Eldalie.it - Forum

RSS Forum di Eldalie [in lavorazione]
[Go]


Ho dimenticato la password
Iscritti online sul forum:
 
  1. ATTENZIONE: LAVORI IN CORSO
Cosa cercate?
Pagina 5 di 6. Vai a pagina 1 2 3 4 5 6
AutorePost
Pagina 5 di 6. Vai a pagina 1 2 3 4 5 6

Erinna

Silmaril Silmaril Silmaril
anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere
alleato con lothlorien
Compagnia del Cannello
Registrato il:
15-08-2006
Località:
Fiesole
Post:
641
Ci sono persone che, anche se a parole o scientemente dicono di anelare alla felicità, di fatto fanno di tutto per sentirsi il più infelici possibile. Ora, io non sono una psicologa, ma ne ho bazzicati (pensa un pò, non s'era capito!) e mi sono fatta l'idea che non è vero in assoluto che l'uomo mcerca il piacere o la felicità. Esiste, secondo me, una pulsione profonda che cerca di tacitare bisogni o sedare dolori inconsci. Questo si può risolvere in modo "razionale" o con comportamenti che possono, a seconda, mirare ad un piacere ma anche mirare ad un altro dolore. Questo per "appagare" questo genere di bisogni, come si appaga un demone di cui non ci si può liberare: gli si riempie la bocca di libagioni in modo che per un pò non possa parlare. Questo ovviamente, in chiave metaforica. Non so se sono riuscita a spiegarmi...

[...]
Per questo io ora piangendoti non ti abbandono;
nè i miei piedi lasciano la casa che m'accoglie,
nè lamentare con le chiome sciolte; ho pudore
del cupo colore che mi sfigura il volto (lamento di Bauci, Erinna)

Segnala questo post ad un operatore | IP: loggato

Scritto il 25-06-2007 15:29
  • clicca oer vedere il profilo di 5732
  • Clicca qui per inviare una email a Erinna
  • Cerca altri post di Erinna
  • cita questo messaggio

quennar

Silmaril Silmaril Silmaril
anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere
alleato con house_of_finrod_felagund
Súlë Carmeva imíca Olvar
Registrato il:
23-03-2006
Località:
N/A
Post:
1013
Gli psicologhi mi sembra che abbiano la ricetta troppo semplice: fai così e i tuoi problemi si risolveranno o miglioreranno...mi chiedo chi gli ha dato tutto questo potere sulle menti degli uomini...
penso che uno le proprie battaglie le debba affrontare da solo e o vincerle o no, ma in modo autonomo, contando sulle proprie forze per arrivare un gradino più in su e saperlo, non sentirselo dire.




--------------------------------------------------------------------------------
Chi guarda a lungo la terra e gli alberi e il mutare luminoso del cielo, non sente il bisogno di altre abbondanze.
(R. Piumini, Lo stralisco)

Segnala questo post ad un operatore | IP: loggato

Scritto il 25-06-2007 22:35
  • clicca oer vedere il profilo di 5593
  • Cerca altri post di quennar
  • cita questo messaggio

Erucenië

anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere
alleato con Eru
Comitato Anti-K
Registrato il:
10-09-2005
Località:
Busche
Post:
127
cosa cerco..... che bella domanda.
da un alto cerco di dimenticare, e dall'altro di non dimenticare, che un giorno dovrò morire.
si ok, sono fatalista e prevedibile, ma ognuno ha le sue paure no?
come dice anche quennar, gli psicologi hanno sempre la bocca piena di belle parole e semplici soluzioni, ma in realtà le persone che ci si rivolgono devono rialzarsi da sole, proseguire la loro ricerca. non è da loro che troveranno un sostegno, un aiuto nella ricerca. io non voglio condannare gli psciologi, studiano una materia alquanto complessa ed affascinante, critico solo l'approccio che hanno con i pazienti. e non lo dico senza motivo, conosco bene in prima persona l'ambiente.
io cerco di trascorrere il poco tempo che ho a dispodizione, per riuscire ad avere una vità più completa e serena possibile, ricca di momenti, aimè a me molto rari, in compagnia delle persone amate. cerco di poter lenire, per quanto questa possa essere solo una mia presunzione, un poco le sofferenze altrui. e per quanto, come ha scritto sempre quennar in qualche post arretrato, l'infelice si crogiola nella sua infelicità. si, è vero. ci si soffre, ma ci si resta. perchè si teme di perdere quel poco che si è guadagnato, perchè si ritiene di non meritare di più. perchè si crede di avere già più di quel che ci si merita.

ok con questo post mi sono definitivamente rovinata la reputazione quindi taglio corto...

cosa cerco: cerco di trascorrere il poco tempo che ho a disposizione allontanandomi dalla sofferenza. cerco di dimenticarmi che un giorno anche questo finirà, ma allo stesso tempo che in quel momento non avrò più nemmeno quello. cerco degli amici, dei compagni che nonostante tutto sappiano sopportarmi ed accettarmi per quello che sono, e con cui incamminarmi assieme in questo viaggio..

