche al peer-to-peer. Da cui la necessità di una cosa simile forse si avrebbe piú nel privato che nell'aziendale/pubblico...
L'utente sarebbe sicuro a fare come dici tu, le aziende produttrici (ossia quelle che ci rimettono per la pirateria) no...


beh..ma sembra che questi pc siano stati fatti per bloccare la pirateria diminuendo la possibiltà di gestire il software dall'utente, limitandolo..
invece dovrebbe essere una cosa contro i virus.. ed è più grave per un'azienda essere infettata, che per il privato.. le fughe di dati da banche, o da polizia o che, sono gravi.. a parte i tuoi scritti sul tuo pc..

Meglio regnare all'inferno che servire in paradiso

Segnala questo post ad un operatore | IP: loggato

Scritto il 22-09-2005 21:29
  • clicca oer vedere il profilo di 3461
  • Clicca qui per inviare una email a Nuitari
  • Cerca altri post di Nuitari
  • cita questo messaggio

Otaritton

Silmaril Silmaril Silmaril
anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere
alleato con minas_ithil
Comitato Anti-K
Registrato il:
08-09-2002
Località:
N/A
Post:
464
Ne ho sentito parlare (del cosiddetto Progetto Palladium) e tempo mi sono pure informato. Secondo me è un'assurdità e spero che il piano di "totale controllo" dei computer fallisca.
Ecco quello che avevo trovato:




Come descritto da Ross Anderson, dell'Università di Cambridge, in una FAQ ricca di dettagli, Palladium/TCPA si basa sul fatto che l'intera architettura del PC, anziché essere aperta e pubblica, viene blindata: la comunicazione fra i vari componenti (tastiera, dischi, monitor) è cifrata, proprio come fa (parzialmente) l'X-Box, e il PC si avvia partendo da un chip speciale il cui contenuto è cifrato.
Questo chip è un componente di monitoraggio che sorveglia costantemente lo stato del sistema e ne controlla il funzionamento (donde il nome Palladium, che non si riferisce all'elemento chimico ma all'omonima statua della dea Atena che sorgeva a Troia e proteggeva la città).
All'accensione, il chip verifica il contenuto della ROM di boot e, se è quello previsto dai creatori del chip, ne consente l'esecuzione; poi verifica che l'hardware installato sia costituito esclusivamente da componenti autorizzati. Infine il chip verifica la porzione iniziale del sistema operativo e ne consente il caricamento soltanto se è conforme a quanto previsto. A questo punto la palla passa al sistema operativo, che carica le proprie parti rimanenti e si incarica di verificare continuamente che le applicazioni eseguite siano a loro volta certificate come sicure.
Tutte queste verifiche e certificazioni consentono di avere un computer il cui stato è sicuramente conforme alle specifiche del produttore dell'hardware e del software. In altre parole, non può contenere modchip (i circuiti che si aggiungono adesso alle console per ampliarne le potenzialità) o programmi non autorizzati, che possano ad esempio intercettare un flusso di dati (un film o una canzone) per farne copie abusive. E' una scatola chiusa nella quale non può entrare nessuno, neppure l'utente.
I sistemi anticopia introdotti finora sono sempre stati fallimentari perché basati esclusivamente sul software, che per natura è facilmente modificabile. Palladium, invece, usa anche hardware dedicato. Rispetto al software, decifrare e modificare l'hardware è enormemente più impegnativo, per cui questo sistema ha ottime possibilità di essere inviolabile non solo per l'utente comune ma anche per l'hacker più attrezzato.

