Eldalie.it - Forum

RSS Forum di Eldalie [in lavorazione]
[Go]


Ho dimenticato la password
Iscritti online sul forum:
 
  1. ATTENZIONE: LAVORI IN CORSO
Conferenze OT in manifestazioni IT
Pagina 1 di 2. Vai a pagina 1 2
AutorePost
Pagina 1 di 2. Vai a pagina 1 2

Fram figlio di Frumgar

Silmaril Silmaril Silmaril
anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere
alleato con rohan
S√ļl√ę Carmeva im√≠ca OlvarGuardiani di FeeriaComitato Anti-KEldalie Milano - Oromandi Endoreo
Registrato il:
28-10-2003
Localitŗ:
Milano
Post:
725
Conferenze OT in manifestazioni IT
Ciao,

chiacchierando ieri coi Bolgeri siamo finiti su un discorso interessante.

La questione è questa: spesso durante le manifestazioni tolkieniane assistiamo a conferenze non incentrate su Tolkien. Vi sono quelle che ne tengono conto e ne parlano estemporaneamente. Quelle che si concentrano su temi che vengono considerati affini (il medioevo, le saghe cavalleresche, le spade, la letteratura e il cinema fantasy) che a volte tirano, tirano e alla fine fanno entrare in qualche discorso anche Tolkien. Non mi è mai capitato di assistervi, ma ci sono anche quelle, così mi dicono, dove Tolkien non viene nemmeno nominato di striscio, o se è fatto è per puro encomio al titolo della manifestazione.

Ora, io stesso sono stato autore di un paio di conferenze dove Tolkien non era il fuoco del discorso (ma era citato per il bellissimo saggio Sulle Fiabe che ha scritto).
Vorrei sapere che ne pensate voi: in una manifestazione tolkieniana dovrebbero essere presentate conferenze a stretto tema tolkieniano (Tolkien e il medioevo, Tolkien e le fiabe, Tolkien e la letteratura contemporanea), oppure pensate si possa spaziane e andare un po' pi√Ļ in l√†? E se s√¨ di quanto, e perch√®?

Io personalmente penso che un'attivit√† culturale pi√Ļ spazia pi√Ļ si fa culturale, ho apprezzato a volte anche conferenze che con tolkien ci azzeccavano molto, ma molto alla lontana e mi son detto: "√® bello allargare i nostri orizzonti culturali!"
Ma non so perchè la conferenza sulla "imbalsamazione, mummificazione, pietrificazione, saponificazione e altre tecniche di conservazione dei cadaveri tra scienza e letteratura scapigliata" (per dirne una interessante ma anche orrripilante a cui ho assistito) non ce la vedrei...

Palla al centro!

Fram

"Chi vive senza follia non è così saggio come crede.

François de La Rochefoucauld

*Socio Eldali√ę*

Segnala questo post ad un operatore | IP: loggato

Scritto il 16-10-2006 23:20
  • clicca oer vedere il profilo di 3864
  • Clicca qui per inviare una email a Fram figlio di Frumgar
  • Cerca altri post di Fram figlio di Frumgar
  • cita questo messaggio

Fíriel Tindómerel

foglia di Laurelin foglia di Telperion
Silmaril Silmaril
anello del potere
alleato con S.T.S.
Tolkien 2005Compagnia del CannelloOperatori
Registrato il:
08-09-2002
Localitŗ:
(CH) Giubiasco
Post:
16734
Ridurre il Professore alla Terra di Mezzo è quantomeno ingiusto.

A mio avviso i punti sono due: le discussioni sul Tolkien accademico, le ispirazioni e i movimenti, leggende, storie, culture e quant'altro, che stanno "dietro" le Opere; viceversa, la Terra di Mezzo (o altri Mondi o Luoghi) che vanno presi in quanto tale, come egli ci insegna, senza chiederci "come siano fatti dentro" ma solo vissuti.