"Io vado dritta per la mia strada,
ho già versato tutte le mie lascrime
ed il mio sangue è ormai freddo,
non cerco e non chiedo aiuto,
non ho mai avuto una strada su cui tornare,
posso solo continuare a disseminare di cadaveri
il tragitto percorso
e seguire la mia strada verso l'inferno."

Segnala questo post ad un operatore | IP: loggato

Scritto il 09-07-2007 22:01
  • cita questo messaggio

quennar

Silmaril Silmaril Silmaril
anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere
alleato con house_of_finrod_felagund
Súlë Carmeva imíca Olvar
Registrato il:
23-03-2006
Località:
N/A
Post:
1013
A dire il vero in questi giorni ci ho pensato su un po' e gli psicolgi forse è vero che hanno la bocca piena di belle parole, ma un aiuto te lo danno, e a volte uno ha bisogno di essere aiutato o anche solo ascoltato perchè chi gli sta attorno, vicino, non lo fa, non ha tempo di ascoltare..e così non può aiutare..

Erinna: Esiste, secondo me, una pulsione profonda che cerca di tacitare bisogni o sedare dolori inconsci. Questo si può risolvere in modo "razionale" o con comportamenti che possono, a seconda, mirare ad un piacere ma anche mirare ad un altro dolore


Se ho capito è quando una persona per ammansire il suo senso di colpa o quel che lo turba..come sofferenze che ha nascosto anche a se stesso e che magari non sa più di avere, o si è dimenticato di avere...si fa del male da solo ad esempio quando potrebbe fare qualcosa che lo rende felice o lo fa star bene, non lo fa volontariamente?




[...] l'Ombra non era in fin dei conti che una piccola cosa passegera: al di là di essa vi era eterna luce e splendida bellezza. (SdA)

Segnala questo post ad un operatore | IP: loggato

Scritto il 10-07-2007 21:10
  • clicca oer vedere il profilo di 5593
  • Cerca altri post di quennar
  • cita questo messaggio

Erinna

Silmaril Silmaril Silmaril
anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere
alleato con lothlorien
Compagnia del Cannello
Registrato il:
15-08-2006
Località:
Fiesole
Post:
641
quennar il 10-07-2007 21:10 ha scritto:


Se ho capito è quando una persona per ammansire il suo senso di colpa o quel che lo turba..come sofferenze che ha nascosto anche a se stesso e che magari non sa più di avere, o si è dimenticato di avere...si fa del male da solo ad esempio quando potrebbe fare qualcosa che lo rende felice o lo fa star bene, non lo fa volontariamente?

Penso che in molti casi sia così: facendosi del male uno appaga un senso di colpa, infliggendosi incosciamente un castigo, oppure lo fa per dirottare l'attenzione da ferite più gravi, e quindi la sofferenza è anche un placebo... Oppure può usare la propria sofferenza come arma indiretta contro gli altri, per legarli a sè e soffocare la paura o la rabbia...
Ovviamente io non sono una psicologa ed ho una scarsissima esperienza del mondo, quindi sono ipotesi che lasciano un pò il tempo che trovano...
Comunque penso che uno psicologo abbia, in generale, tutti i mezzi per aiutarti, ma solo se vuoi essere aiutato: insomma, non ti curano, ma ti danno gli strumenti per ricostruirti. Se una terapia non ha successo, nella maggior parte dei casi è perchè il paziente, per i motivi che ho detto prima o per altri, vuole soffrire, forse per paura di sè stesso o per paura di star bene ed essere responsabile di sè stesso.
Non è facile accettare di liberarsi dei fantasmi, ti irretiscono, ti danno una falsa sicurezza, e poi vengono incontro alle tue "esigenze" distorte, altrimenti sarebbe facile scacciarli...