L'utente come nemico
Questo modo di progettare computer ha delle conseguenze molto interessanti. Quella più ovvia è la fine della pirateria software, musicale e cinematografica domestica: se il flusso audio/video è cifrato lungo tutto il percorso all'interno del PC e oltretutto non è possibile installare programmi non autorizzati che lo registrino, come si fa a crearne copie abusive? Forti di questa garanzia, finalmente discografici e magnati di Hollywood potranno offrirci i loro prodotti via Internet, legalmente e (va da sé) a pagamento. Analogamente, i programmi saranno forse copiabili (per motivi di backup), ma non potranno essere eseguiti senza la relativa autorizzazione individuale.
La conseguenza meno ovvia è che lo stesso sistema consente ai suddetti discografici e magnati di decidere che cosa possiamo vedere e ascoltare, nonché quando e quante volte possiamo farlo. I programmi di lettura (il Windows Media Player, per intenderci) saranno scritti in modo da suonare soltanto musica autorizzata. Dite addio alla vostra collezione di MP3, anche se sono legittimamente tratti dai CD che possedete e avete pagato. E non pensate nemmeno di installare un altro programma meno schizzinoso (come WinAmp): non funzionerà, perché non è software autorizzato.
Applicando questa tecnologia al software, le conseguenze si fanno ancora più interessanti. Supponiamo che siate affezionati alla vostra copia di Office, che ha sempre funzionato ragionevolmente bene e conoscete a menadito, per cui non sentite il bisogno di spendere denaro per la nuova versione. Attualmente potete tenere Office sul vostro PC a tempo indeterminato. Ma con Palladium, all'uscita di Office 2004 Microsoft potrebbe bloccare l'esecuzione del vecchio Office sul vostro PC, obbligandovi ad acquistare la nuova versione. Benvenuti nell'era del software a tempo. Si prega di infilare un'altra monetina nella fessura, grazie.
In altre parole, tutto ciò che passa per il nostro computer sarà controllato da un sistema di autorizzazioni gestito dai produttori di musica, film, hardware e software. L'utente non avrà modo di autorizzare nulla. Potrà soltanto aprire il borsellino ogni volta che qualche pezzo grosso di Hollywood decide di rifarsi la Jacuzzi. L'utente è cortesemente pregato di pagare e tacere: anzi, per dirla con Ross Anderson, per imporre i diritti digitali su un PC è indispensabile trattare l'utente come un nemico.


Senza contare che se tutto ciò si dovesse avverare, Linux e tutti gli altri fornitori di softwere gratuiti (e ottimi), si vedrebbero le gambe tranciate e rischjierebbero la scomparsa...

Le stelle intorno alla stupenda luna
nascondono i loro volti splendenti
quand'essa s'inargenta in tutto il suo splendore
illuminando la terra...

Segnala questo post ad un operatore | IP: loggato

Scritto il 23-09-2005 00:05
  • cita questo messaggio

Pièveloce Mezzoelfo

foglia di Telperion
Silmaril
anello del potere anello del potere
alleato con ent_alleanza_04
Compagnia del Cannello
Registrato il:
24-04-2003
Località:
Monfalcone
Post:
1467
beh al massimo se il progetto passa tutto questo ammasso di circuiti e simpatici amenicoli elettronici finisce nella spazzatura... e tiro fuori carta e penna.

E al diavolo il computer sotto controllo.
sgrunt.

"... e da li il buffone, paradigma di libertà. L'unico uomo veramente libero, e anche il più saggio. Nella filosofia occulta il buffone si identifica con il mercurio degli alchimisti... messaggero degli dei, conduce le anime attraverso il regno delle ombre..."
(Il Club Dumas. A.P.R.) .. grazie Firiel..

Segnala questo post ad un operatore | IP: loggato

Scritto il 23-09-2005 08:25
  • cita questo messaggio

Nuitari

foglia di Laurelin
Silmaril Silmaril
anello del potere anello del potere
alleato con house_of_elwe
Eldalie Milano - Oromandi Endoreo
Registrato il:
29-06-2003
Località:
milano
Post:
4623
Otaritton il 23-09-2005 00:05 ha scritto:
Ne ho sentito parlare (del cosiddetto Progetto Palladium) e tempo mi sono pure informato. Secondo me è un'assurdità e spero che il piano di "totale controllo" dei computer fallisca.

Senza contare che se tutto ciò si dovesse avverare, Linux e tutti gli altri fornitori di softwere gratuiti (e ottimi), si vedrebbero le gambe tranciate e rischjierebbero la scomparsa...


