Eldalie.it
Pagina principale Dizionario Trivia Quiz
 
Scrivere l’italiano cone le Tengwar : una guida pratica
di Marco Trucillo

 


 

Introduzione

Il sisema di scrittuta Feanoriano ha una libertà d’uso tale da porterlo applicare a molte lingue, infatti dueante la Terza Era, molti popoli tra cui anche gli Uomini di Gondor usavano questi segni per scrivere. Questo fa si che ci siano molte variazione nel significato dei segni lo studio dei quali non è dei più facili. Le fonti sono l’appendice E de Il Signore degli Anelli, ma la maggior parte delle informazioni la si apprende dai testi che ci sono giunti. Molte informazioni sono recenti come i numeri, presentati da C.J.R.T. solo nella seconda metà degli anni ’80. Qualche anno fa mi interessai a questo sistema di scrittura ed escogitai un ”modo” per transliterare l’italiano. All’epoca avevo alcune convinzioni errate, così ultimamente ho rielaborato il sistema creandone uno a mio avviso migliore. Non ho la presunzione che questo sia il modo giusto di scrivere l’italiano, come disse anche Tolkien, non esiste un modo per scrivere i linguaggi moderni e ci possono essere più scritture equivalenti. In questo documento ho raccolto il risultato dei miei studi e proposto una versione semplificata del sistema da me creato. Leggendo quello che viene fuori usando questo sistema, un uomo di gondor avrebbe probabilmente pronunciato la parola quasi esattamente.

Regole

Le Tengwar sono un sistema fonetico, così c’è una stretta corrispondenza, tra come le parole sono scritte e come sono pronunciate, qualcosa di simile all’italiano, o meglio al giapponese. Anche l’Italiano, scritto con le lettere romane è in generale fonemico, ma in qualche caso non è così. Non è compito di questo articolo spiegare le basi del sistema Feanoriano, ai fini dell'articolo basta dire che il sistema è composto da Tengwar, che rappresentano le consonanti e Tethar, segni addizionali che sono usati per indicare le vocali o variazioni di pronuncia. Le tavole alla fine mostrano i suoni delle tengwar e come devono essere trasliterate. In generale per trasliterare una parola basta usare le tavole in fondo, seguendo le regole seguenti. Per ogni regola verranno dati uno o più esempi.


1


I Tehtar per le vocali, sono posizionati sopra la tengwa che precede la consonante. Questo è per una questione pratica, poichè le parole in italiano terminano spesso per vocale. (In molti altri linguaggi, come l’inglese, o il Sindarin, è vero il viceversa, così le vocali sono poste sullatengwa seguente). Così : mondo verrò trasliterato con [notate il tetha per o su Malta, la tengwa per m]


In assenza di una tengwa precedente (ad esempio all’inizio di una parola) il tetha è posto su un simbolo particolare detto carrier, simile ad una j senza punto . Esempio: alba si translitera con
Per indicare gli accenti tonici, le vocali, che in italiano sono scritte con un accento acuto andranno poste sul carrier anche quando c’è una tengwa successiva. Ad esempio príncipi sarà trascritto con per non confonderlo con principi

In realtà questa regola servirà in rari casi casi (come in questo), in quanto si possono benissimo sfruttare le regole usate in italiano: l’accento tonico cade sulla terzultima sillaba. Quando invece abbiamo una parola terminante con una lettera accentata come così  la vocale accentata andrà scritta su un segno chiamato carrier lungo Es potrà verrà scritto come

2


Le consonanti doppie, che in italiano sono scritte duplicando la consonante, saranno transliterate aggiungendo alla tengwa in questione una linea o una tilde sotto. Esempio patto  verrà trascritto con

 

3

La lettera s andrà sempre trascritta sempre con Silme, o quando c’è una vocale con Silme nuquerma, questo per facilitare il posizionamento del Tetha. Per la z saranno usate Aze e Aze nuquerma.

 

4

I suoni della c dolce e dura andranno trascritti rispettivamente con calma e quesse ( e ) così cia ce ci cio ciu e ca che chi co cu verranno trascritti con  e   rispettivamente.