[...]
Per questo io ora piangendoti non ti abbandono;
nè i miei piedi lasciano la casa che m'accoglie,
nè lamentare con le chiome sciolte; ho pudore
del cupo colore che mi sfigura il volto (lamento di Bauci, Erinna)

Segnala questo post ad un operatore | IP: loggato

Scritto il 10-07-2007 21:20
  • clicca oer vedere il profilo di 5732
  • Clicca qui per inviare una email a Erinna
  • Cerca altri post di Erinna
  • cita questo messaggio

Erucenië

anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere
alleato con Eru
Comitato Anti-K
Registrato il:
10-09-2005
Località:
Busche
Post:
127
si.... gli psicologi fanno il loro lavoro. ti ascoltano. è vero che in una società caotia e frenetica come quella del giorno d'oggi anche solo sentirsi ascoltati, sfogarsi in libertà può essere un aiuto. il problema nasce nel doversi "ridurre" a dover andare da uno psicologo per potersi sfogare. qui c'è un problema di fondo. se una persona non ha un amico o un parente in cui può avere una fiduciaconfidenza sufficente per poter sfogare le piccole grane di ogni giorno, che accumulatesi riducono a dover cercare una persona esterna per essere sfogate, il problema alla base non viene risolto..
una persona apatica, è una persona priva di attenzioni. per rimediare a queste mancanze si chiude in sè stesso sempre più, sino a non provare altra emozione al di fuori del proprio dolore, della propria sofferenza. è da qui che nasce il meccaniscmo del "dolore autoinflitto".
"io soffro, non ho il coraggio di affrontare il mondo qua fuori, perchè non lo sono in grado di gestire. quindi resto chiuso in casa, da solo, e soffro. ma sono pur sempre emozioni. è pur sempre qualcosa di diverso dal vuoto. dal nulla. in fondo "finchè si soffre si è ancora vivi".. sempre meglio di nulla no?"

ecco, questo è in parte un pò del ragionamento psicopatico che ha seguito la mia mente malata sin poco tempo fa.

Erinna: Penso che in molti casi sia così: facendosi del male uno appaga un senso di colpa, infliggendosi incosciamente un castigo, oppure lo fa per dirottare l'attenzione da ferite più gravi, e quindi la sofferenza è anche un placebo... Oppure può usare la propria sofferenza come arma indiretta contro gli altri, per legarli a sè e soffocare la paura o la rabbia...

autoinfliggendosi un dolore a volte si cerca di lenirne un'altro.. è vero. verissimo. si... penso che tu abbia ragione. e per molte persone soprattutto l'ultima frase. è il tipico atteggiamento del "ragazzino dispettoso". fanno di tutto per attirare l'attenzione facendo qualsiasi cosa, perchè mancano d'affetto. il ragionamento è lo stesso. ognuno poi lo riadatta a modo suo. c'è chi ti resta attaccato come una sanguisuga, chi si lagna continuamente per ogni piccolo dolore. vogliono solo un pò d'attenzione.. e la cercano nel modo più spontaneo possibile... e talvolta in quello più sincero. non sono sempre cose mentalmente progettate.. molte volte agiscono nell'inconscio.
molte persone non hanno il coraggio di "rincominciare". buttarsi tutto alle spalle, riprendere dal principio. sempra una cosa totalmente assurda, che rischia di mettere in crisi la poca stabilità raggiunta con tanta fatica e sofferenza. e non gli posso dare torto. come potrei. so benissimo cosa significhi. il problema è riuscire a trovare il coraggio di riprendere a vivere, di farsi aiutare, di trovare qualcuno che ti stia vicino. trovare qualcuno disposto ad ascoltarti anche quando fai discorsi strani, che non prende paura e fugge credendo di star per accollarsi un peso. perchè in fondo perde solo l'opportunità di conoscere una persona. magari di aiutarla. magari di essere aiutato.

qui mi fermo, prima che mi vengano a prendere per chiudermi in neuro XD
in fondo volevo solo esprimere un mio modesto parere... non sono certo una psicologa o studiosa del comportamento, ed in genere tendo a non esprimenrmi in campi in cui sono ignara.... ma spero comunque di aver dato un mio piccolo (ma lungo XD) contributo alla discussione


------------------------------------------------------------------------------------
"Io vado dritta per la mia strada,
ho già versato tutte le mie lascrime
ed il mio sangue è ormai freddo,
non cerco e non chiedo aiuto,
non ho mai avuto una strada su cui tornare,
posso solo continuare a disseminare di cadaveri
il tragitto percorso
e seguire la mia strada verso l'inferno."