Se questa cosa andasse in porto un giorno, ma spero di no, secondo me si creerebbe una pirateria ancora più spinta, che coinvolgerà la macchina stessa, per essere modificata e poter leggere mp3 e programmi vari..
per lo meno i siti potranno esistere ancora!
(o anche la ricezione di bite dalla rete sarà soggetta a questi limiti? O_o)

Meglio regnare all'inferno che servire in paradiso

Segnala questo post ad un operatore | IP: loggato

Scritto il 23-09-2005 09:02
  • clicca oer vedere il profilo di 3461
  • Clicca qui per inviare una email a Nuitari
  • Cerca altri post di Nuitari
  • cita questo messaggio

Anacarnil di Laurelindórenan

foglia di Telperion
Silmaril
anello del potere anello del potere
alleato con dol_amroth
RaminghiEldalië Friuli-Venezia Giulia
Registrato il:
24-01-2003
Località:
Post:
1440
Risposte varie
Otaritton scrisse:
Ne ho sentito parlare (del cosiddetto Progetto Palladium) e tempo mi sono pure informato. Secondo me è un'assurdità e spero che il piano di "totale controllo" dei computer fallisca.


Tutto quanto riportato da Otaritton è preso da questo articolo di Paolo Attivissimo :
http://www.apogeonline.com/webzine/2002/07/02/01/200207020102

Nuitari scrisse:
d'altra parte, la protezione della privacy e tutto quanto ci gira attorno, molto spesso non sono altro che una scusa per controllare e internvenire nei nostri gusti


Questo non mi pare corretto, ben di rado qualcuno di preoccupa di difendere la privacy dei cittadini o utenti o consumatori che dir si voglia. E' proprio l'opposto: in genere si sbandiera la sicurezza come fine di alcune manovre che invece intaccano in modo ben evidente la riservatezza.

questa possibilità, come come l'hai dipinta..però mi sembra così lontana.. una cosa così costrittiva, non credo prenderà piede così facilmente.. sempre se tutti non si addormentino e si disinteressino..


Mai visto il film Cassandra Crossing?
http://punto-informatico.it/p.asp?i=54706&r=PI

quel sistema lo potrebbero adottare se mai, in posti pubblici, o aziende.. mica per il privato..


Come ha detto giustamente Mornon, la pirateria digitale è molto più diffusa sui computer dei privati che non su quello delle aziende (e quando è presente sui computer aziendali, in genere è dovuto ad usi privati dei pc in dotazione). Nel TCG sono presenti anche la RIAA (associazione dei discografici americani) e la MPAA (associazione dei produttori cinematografici americani): che ci staranno a fare? Non solo, ma i due soggetti di cui sopra sono anche nel gruppo di studio della Internet2, la rete che verrà, che dovrebbe portare una velocità di alcuni Gigabit al secondo. Naturalmente sono presenti per studiare soluzioni di DRM (Digital Rights Management) da applicare alla rete prima che nasca, per evitare che queste velocità "folli" consentano di appropriarsi indebitamente di ogni loro pubblicazione nell'arco di poche ore.

secondo me si creerebbe una pirateria ancora più spinta, che coinvolgerà la macchina stessa, per essere modificata


E' un'ipotesi: il fatto è che indubbiamente non è così facile operare sull'hardware come sul software. Inoltre mi pare di aver capito che esiste un sistema che dovrebbe bloccare eventuali mod-chip (quei cosini che si installano sulla Playstation o sulla XBox per aggirare il controllo di validità del software che si intende eseguire, e che permette di far girare Linux, come Office, o anche i giochi copiati). Ad ogni modo con la legge americana denominata DMCA (Digital Millennium Copyright Act), che in parte è stata recepita in Europa con la EUCD,
qualsiasi atto volto a superare un qualsiasi meccanismo di protezione, per debole che sia, è punibile per legge, indifferentemente dallo scopo, fosse anche la libera usufruizione dell'opera acquistata su un riproduttore che non riesce a leggerlo a causa delle protezioni. A questo proposito avrei un aneddotto da raccontare... diciamo di violazione involontaria delle protezioni, a causa della ridicola fragilità di esse. Per prudenza (credo eccessiva, ma tant'è) non lo riporto qui, ma se volete farvi due risate chiedetemi in privato.

per lo meno i siti potranno esistere ancora!


Se ancora non l'ho detto, uno degli scenari ipotizzati, e immaginati anche da qualche personaggio pro-TC, è che i provider siano obbligati per legge ad ammettere su Internet solo pc Trusted.