Sinceramente, per quanto possa apprezzare il primo, sto generalmente ripudiando l'eccesso di "Accademia" per poter tornare ad apprezzare ciò che di Tolkien amo: le sensazioni e la vita del Mondo da Lui creato.

Non mi interessa pi√Ļ il come ed il perch√®.



Fíriel Tindómerel


Ritorna a me! Ritorna da me e di che è bella la mia dimora. [Lingalad]

Al pari di Prometeo, egli rubò il fuoco per cui il Mondo esiste e tutto respira, La Natura al suo comando obbedisce e si muove: Se non è dio egli stesso, un dio possente l'ispira."

Segnala questo post ad un operatore | IP: loggato

Scritto il 17-10-2006 09:48
  • cita questo messaggio

Gianluca Comastri

foglia di Laurelin
Silmaril Silmaril
anello del potere anello del potere
alleato con Eru
OperatoriRaminghiHeren IstarionTolkien 2005Eldali√ę Bologna - Mindoni EldaCompagnia del CannelloComitato Anti-K
Registrato il:
22-11-2002
Localitŗ:
Bologna
Post:
4162
Due domande (di cui una, lo ammetto, un tantino carogna!)
1) esiste, ed è individuabile con buona approssimazione, un criterio per stabilire in maniera univoca ed oggettiva quale sia il limite "al di là del quale" si esce dallo "stretto tema tolkieniano" per andare a finire nel vasto e indefinito "Altro accademico"?
(Personalmente non ne sono così sicuro)

2) stante la premessa:
Fíriel Tindómerel il 17-10-2006 09:48 ha scritto:
sto generalmente ripudiando l'eccesso di "Accademia" per poter tornare ad apprezzare ciò che di Tolkien amo: le sensazioni e la vita del Mondo da Lui creato.

Non mi interessa pi√Ļ il come ed il perch√®.


Non è che per caso siamo di fronte al ripudio definitivo del progetto ASTA?
(Personalmente mi augurerei proprio di no...)





¬ęScoprirai tutti i segreti pensieri dell'Uno, e t'avvederai che essi sono soltanto una parte del tutto e tributari della Sua gloria¬Ľ

¬ę...dopotutto Tolkien non ci insegna a rifiutare il mondo, anche se esso ha delle brutture, ma ad amarlo e a cercare sempre quello sforzo sovrumano per portare alla luce ci√≤ che di bello c'√® nell' universo e in noi¬Ľ [Fram figlio di Frumgar]

Segnala questo post ad un operatore | IP: loggato

Scritto il 17-10-2006 10:52
  • cita questo messaggio

Fíriel Tindómerel

foglia di Laurelin foglia di Telperion
Silmaril Silmaril
anello del potere
alleato con S.T.S.
Tolkien 2005Compagnia del CannelloOperatori
Registrato il:
08-09-2002
Localitŗ:
(CH) Giubiasco
Post:
16734
Gianluca Comastri il 17-10-2006 10:52 ha scritto:
1) esiste, ed è individuabile con buona approssimazione, un criterio per stabilire in maniera univoca ed oggettiva quale sia il limite "al di là del quale" si esce dallo "stretto tema tolkieniano" per andare a finire nel vasto e indefinito "Altro accademico"?
(Personalmente non ne sono così sicuro)

2) stante la premessa:
Fíriel Tindómerel il 17-10-2006 09:48 ha scritto:
sto generalmente ripudiando l'eccesso di "Accademia" per poter tornare ad apprezzare ciò che di Tolkien amo: le sensazioni e la vita del Mondo da Lui creato.

Non mi interessa pi√Ļ il come ed il perch√®.


Non è che per caso siamo di fronte al ripudio definitivo del progetto ASTA?
(Personalmente mi augurerei proprio di no...)



è tutto piuttosto correlato.

Una preparazione di fondo è indispensabile per poter affrontare un argomento con cognizione di causa. Il difficile è evitare che questa vada a scapito della magia dell'oggetto.