Segnala questo post ad un operatore | IP: loggato

Scritto il 11-07-2007 22:39
  • cita questo messaggio

Erinna

Silmaril Silmaril Silmaril
anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere
alleato con lothlorien
Compagnia del Cannello
Registrato il:
15-08-2006
Località:
Fiesole
Post:
641
Erucenië il 11-07-2007 22:39 ha scritto:


molte persone non hanno il coraggio di "rincominciare". buttarsi tutto alle spalle, riprendere dal principio.

Credo che tentare di buttarsi tutto alle spalle sia sbagliato. Cio che ti e accaduto e pur sempre parte di te, non puoi sopprimerlo od abiurare. Bisogna, credo, "inglobarlo", prendere coscienza che c'e, accettarlo e da li comunque ripartire.

Quanto agli psicologi, sono un grandissimo aiuto, ma solo se tu vuoi guarire. Sei tu che hai il potere, loro possono solo indicarti alcuni modi in cui usarlo, dove si nascondono alcune delle tue ferite, ma l'energia e la tua.

[...]
Per questo io ora piangendoti non ti abbandono;
nè i miei piedi lasciano la casa che m'accoglie,
nè lamentare con le chiome sciolte; ho pudore
del cupo colore che mi sfigura il volto (lamento di Bauci, Erinna)

Segnala questo post ad un operatore | IP: loggato

Scritto il 03-08-2007 18:21
  • clicca oer vedere il profilo di 5732
  • Clicca qui per inviare una email a Erinna
  • Cerca altri post di Erinna
  • cita questo messaggio

quennar

Silmaril Silmaril Silmaril
anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere
alleato con house_of_finrod_felagund
Súlë Carmeva imíca Olvar
Registrato il:
23-03-2006
Località:
N/A
Post:
1013
Erinna il 03-08-2007 18:21 ha scritto:
Erucenië il 11-07-2007 22:39 ha scritto:


molte persone non hanno il coraggio di "rincominciare". buttarsi tutto alle spalle, riprendere dal principio.

Credo che tentare di buttarsi tutto alle spalle sia sbagliato. Cio che ti e accaduto e pur sempre parte di te, non puoi sopprimerlo od abiurare. Bisogna, credo, "inglobarlo", prendere coscienza che c'e, accettarlo e da li comunque ripartire.

Quanto agli psicologi, sono un grandissimo aiuto, ma solo se tu vuoi guarire. Sei tu che hai il potere, loro possono solo indicarti alcuni modi in cui usarlo, dove si nascondono alcune delle tue ferite, ma l'energia e la tua.


Credo che il proprio passato è impossibile buttarselo dietro e non pensarci più, perchè affiora, è anche per questo che è difficile lasciarselo dietro..purtroppo in un certo senso perchè il proprio passato è scomodo alle volte e sarenne più comodo dimenticarselo...si vivrebbe forse meglio senza, nascendo da capo ogni giorno, nuovi di zecca.


Éala Eärendel engla beorhtast
Ofer middangeard munum sended.

Segnala questo post ad un operatore | IP: loggato

Scritto il 03-08-2007 21:15
  • clicca oer vedere il profilo di 5593
  • Cerca altri post di quennar
  • cita questo messaggio

Istamarth

anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere
alleato con house_of_thranduil
Circolo Taglio e CucitoEldalie Milano - Oromandi Endoreo
Registrato il:
05-03-2004
Località:
Spinea
Post:
115
Vivere senza passato?
No grazie!
Voglio dire...è la nostra storia, il nostro percorso, le nostre esperienze.
Positivo o negativo che sia il nostro passato è quello che ci ha portato al nostro oggi...
Parli di ricerca?
Beh, penso che tutto sia utile in questa ricerca, anche le cose non belle: la strada non è sempre piana e sgombra e a mio avviso è giusto che sia così.

Vivere è l'unico modo per conoscere la propria destinazione

Lost in Fagnana...io c'ero!!!

Segnala questo post ad un operatore | IP: loggato

Scritto il 04-08-2007 01:53
  • cita questo messaggio

quennar

Silmaril Silmaril Silmaril
anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere
alleato con house_of_finrod_felagund
Súlë Carmeva imíca Olvar
Registrato il:
23-03-2006
Località:
N/A
Post:
1013
Dipende se il passato è un macinio che non ti permette neanche di vivere..perchè così sarebbe meglio dimenticarselo e ricominciare...
in ogni caso uno non può vivere pensando al passato, se è necessario è meglio vivere senza..tanto a che serve? la famosa massima: imparare dal nostro passato a non commettere gli stessi sbagli è palesemente falsa.