Tolman scrisse:
Beh, la cultura umana è andata avanti negli ultim millenni grazie alla pirateria, allora.


Eh eh Mi ricordi il mio buon vecchio professore di Italiano, quando mi spiegava che il Petrarca detestava il pensiero che le sue opere potessero essere *comprate* con il vil denaro e valutate economicamente. La chiamava "prostituzione dell'arte". Ma forse Britney Spears, Jennifer Lopez e i Vanzina non sono artisti e i tempi son cambiati: ora far musica, scrivere o recitare è un lavoro come un altro e se si paga il muratore o la donna delle pulizie bisogna pagar pure loro, anche loro devon mangiare e pagare l'affitto.

Pieveloce scrisse:
e tiro fuori carta e penna.


Giusto, nessuno ci obbliga per legge a usare un computer. Però tutto converge verso i pc. E il TC non verrebbe applicato solo ai personal computer, ma in genere a tutta l'elettronica di consumo... (e anche ai cani o.o )
Qui, da qualche parte, c'è uno spot che vi consiglio: è in inglese, ma lo staff di no1984.org sta curando ora il montaggio della versione in italiano, dovrebbe arrivare presto. http://www.lafkon.net/tc


"Che freddo stagno, per fare un bagno, [buRRozo] sììì, se mi riesce, io cerco un pesce, [buRRozo] sììì" [LdT, adattamenti propri]

Segnala questo post ad un operatore | IP: loggato

Scritto il 23-09-2005 10:18
  • clicca oer vedere il profilo di 2640
  • Clicca qui per inviare una email a Anacarnil di Laurelindórenan
  • Cerca altri post di Anacarnil di Laurelindórenan
  • cita questo messaggio

Nuitari

foglia di Laurelin
Silmaril Silmaril
anello del potere anello del potere
alleato con house_of_elwe
Eldalie Milano - Oromandi Endoreo
Registrato il:
29-06-2003
Località:
milano
Post:
4623
Anacarnil di Laurelindórenan il 23-09-2005 10:18 ha scritto:
Nuitari scrisse:
d'altra parte, la protezione della privacy e tutto quanto ci gira attorno, molto spesso non sono altro che una scusa per controllare e internvenire nei nostri gusti


Questo non mi pare corretto, ben di rado qualcuno di preoccupa di difendere la privacy dei cittadini o utenti o consumatori che dir si voglia. E' proprio l'opposto: in genere si sbandiera la sicurezza come fine di alcune manovre che invece intaccano in modo ben evidente la riservatezza.


e infatti, stiamo dicendo la stessa cosa..

Nuitari: questa possibilità, come come l'hai dipinta..però mi sembra così lontana.. una cosa così costrittiva, non credo prenderà piede così facilmente.. sempre se tutti non si addormentino e si disinteressino..


Mai visto il film Cassandra Crossing?
http://punto-informatico.it/p.asp?i=54706&r=PI


e infatti ho scritto "sempre se tutti non si addormentino e si disinteressino.. "
non dev'essere male il film..un po' drammatico.. ^^"

E' un'ipotesi: il fatto è che indubbiamente non è così facile operare sull'hardware come sul software. Inoltre mi pare di aver capito che esiste un sistema che dovrebbe bloccare eventuali mod-chip (quei cosini che si installano sulla Playstation o sulla XBox per aggirare il controllo di validità del software che si intende eseguire, e che permette di far girare Linux, come Office, o anche i giochi copiati). Ad ogni modo con la legge americana denominata DMCA (Digital Millennium Copyright Act), che in parte è stata recepita in Europa con la EUCD,
qualsiasi atto volto a superare un qualsiasi meccanismo di protezione, per debole che sia, è punibile per legge, indifferentemente dallo scopo, fosse anche la libera usufruizione dell'opera acquistata su un riproduttore che non riesce a leggerlo a causa delle protezioni.


ma perchè prima era legale modificare playstation e co?
beh, ovviamente era un'ipotesi.. ma come si è visto precedentemente, ogni limitazione è stata in qualche modo scavalcata.. che sia più difficile non esclude però a priori che una modifica non sia possibile, fatta da chi è molto esperto.