Il problema ASTA è di tutt'altra portata, checchè se ne dica, additando tanto per cambiare il sottoscritto.



Fíriel Tindómerel


Ritorna a me! Ritorna da me e di che è bella la mia dimora. [Lingalad]

Al pari di Prometeo, egli rubò il fuoco per cui il Mondo esiste e tutto respira, La Natura al suo comando obbedisce e si muove: Se non è dio egli stesso, un dio possente l'ispira."

Segnala questo post ad un operatore | IP: loggato

Scritto il 17-10-2006 11:01
  • cita questo messaggio

Gianluca Comastri

foglia di Laurelin
Silmaril Silmaril
anello del potere anello del potere
alleato con Eru
OperatoriRaminghiHeren IstarionTolkien 2005Eldali√ę Bologna - Mindoni EldaCompagnia del CannelloComitato Anti-K
Registrato il:
22-11-2002
Localitŗ:
Bologna
Post:
4162
Fíriel Tindómerel il 17-10-2006 11:01 ha scritto:
Il problema ASTA è di tutt'altra portata, checchè se ne dica, additando tanto per cambiare il sottoscritto.

Sia ben chiaro, non √® questo l'oggetto del contendere n√© tantomeno l'intento √® quello di puntar "diti" contro chicchessia: ovviamente il discorso ASTA √® solo un aggancio per sottolineare il fatto oggettivo che, ogni volta che si discute dell'opportunit√† o meno di approfondire discorsi attorno a Tolkien e relativo corpus, in pratica si va a mettere in discussione la stragrande maggioranza delle iniziative ricollegate al Progetto Tolkien di Eldali√ę, se vogliamo.
Il che non è il male assoluto, anzi: mettere in costruttiva discussione ciò che si fa con una certa frequenza è sano e salutare. Basta esserne consapevoli, ecco tutto, ed è di questo che voglio accertarmi.




¬ęScoprirai tutti i segreti pensieri dell'Uno, e t'avvederai che essi sono soltanto una parte del tutto e tributari della Sua gloria¬Ľ

¬ę...dopotutto Tolkien non ci insegna a rifiutare il mondo, anche se esso ha delle brutture, ma ad amarlo e a cercare sempre quello sforzo sovrumano per portare alla luce ci√≤ che di bello c'√® nell' universo e in noi¬Ľ [Fram figlio di Frumgar]

Segnala questo post ad un operatore | IP: loggato

Scritto il 17-10-2006 11:12
  • cita questo messaggio

Therion

Silmaril Silmaril Silmaril
anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere
alleato con numenore
Eldalie Milano - Oromandi EndoreoS√ļl√ę Carmeva im√≠ca Olvar
Registrato il:
11-12-2003
Localitŗ:
Vigevano
Post:
783
Se una conferenza non tratta argomenti su Tolkien, ma lo stesso inerenti all’ambiente culturale che ci ruota attorno, non vedo come la cosa possa creare problemi. Senza andare troppo lontano anche nel nostro forum ci sono lunghe discussioni in campo OT che sono seguite con molto interesse da molti!

W√°! ides √¶lfsc√Ĺne, ond w√°, wine mine!
Socio Eldalie!
(Per contattarmi su MSN usate rbovol@tin.it)




Segnala questo post ad un operatore | IP: loggato

Scritto il 17-10-2006 11:15
  • clicca oer vedere il profilo di 3988
  • Clicca qui per inviare una email a Therion
  • Cerca altri post di Therion
  • cita questo messaggio

melimeverindé

Silmaril Silmaril Silmaril
anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere
alleato con Ulmo
Registrato il:
23-09-2006
Localitŗ:
N/A
Post:
248
Therion il 17-10-2006 11:15 ha scritto:
Se una conferenza non tratta argomenti su Tolkien, ma lo stesso inerenti all’ambiente culturale che ci ruota attorno, non vedo come la cosa possa creare problemi.