Éala Eärendel engla beorhtast
Ofer middangeard munum sended.

Segnala questo post ad un operatore | IP: loggato

Scritto il 04-08-2007 09:47
  • clicca oer vedere il profilo di 5593
  • Cerca altri post di quennar
  • cita questo messaggio

Istamarth

anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere
alleato con house_of_thranduil
Circolo Taglio e CucitoEldalie Milano - Oromandi Endoreo
Registrato il:
05-03-2004
Località:
Spinea
Post:
115
A mio avviso vivere ricordando il proprio passato non è vivere rimenendo immersi in esso.
Credo che la strada fatta ci insegni o almeno chiarisca a volte qualcosa, ma questo è il mio modo di vedere le cose.
Nessuno ha risposte giuste o sbagliate per questo, nè tanto meno su quello che si cerca o no...ogniuno ha la sua storia personale, la sua vita, la sua ricerca...ne possiamo parlare e possiamo confrontarci...ma ogniuno troverà le sue risposte da solo credo...o forse non le troverà affatto, perchè non sempre ci sono risposte.

Vivere è l'unico modo per conoscere la propria destinazione

Lost in Fagnana...io c'ero!!!

Segnala questo post ad un operatore | IP: loggato

Scritto il 04-08-2007 15:52
  • cita questo messaggio

Erucenië

anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere
alleato con Eru
Comitato Anti-K
Registrato il:
10-09-2005
Località:
Busche
Post:
127
Temo di essermi spiegata male. Con buttarsi alle spalle il passato non intendevo affatto dimenticare. Nono, assolutamente. Chi mi conosce sa che sono fin troppo legata ai miei ricordi, a tal punto a volte da rendere invivibile la cosa. E' per questo motivo che dico "buttarlo alle spalle". Nel senso di accettare ciò che è stato, ed andare avanti. Perchè restare a rimurginare sul passato impedisce di vivere il presente. Mi sarebbe impossibile pensare di vivere senza ciò che sono stata, perchè non lo sarò mai più. Per questo metto chiarezza alle mie parole. Mai dimenticherò e vorrò dimenticare ciò che ho vissuto, ma d'altro canto bisogna saper regolare presente e passato, perchè non si può nè vivere nei ricordi, nè viverci senza

------------------------------------------------------------------------------------
"Io vado dritta per la mia strada,
ho già versato tutte le mie lacrime
ed il mio sangue è ormai freddo,
non cerco e non chiedo aiuto,
non ho mai avuto una strada su cui tornare,
posso solo continuare a disseminare di cadaveri
il tragitto percorso
e seguire la mia strada verso l'inferno."

Segnala questo post ad un operatore | IP: loggato

Scritto il 04-08-2007 21:06
  • cita questo messaggio

quennar

Silmaril Silmaril Silmaril
anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere
alleato con house_of_finrod_felagund
Súlë Carmeva imíca Olvar
Registrato il:
23-03-2006
Località:
N/A
Post:
1013
Il vostro è un punto di vista molto maturo di chi ha trovato un equilibrio, e di questo non posso fare a meno di invidiarvi.
Ma come convivere con ricordi ingombranti? Oppure con un passato che non si vuole ricordare ma c'è? cioè la propria storia personale può essere di aiuto ma anche no..e se è piuttosto un ostacolo? Se non permette di vivere tranquillamente? Poi dipende uno cosa vuole, se non è la tranquillità quello che cerca gli andrà benissimo anche crogiolarsi in ricordi poco piacevoli...


Éala Eärendel engla beorhtast
Ofer middangeard munum sended.

Segnala questo post ad un operatore | IP: loggato

Scritto il 04-08-2007 21:28
  • clicca oer vedere il profilo di 5593
  • Cerca altri post di quennar
  • cita questo messaggio

Erinna

Silmaril Silmaril Silmaril
anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere
alleato con lothlorien
Compagnia del Cannello
Registrato il:
15-08-2006
Località:
Fiesole
Post:
641
quennar il 04-08-2007 21:28 ha scritto:

Ma come convivere con ricordi ingombranti? Oppure con un passato che non si vuole ricordare ma c'è? cioè la propria storia personale può essere di aiuto ma anche no..e se è piuttosto un ostacolo? Se non permette di vivere tranquillamente? Poi dipende uno cosa vuole, se non è la tranquillità quello che cerca gli andrà benissimo anche crogiolarsi in ricordi poco piacevoli...