Domanda, ma i vecchi pc si potranno ancora usare? se è così, magari si creerà un mercato clandestino di pc vecchi, a prezzi aaalti
(altra ipotesi )



Se ancora non l'ho detto, uno degli scenari ipotizzati, e immaginati anche da qualche personaggio pro-TC, è che i provider siano obbligati per legge ad ammettere su Internet solo pc Trusted.


beh, ma fare i siti, anche con un pc trusted, sarebbe possibile, e quindi vederli.. no?


Eh eh Mi ricordi il mio buon vecchio professore di Italiano, quando mi spiegava che il Petrarca detestava il pensiero che le sue opere potessero essere *comprate* con il vil denaro e valutate economicamente. La chiamava "prostituzione dell'arte". Ma forse Britney Spears, Jennifer Lopez e i Vanzina non sono artisti e i tempi son cambiati: ora far musica, scrivere o recitare è un lavoro come un altro e se si paga il muratore o la donna delle pulizie bisogna pagar pure loro, anche loro devon mangiare e pagare l'affitto.


tralasciando che la donna delle pulizie e il muratore non prendono un cavolo, mentre quelli si fanno due milioni di dollari con un cd, o con trenta secondi di pubblicità.. forse hanno in affitto una città o mangiano come porci eh?


Meglio regnare all'inferno che servire in paradiso

Segnala questo post ad un operatore | IP: loggato

Scritto il 23-09-2005 11:06
  • clicca oer vedere il profilo di 3461
  • Clicca qui per inviare una email a Nuitari
  • Cerca altri post di Nuitari
  • cita questo messaggio

Elohim

Silmaril Silmaril Silmaril
anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere
alleato con Eru
Registrato il:
21-12-2003
Località:
Montodine
Post:
161
Quello di cui si sta parlando qua è già realtà. Si parla del commercio dei primi esemplari di TC già a partire dal 2006.
Lo scopo del TC è fondamentalmente quello di imporre un controllo o addirittura bloccare lo scambio di materiale gratuito su Internet. Non parlo solo di pirateria, ma anche di software legale e gratuito. Io ad esempio sto usando sul mio pc Firefox, OpenOffice, Thunderbird, Winamp, che sono tutti gratuiti e secondo me migliori dei corrispettivi più noti e a pagamento. In futuro con il TC non potrò più usarli, perchè saranno considerati alla stregua dei virus.
Inoltre su un computer TC non potrà mai funzionare un sistema operativo come Linux, quindi se volessi usare ad esempio due sistemi operativi sullo stesso pc (Windows e Linux) come sto facendo adesso, sarebbe impossibile, e sarei costretto a comprare due computer. Senza contare che un computer TC dovrà avere ogni suo componente dotato di licenza TC quindi se volessi comprare una scheda madre ASUS (tra le migliori) da inserire nel mio computer TC non potrei farlo, perchè la ASUS, grazie a Dio, non fa parte, almeno per ora, del consorzio TC.
Quindi io, utente che ho speso un mucchio di soldi per comprare il mio pc, non potrò più essere libero di fare ciò che voglio con LA MIA PROPRIETA'.
Ovviamente scordatevi che il TC possa liberare dai virus, altrimenti società come la Symantec del Norton (per fare un nome noto) non camperebbero più molto. Ma, guarda caso, tra le società che fanno parte del consorzio TC c'è ad esempio anche la Symantec (vedere https://www.trustedcomputinggroup.org/about/members/members).

Non dimentichiamoci poi che la maggior parte delle società che oggi protestano contro la pirateria è nata proprio da atti di pirateria (andate a leggere il testo Cultura Libera che si trova gratuitamente su http://www.liberacultura.it/ e capirete). Le società del TC hanno fondamentalmente paura del futuro, della concorrenza e continuano a rimanere aggrappate al vecchio concetto di copyright nato nell'Ottocento, senza capire che oggi il copyright deve essere inteso in maniera diversa. Ci sono illustri avvocati ed esperti in legge e economia che hanno creato forme giuridiche di copyright molto più adatte ai nostri tempi. Eppure quelle società continuano a rimanere legate al passato e per far ciò cercano di limitare la libertà della gente tramite le leggi e sistemi tecnologici blindati.