Mi trovo in accordo con questo punto di vista: è noto che il mondo creato da Tolkien attinge da un bagaglio culturale vastissimo, per cui reputo molto utili conferenze che illustrino dettagli di questo panorama.
Un altro conto è l'eventualità che in un'ipotetica due-giorni tolkeniana, in cui siano previste 4 conferenze, nessuna di queste in realtà tratti qualche tematica incentrata su Tolkien (un po'come se in un corso di inglese si parlasse solo degli usi e costumi della Gran Bretagna senza affrontare grammatica e vocabolario della lingua).
Propendo per una mediazione tra le due componenti

"Pensai che la gentilezza disinteressata delle persone, le loro parole spassionate, fossero come un abito di piume. Avvolta da quel tepore, finalmente libera dal peso che mi aveva oppresso fino a quel momento, la mia anima stava fluttuando nell'aria con grande gioia."
B. Yoshimoto

Segnala questo post ad un operatore | IP: loggato

Scritto il 17-10-2006 12:24
  • clicca oer vedere il profilo di 5772
  • Cerca altri post di melimeverind√©
  • cita questo messaggio

Turin Turambar1

Silmaril Silmaril Silmaril
anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere
alleato con house_of_gilgalad
Gilda LinguistiStoriciS√ļl√ę Carmeva im√≠ca Olvar
Registrato il:
02-10-2003
Localitŗ:
Ispra
Post:
692
-Edit by Vega [17 Ott. 2006 ore 17.39]
Messaggio riproposto correttamente nel post successivo

Segnala questo post ad un operatore | IP: loggato

Scritto il 17-10-2006 16:20
  • clicca oer vedere il profilo di 3790
  • Cerca altri post di Turin Turambar1
  • cita questo messaggio

Turin Turambar1

Silmaril Silmaril Silmaril
anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere
alleato con house_of_gilgalad
Gilda LinguistiStoriciS√ļl√ę Carmeva im√≠ca Olvar
Registrato il:
02-10-2003
Localitŗ:
Ispra
Post:
692
Scusate, non sapevo che i <> servissero a commentare...

Una prima considerazione: le conferenze su Tolkien che mi piacciono di pi√Ļ sono quelle su Tolkien, cio√® sulla sua vita e selle opere da lui scritte. E questo potrebbe essere un primo "metro" di giudizio per decidere se una conferenza che si dichiara di argomento tolkienano lo sia veramente o meno (ovviamente, prescidendo dal fatto che mi piaccia o meno...).

In secondo luogo, non è che si vogliano demonizzare conferenze d'altro tipo, ma è naturale che se uno va a sentire conferenze sugli antichi egizi senta parlare di mummie, e non se ne stupisca; se uno va a sentire conferenze sulla poesia italiana, magari senta parlare di Ungaretti, e non se ne stupisca. Stessa cosa per una conferenza sulle centrali nucleari: magari si può ascoltare una piccola lezione sulla fisica nucleare. Incomincio ad essere alquanto confuso e dubbioso se invece in un ciclo di conferenze dedicato agli egizi sento parlare di Ungaretti, se in quella sulla poesia italiana parlano dell'atomo, o se in quella sulle centrali nucleari qualcuno mi racconta cose anche interessanti sulle mummie.

Certo il mio metro di giudizio potrebbe essere modificato se scoprissi, con mia grande sorpresa, che Ungaretti ha scritto poesie sui faraoni, oppure che un poeta è stato premiato per il suo libro di poesie sulla fissione dell'atomo, o se infine qualcuno mi raccontasse delle tracce di radioattività trovate nelle mummie (ovviamente sto sparando totalmente a caso...).