Somatizzare il proprio passato non significa crogiolarsi, anzi, crogiolarsi e' come cercare di scordare. Un ricordo ingombrante puo' essere una zavorra che ti affoga, oppure un incentivo che ti da' piu' forza, a seconda di come lo usi. Personalmente credo che vivere senza storia sarebbe insopportabilmente doloroso...
Comunque, tutti hanno ricordi piu' o meno atroci che li punzecchiano, se ti tormentano e' perche' una parte di te lo vuole, in qualche modo "ama" farsi del male cosi'. Bisogna, credo, imparare a consolare se' stessi senza pero' crogiolarsi.
D'altro canto, una vita senza difficolta' o dolori, che nel caso della maggior parte di noi non sono poi tanto gravi, spogliati di ogni carica emotiva, e' una vita senza gioia, almeno secondo me, e' una vita che comunque non esiste e non puo' esistere. Generalmente la vita e' meno dura di quanto non ce la dipingiamo, se riusciamo ad ammansire i nostri "fantasmi" e a dare alle cose il giusto peso.

[...]
Per questo io ora piangendoti non ti abbandono;
nè i miei piedi lasciano la casa che m'accoglie,
nè lamentare con le chiome sciolte; ho pudore
del cupo colore che mi sfigura il volto (lamento di Bauci, Erinna)

Segnala questo post ad un operatore | IP: loggato

Scritto il 05-08-2007 10:18
  • clicca oer vedere il profilo di 5732
  • Clicca qui per inviare una email a Erinna
  • Cerca altri post di Erinna
  • cita questo messaggio

Istamarth

anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere
alleato con house_of_thranduil
Circolo Taglio e CucitoEldalie Milano - Oromandi Endoreo
Registrato il:
05-03-2004
Località:
Spinea
Post:
115
Accettare il proprio passato, non volerlo dimenticare ma anzi cercare di trarne insegnamento non vuol dire aver trovato equilibrio.
Io mi sento un essere irrequieto, in continua ricerca di qualcosa che alla fine non sò neppure che forma abbia...a quasi trentanni è dura scoprirsi ancora così.
Cosa cerco oggi?
Non lo sò.
Che sarà di me?
Non lo sò.
Si và avanti, si trovano bivi, si fanno scelte...a volte è facile...altre no...
Gioie e dolori, luci ed ombre...
Si scoprono cose belle e brutte di quello che siamo, ci si ama e ci si odia, ci adoriamo e ci puniamo.
Ma una cosa credo sia importante...la consapevolezza.
Nel bene e nel male, guardarsi indietro e non avere rimpianti, aver scelto con coscienza.
Non credo ci siano risposte...ma vivere è una bella avventura...

Vivere è l'unico modo per conoscere la propria destinazione

Lost in Fagnana...io c'ero!!!

Segnala questo post ad un operatore | IP: loggato

Scritto il 05-08-2007 15:58
  • cita questo messaggio

quennar

Silmaril Silmaril Silmaril
anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere anello del potere
alleato con house_of_finrod_felagund
Súlë Carmeva imíca Olvar
Registrato il:
23-03-2006
Località:
N/A
Post:
1013
Ecco che parli di trarre insegnamento del passato e la cosa mi lascia perplessa, non perchè non sia possibile, ma perchè è difficile che sia vera, o meglio parlo per me, molta parte del mio passato l'ho cancellato perchè era passato appunto e non serviva più a niente, nè i ricordi belli perchè mi intristiva pensarci, nè tantomeno quelli brutti, anche se ammetto che ho in mente maggiormente questi, perchè bè chi vuole ricordare i brutti momenti della sua vita?
Comunque in questo periodo di vacanza e di dolce far niente mi sto gustando le famose piccole cose di cui avevamo parlato in un'altra discussione e che io non riuscivo a capire del tutto..bè mi sto gustando le piccole cose e anche l'essere soddisfatti di quel che ho..e insomma ora penso che anche alla propria ricerca ci vuole una vacanza


Éala Eärendel engla beorhtast
Ofer middangeard munum sended.

Segnala questo post ad un operatore | IP: loggato

Scritto il 05-08-2007 21:00
  • clicca oer vedere il profilo di 5593
  • Cerca altri post di quennar
  • cita questo messaggio
Rispondi [ Torna al forum principale | Torna su ]

Vai a [Go]
Total: 0.058067 - Query: 0.009142 Elaborazione 0.033278 Print 0.001249 Emoticons/Tengwar/Quote 0.000489 © Eldalië.it