Il TC è stato creato esclusivamente per far arricchire quelle società oltre ogni misura. Il guadagno per aver compiuto il proprio lavoro è giusto, ma un conto è il giusto guadagno e un conto è il volersi arricchire ad ogni costo. Studi seri e imparziali hanno dimostrato che la pirateria non procura il gran danno che quelle società dicono. Anzi, in alcuni casi è stata proprio la piarteria a fare la fortuna di quelle società. Semplicemente la loro intenzione è quella di succhiare sempre più soldi dalle tasche dei consumatori. Prendete i film della trilogia del SdA. Solo con gli incassi del primo film avevano già coperto le spese di produzione dell'intera trilogia. Quindi c'è stato un guadagno dal primo film a cui si sono aggiunti come puro guadagno gli incassi del secondo e del terzo. A ciò occorre aggiungere gli incassi delle VHS e dei DVD, nonchè i diritti televisivi e tutto il merchandising. A questo punto, anche se avessero fatto pagare la extended edition un po' meno, non ci avrebbero sicuramente smenato. E invece anche lì bisognava succhiare dalle tasche degli appassionati fino all'ultimo centesimo di euro!!!!

Purtroppo la gente comune non sa o non vuole conoscere queste cose. Alla fine che succederà? Succederà che una persona andrà in un negozio, comprerà un pc, andrà a casa, vedrà che non potrà fare praticamente più nulla sul SUO pc se non quello che le aziende del TC hanno deciso preventivamente per salvaguardare i LORO interessi, lo riporterà indietro e il negoziante gli dirà che il pc è funzionante e quindi non gli verrà nè cambiato nè rimborsato. La persona quindi si ritroverà con un pc sul quale, per poterlo usare, dovrà spendere ancora migliaia di euro, e che comunque rimarrà sempre un pc blindato che deciderà autonomamente ciò che il suo padrone potrà o non potrà fare.

Tutti i grandi sono stati bambini una volta (ma pochi di essi se ne ricordano).

Segnala questo post ad un operatore | IP: loggato

Scritto il 23-09-2005 14:46
  • clicca oer vedere il profilo di 4014
  • Clicca qui per inviare una email a Elohim
  • Cerca altri post di Elohim
  • cita questo messaggio

Mornon

foglia di Laurelin foglia di Telperion
Silmaril Silmaril Silmaril
anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere
OperatoriGuardiani di FeeriaGilda LinguistiComitato Anti-KEldalie Puglia - Laure Londe
Registrato il:
19-04-2002
Località:
N/A
Post:
23034
Otaritton il 23-09-2005 00:05 ha scritto:
Ecco quello che avevo trovato


Ricordatevi gli estremi...


Dite addio alla vostra collezione di MP3, anche se sono legittimamente tratti dai CD che possedete e avete pagato


(Da http://www.apogeonline.com/webzine/2002/07/02/01/200207020102.)
Solo una parentesi: anche quella collezione sarebbe illegale, aver pagato il CD e possederlo non cambia questo fatto.


Tolman il 22-09-2005 21:04 ha scritto:
Perchè la stessa cosa è leggere la Divina Commedia, o l'Iliade, o addirittura la versione di latino per l'esame: si tratta dell'opera di ingegno di qualcun altro, a cui non stai pagando il copyright


Però quel qualcuno non esiste, ed è morto già da un paio d'anni


a mio personale giudizio, pirateria non è "copiare" qualcosa (se la copio, mica la sottraggo a qualcuno, no?) ma ottenere un tangibile guadagno vendendo qualcosa che non è mio


No, non la sottrati a qualcuno, ma comunque causi un danno: se l'autore prende un Euro a copia venduta, e mille persone invece di comprare l'opera la copiano, l'autore perde mille Euro. È vero che tu non hai guadagnato, ma hai comunque causato una perdita all'autore, e hai usato quanto creato senza pagare l'autore. Questa non è pirateria? o solo il mio guadagno la rende tale, e il danno causato è ignorabile?


Anacarnil di Laurelindórenan il 23-09-2005 10:18 ha scritto:
il TC non verrebbe applicato solo ai personal computer, ma in genere a tutta l'elettronica di consumo... (e anche ai cani o.o





Nuitari il 23-09-2005 11:06 ha scritto:
perchè prima era legale modificare playstation e co?