Per tirare le somme, potrei dire quindi che, in un ciclo di conferenze dedicate, almeno nomilalmente, a Tolkien, sono pronto ad accettare anche disquisizione non "strettamente" collegate alle sue opere, ma che almeno abbiano un legame abbastanza solido con la sua vita, il suo pensiero e le sue azioni. "Abbastanza solido" vuol dire che se un oratore iniziasse dicendo <<Poichè Tolkien avrà di sicuro bevuto il latte in vita sua, vi parlerò oggi delle proprietà benefiche di questa bevanda>>, io penserei che mi sta prendendo in giro.

Passando ad esempi positivi, sono perciò propenso a non obiettare se in tali cicli culturali sentissi parlare del problema dei cattolici nell'Inghilterra del 1900, oppure di argomenti legati al degrado ambientale delle città inglesi di tale epoca causato dall'industrializzazione. Non mi stupirò se si parlasse dei collegamenti fra i miti dei vari popoli nordici, persino della vita accademica nelle università inglesi e sull'importanza sociale e culturale dei circoli letterari. Balzerò infine sulla sedia dalla gioia se parteciperò ad una discussione dove si sentisse parlare di qualche bellissimo studio sulle fiabe o sui legami fra fantasy e fantascienza.

Per terminare, il mio giudizio su una conferenza intitolata "imbalsamazione, mummificazione, pietrificazione, saponificazione e altre tecniche di conservazione dei cadaveri tra scienza e letteratura scapigliata" si risolve in questa domanda: tutto ciò ha attinenza con la vita, il pensiero o le opere del Professore? Qualcuno mi saprebbe indicare in quale momento della sua vita, o in quale dei suoi saggi egli sia sia mai accostato a tale argomento? Se qualcuna delle sue opere egli accenni mai, anche indirettamente, a tali tecniche conservative? Se (come peno di poter postulare) la risposta è no, vuol dire che tale conferenza con Tolkien non c'entra proprio per nulla, ed allora qualcuno mi dovrebbe spiegare quale sia la sua attinenza con un ciclo di conferenze su Tolkien e la ragione della presenza di questa oratore che non sia una pubblicità gratuita (o magari anche pagata da un gettone di presenza) delle sue alte opere d'ingegno.

Turambar, in realt√†, si erger√† accanto a Fionw√ę nella Grande Rovina, e Melko e i suoi draghi malediranno la spada di Mormakil

Segnala questo post ad un operatore | IP: loggato

Scritto il 17-10-2006 16:27
  • clicca oer vedere il profilo di 3790
  • Cerca altri post di Turin Turambar1
  • cita questo messaggio

Shelidon

anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere
alleato con eldalie.it
Eldalie Milano - Oromandi Endoreo
Registrato il:
05-05-2006
Localitŗ:
Milano
Post:
68
Gianluca Comastri il 17-10-2006 10:52 ha scritto:
1) esiste, ed è individuabile con buona approssimazione, un criterio per stabilire in maniera univoca ed oggettiva quale sia il limite "al di là del quale" si esce dallo "stretto tema tolkieniano" per andare a finire nel vasto e indefinito "Altro accademico"?
(Personalmente non ne sono così sicuro)


Penso che per addentrarsi nei temi "correlati" sia necessario un profondo e serio studio preliminare, altrimenti si rischia di parlare senza cognizione di causa della saponificazione e della sua relazione con l'opera tolkieniana. E' la base, altrimenti ci si inventa uno studio comparato sulla base di nulla. Detto ciò, con Fram ero tra quelli che sostenevano la necessità di essere IT, ma IT non significa necessariamente "la Terra di Mezzo" (per citare Firiel). Anche il Beowulf o il Kalevala e L'edda sono IT e, anzi, parlarne è fondamentale per capire "la Terra di Mezzo". Per tacere delle opere minori (cosiddette) che a volte esplorano temi non citati nel legendarium: vogliamo parlare delle sirene di Roverandom o dell'automobile (autobiografica) di Mr. Bliss? I miti aztechi sono tanto bellini, invece, ma per infilarli in un evento tolkieniano ci vuole IMHO a monte uno studio con i contro[BEEEEEEEEEEP!].



--
C.R. Shelidon

Segnala questo post ad un operatore | IP: loggato

Scritto il 17-10-2006 17:41
  • cita questo messaggio

Pièveloce Mezzoelfo

foglia di Telperion
Silmaril
anello del potere anello del potere
alleato con ent_alleanza_04
Compagnia del Cannello
Registrato il:
24-04-2003
Localitŗ:
Monfalcone
Post:
1467
Paradossalmente no, i Miti aztechi puoi ficcarceli benissimo, come estrema dimostrazione del bisogno dell'uomo, in ogni luogo (sudamerica, nord europa, penisola italiana, africa, india....) e in ogni tempo (gli aztechi e tolkien) di spiegarsi le cose del mondo. Con la scienza naturale, con la religione, con la mitologia.
Tanto per mostrare che pure i miti aztechi sarebbero in tema.




"... e da li il buffone, paradigma di libert√†. L'unico uomo veramente libero, e anche il pi√Ļ saggio. Nella filosofia occulta il buffone si identifica con il mercurio degli alchimisti... messaggero degli dei, conduce le anime attraverso il regno delle ombre..."
(Il Club Dumas. A.P.R.) .. grazie Firiel..

Segnala questo post ad un operatore | IP: loggato

Scritto il 17-10-2006 18:11
  • cita questo messaggio

Shelidon

anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere
alleato con eldalie.it
Eldalie Milano - Oromandi Endoreo
Registrato il:
05-05-2006
Localitŗ:
Milano
Post:
68
Pièveloce Mezzoelfo il 17-10-2006 18:11 ha scritto:
Paradossalmente no, i Miti aztechi puoi ficcarceli benissimo, come estrema dimostrazione del bisogno dell'uomo, in ogni luogo (sudamerica, nord europa, penisola italiana, africa, india....) e in ogni tempo (gli aztechi e tolkien) di spiegarsi le cose del mondo. Con la scienza naturale, con la religione, con la mitologia.


1) era un esempio che di certo non voleva aprire una discussione sulle relazioni tra Mictlantecuhtli ed Elrond;
2) che l'opera di Tolkien sia basata sul "bisogno di spiegarsi le cose del mondo" è assai opinabile: la sua subcreazione, a sua stessa detta, ha altri scopi.

In ogni caso non è proprio questo il punto, mi pare.

--
C.R. Shelidon

Segnala questo post ad un operatore | IP: loggato

Scritto il 17-10-2006 19:19
  • cita questo messaggio

primonato

Silmaril Silmaril Silmaril
anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere
alleato con angband
Comitato Anti-K
Registrato il:
01-04-2005
Localitŗ:
N/A
Post:
953
Secondo me in una manifestazione su Tolkien è lecito parlare di letteratura, fantasy e non, di storia, di fiabe e di quegli argomenti che con le opere di Tolkien hanno a che fare.
Magari parlare di, che so, informatica o politica o cose del genere non sarebbe centrato. Esistono lo smau e i congressi.
Questo è solo un esempio. Però avete capito
Cioè ci sono argomenti che sono fuori luogo e che trovano la loro sede in tuttaltro posto.

nostra è la furia

Segnala questo post ad un operatore | IP: loggato

Scritto il 17-10-2006 19:38
  • cita questo messaggio

Fram figlio di Frumgar

Silmaril Silmaril Silmaril
anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere
alleato con rohan
S√ļl√ę Carmeva im√≠ca OlvarGuardiani di FeeriaComitato Anti-KEldalie Milano - Oromandi Endoreo
Registrato il:
28-10-2003
Localitŗ:
Milano
Post:
725
Shelidon il 17-10-2006 19:19 ha scritto:
2) che l'opera di Tolkien sia basata sul "bisogno di spiegarsi le cose del mondo" è assai opinabile: la sua subcreazione, a sua stessa detta, ha altri scopi.
In ogni caso non è proprio questo il punto, mi pare.