Mettiamola cosí: tu sicuramente non hai Playstation e simili modificate, visto che, a quanto mi dissero, non è mai stato legale, vero?


ma come si è visto precedentemente, ogni limitazione è stata in qualche modo scavalcata.. che sia più difficile non esclude però a priori che una modifica non sia possibile, fatta da chi è molto esperto


Vero; ma per scaricare un film pirata basta Internet, per avere una modifica di quel tipo potrebbe servire un tecnico specializzato e attrezzatura dedicata.


i vecchi pc si potranno ancora usare?


In teoria sí, ma magari non sarebbero ammessi in Internet, e comunque non supporterebbero nuovi programmi.


tralasciando che la donna delle pulizie e il muratore non prendono un cavolo, mentre quelli si fanno due milioni di dollari con un cd, o con trenta secondi di pubblicità.. forse hanno in affitto una città o mangiano come porci eh?


Il muratore viene pagato da una persona, chi riesce a imporsi con un'opera di ingegno riceve soldi da molti... non è questione di avere in affitto una città, è questione di quanto si riesce a sfruttare il proprio lavoro. E se milioni di persone vogliono una mia opera, milioni di persone la pagheranno.


Elohim il 23-09-2005 14:46 ha scritto:
Il guadagno per aver compiuto il proprio lavoro è giusto, ma un conto è il giusto guadagno e un conto è il volersi arricchire ad ogni costo


Qui parli di una diminuzione di prezzi, di distribuzioni in qualche modo gratuite (legalizzazione in Internet, per esempio) o cosa?

Possiamo diventare adulti fuori. Dobbiamo rimanere bambini dentro.

Segnala questo post ad un operatore | IP: loggato

Scritto il 23-09-2005 15:00
  • clicca oer vedere il profilo di 1453
  • Clicca qui per inviare una email a Mornon
  • Cerca altri post di Mornon
  • cita questo messaggio

Mornon

foglia di Laurelin foglia di Telperion
Silmaril Silmaril Silmaril
anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere
OperatoriGuardiani di FeeriaGilda LinguistiComitato Anti-KEldalie Puglia - Laure Londe
Registrato il:
19-04-2002
Località:
N/A
Post:
23034
Nuitari il 22-09-2005 21:29 ha scritto:
ma sembra che questi pc siano stati fatti per bloccare la pirateria diminuendo la possibiltà di gestire il software dall'utente, limitandolo..
invece dovrebbe essere una cosa contro i virus


Non dovrebbe essere una cosa contro i virus, se non è studiata come cosa contro i virus; che protegga anche da questi potrebbe essere un effetto collaterale, ma se la loro funzione primaria, per cui sono progettati, è un'altra... allora è logico che facciano questa.

Possiamo diventare adulti fuori. Dobbiamo rimanere bambini dentro.

Segnala questo post ad un operatore | IP: loggato

Scritto il 23-09-2005 15:01
  • clicca oer vedere il profilo di 1453
  • Clicca qui per inviare una email a Mornon
  • Cerca altri post di Mornon
  • cita questo messaggio

Seire dai Porti Grigi

Silmaril Silmaril Silmaril
anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere
alleato con imladris
Registrato il:
16-06-2005
Località:
N/A
Post:
156
Non è che m'intenda di computer e simili, ma ho tutta l'impressione che un computer del genere costerebbe una montagna di soldi in più(anche considerando lei spese subite da noi per adesso per gli antivirus).

I bambini non dovrebbero mai andare a letto - si svegliano più vecchi di un giorno. (dal film Neverland)

Segnala questo post ad un operatore | IP: loggato

Scritto il 23-09-2005 16:25
  • clicca oer vedere il profilo di 5307
  • Cerca altri post di Seire dai Porti Grigi
  • cita questo messaggio
Rispondi [ Torna al forum principale | Torna su ]

Vai a [Go]
Total: 0.071805 - Query: 0.009689 Elaborazione 0.046947 Print 0.002126 Emoticons/Tengwar/Quote 0.000299 © Eldalië.it