Stai pensando alle lingue inventate... ma benchè Tolkien lo dica, non è detto che quello sia l'unico scopo e penso che se fosse stato l'unico scopo oggi non avremmo Hobbit, SdA e Silmarillion. Penso che vi sia una componente mitopoietica, oltre che logopoietica nelle motivazioni dell'opera di Tolkien. E il "bisogno di spiegarsi le cose del mondo" ci potrebbe stare, e darei ragione a Piè, sennonchè Tolkien era contrario alla visone della mitologia come "spiegazione delle cose del mondo", ma pensava varie altre cose, che io mi immagino di dire come "descrizione mitica (o fantasiosa) della verità".
Anch'io la penso come Tolkien, e penso che anche gli aztechi la pensassero allo stesso modo, facendo questa correzione, tramite un'indagine sui miti Aztechi potrei trovare delle analogie con alcuni miti Tolkieniani ed illustrarle.

Ma a questo punto domando, come si dovrebbe sentire chi va occasionalmente ad una conferenza pensando di sentir parlare di Tolkien, e invece si sente parlare degli Aztechi e di Tolkien (e mettiamo pure si parli pi√Ļ degli Aztechi che di Tolkien)? La trattazione dei miti aztechi, ne sono convinto, lo potr√† aiutare, in suoi personali futuri studi, alla comprensione di Tolkien se decider√† di approfondire l'argomento, magari anche pi√Ļ (se l'oratore sa proporre la materia) di una conferenza su Tolkien tout cour.

Defraudato del suo tempo e della buona fede, o soddisfatto dell'argomento trattato?
Penso che, sempre che l'oratore sappia proporre la materia, sia buona la seconda.

Infine vi spiego cosa c'entrano le saponificazioni con Tolkien. Il fatto è che il movimento Scapigliato (ma anche i tardoromantici, i decadentisti, i postmodernisti ecc. per uscire dall'Italia e a ndare in Europa) ebbero molta paura della morte e particolari attenzioni al mito della vita eterna (rappresentata dalla conservazione del corpo, pensate pure a Frankestein).
I miti non muoiono mai, e i miti moderni, in realtà, non sono che riproposizioni di quelli antichi.
Ne seguono tutti i miti sulla morte, dal libro dei morti egizio, passando per l'ade greco, lo smembramento di Ymir, le leggende medioevali, le fiabe italiane di due secoli fa, Gorini l'imbalsamatore, Frankestein (appunto), la mummia di Lenin, gli Elfi immortali, i Nani abitatori di paesi dell'oltretomba (forse), i sentieri dei morti, i Nazgul.
In questo quadro culturale insomma, si inserisce Tolkien.
E se da un lato ci si potrebbe chiedere, a questo punto, in quale quadro culturale tolkien non si inserisca, dall'altro c'è da chiedersi se non sarebbe comunque interessante sapere qualcosa sugli imbalsamatori e sullla considerazione che gli scapigliati ebbero di loro. Perchè io, che a questa conferenza ho assistito (c'erano pure gli esempi dal "vivo") ho trovato molti spunti interessanti per la mia ricerca Tolkieniana.

Insomma, piaccia o meno, la cultura è come il maiale, non si butta via niente!

Se volete una mediazione potrei dire che per considerare tolkieniana una qualsiasi conferenza che mi può aiutare a comprendere Tolkien (come le due di cui ho fatto sommario esempio), questa conferenza deve palesare almeno l'indirizzo, la strada da seguire per usare le conoscenze acquisite con la conferenza per andare incontro a Tolkien.

E alla prossima Eldamar, con il dovuto instradamento verso Tolkien, Aztechi e Saponificazioni...

Ciao!
Fram




"Chi vive senza follia non è così saggio come crede.

François de La Rochefoucauld

*Socio Eldali√ę*

Segnala questo post ad un operatore | IP: loggato

Scritto il 17-10-2006 23:33
  • clicca oer vedere il profilo di 3864
  • Clicca qui per inviare una email a Fram figlio di Frumgar
  • Cerca altri post di Fram figlio di Frumgar
  • cita questo messaggio

Mornon

foglia di Laurelin foglia di Telperion
Silmaril Silmaril Silmaril
anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere
OperatoriGuardiani di FeeriaGilda LinguistiComitato Anti-KEldalie Puglia - Laure Londe
Registrato il:
19-04-2002
Localitŗ:
N/A
Post:
23034
Fram figlio di Frumgar il 17-10-2006 23:33 ha scritto:
Stai pensando alle lingue inventate... ma benchè Tolkien lo dica, non è detto che quello sia l'unico scopo e penso che se fosse stato l'unico scopo oggi non avremmo Hobbit, SdA e Silmarillion

Perché? Se le storie sono scritte per ambientare le lingue, sarebbero state scritte lo stesso; e Tolkien avrebbe potuto volerle pubblicare anche avendole scritte con questa motivazione.

Possiamo diventare adulti fuori. Dobbiamo rimanere bambini dentro.

Segnala questo post ad un operatore | IP: loggato

Scritto il 18-10-2006 17:31
  • clicca oer vedere il profilo di 1453
  • Clicca qui per inviare una email a Mornon
  • Cerca altri post di Mornon
  • cita questo messaggio

Shelidon

anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere
alleato con eldalie.it
Eldalie Milano - Oromandi Endoreo
Registrato il:
05-05-2006
Localitŗ:
Milano
Post:
68
Fram figlio di Frumgar il 17-10-2006 23:33 ha scritto:
Stai pensando alle lingue inventate... ma benchè Tolkien lo dica, non è detto che quello sia l'unico scopo e penso che se fosse stato l'unico scopo oggi non avremmo Hobbit, SdA e Silmarillion. Penso che vi sia una componente mitopoietica, oltre che logopoietica nelle motivazioni dell'opera di Tolkien.


S√¨, in effetti non intendevo parlare solo delle lingue. Anche l'aspetto narrativo, secondo me, non nasce dalla "spiegazione delle cose del mondo", perch√©, come dici tu (cito), ¬ęTolkien era contrario alla visone della mitologia come "spiegazione delle cose del mondo"¬Ľ. Semmai la sua opera √® una "spiegazione di altre cose", un'opera costruita per dare unit√† con un'opera di finzione ai frammenti storicamente sopravvissuti. In questo senso sono chiaramente di opinione opposta rispetto a Firiel: non apprezzerei Tolkien se non ne conoscessi i "retroscena" e lo apprezzo sempre di pi√Ļ, pi√Ļ lo esploro. Approcci diversi.

Ma a questo punto domando, come si dovrebbe sentire chi va occasionalmente ad una conferenza pensando di sentir parlare di Tolkien, e invece si sente parlare degli Aztechi e di Tolkien (e mettiamo pure si parli pi√Ļ degli Aztechi che di Tolkien)?


a) spaesato;
b) irritato;
c) perplesso;
d) interessato;
e) illuminato.

Dipende dalla qualità della conferenza, credo.

Infine vi spiego cosa c'entrano le saponificazioni con Tolkien.


Per forza? ;-p
Comunque, pensa a Numenor ed all'influenza della cultura Egizia (o meglio dell'idea che Tolkien ne aveva) e tutto torna in un delizioso rapporto fonte-legendarium tolkieniano.


--
C.R. Shelidon

Segnala questo post ad un operatore | IP: loggato

Scritto il 18-10-2006 22:31
  • cita questo messaggio
Rispondi [ Torna al forum principale | Torna su ]

Vai a [Go]
Total: 0.035805 - Query: 0.002041 Elaborazione 0.027872 Print 0.001447 Emoticons/Tengwar/Quote 0.000992 © Eldalië.it