I suoni della g dolce e dura andranno trascritti rispettivamente con anga e ungwe (   ) anagamente a come avviene per la c

5


Il  gruppo consonantico qu va trasliterato col gruppo cw e quindi .

 

Particolarità

Veniamo alle particolarità: i gruppi consonantici gn , gl e sc.

6


In italiano gn si legge sempre come la ñ spagnola di niña, per trasliterarlo useremo una n palatalizzata, che prende il nome di nyelle e viene trascritta con cioè come la n soltanto con due puntini diacritici sottostanti.

7


Per il gruppo gl ci sono delle eccezioni. Davanti ad a ed u sono due lettere separate e vanno transliterate separatamente es. Deglutire si translitera con Davanti ad i ed e dipende dai casi. Ad esempio nell’articolo gli il gruppo gl forma un solo suono e andrà trasliterato con la alya "" cioè come la L ma con due punti diacritici sotto. Quindi gli andrà trasliterato con

A
ttenzione: a volte questo suono in italiano è scritto gli spece davanti ad a, o ed u .
Esempio: cagliostro si traslitera  e non che sarabbecagliiostro con due i.

8


Passiamo al suono sc. Nom parliamo del suono di sc questo quando è ”duro” cioè davanti ad a, o ed u, ma del suono che ha lo sc di sci. Questo è scritto sc davanti i ed e e sci davanti a, o, u e talvolta e (come in scienza). Il gruppo andrà trasliterato con aha ""

Esempi per SC:

   crescere
scienza
  sciacallo
  sciopero
sciroppo
sci
sciame
sciare
   

Notate la differenza nelle ultime due sentenze sc(i)ame e sciare. Nell’ultima la i va specificata!.

Note aggiuntive

I

 

n Italiano, una vocale elisa va rappresentata con un apostrofo, in Tengwar non esiste un segno simile, e quindi o non va riportato o và riportata la vocale per intero. C’è da dire che con questo sistema, non possiamo scrivere proprio tutto, anche se le cose mancanti sono a mio avviso superflue. Non sono trattati infatti i dittonghi e gli iati, non viene fatta distinzione tra le vocali aperte e chiuse e non vengono distinte s e z dolci o dure. Maggiori informazioni su come scrivere l’italiano con le tengwar si possono trovare in un’altro mio articolo dove cerco giustificare la scelta delle tengwa per ogni suono e do’ anche un metodo più accurato per altri suoni presenti in italiano come la semiconsante posteriore w di guado (che si pronuncia gwado).

Numeri

I numeri cone le Tengwar sono scritti al contrario di quelli arabi, quindi la cifra meno significativa (quella dell’unità) va scritta per prima.

I Numeri  0-9 sono trasliterati come segue:

Esempio: il numero 6930871 è scritto


Escercizi

1. Trasliterare le rime dell’Anello in italiano.

 2. Cosa significano queste parole ?

3. Trasliterare Compagna, compagnia, compagne

4. Trasliterare Glicemia, ragliare, meglio, foglia.

5. Transliterare i nomi dei mesi in Italiano

6. Transliterare il numero1420.

7. Cosa accadde nell’anno  della seconda era ?

8. Cosa c'è scritto nella scritta in tengwar ad inizio articolo ?


Tabelle di conversione Veloce

1 Tinco

         t

2 Parma

         p

3 Calma

     c(i)

4 Quesse

     c(h)

5 Ando

        d

6 Umbar

        b

7 Anga

    g(i)

8 Ungwe

    g(h)

9 Súle

        

10 Formen

         f

11 Aha

     sc(i)

12 Hwesta

         

13 Anto

      

14 Ampa

     

15 Anca

       

16 Unque

 

17 Númen

        n

18 Malta

       m

19 Noldo

       

20 Nwalme

        

21 Óre

        r

22 Vala

        v

23 Anna

        

24 Wilya

         

25 Rómen

         r

26 Arda

         

27 Lambe

        l

28 Alda

         

29 Silme

         s

30 S.Nuquerna         s

31 Esse

       z

32 E. Nuquerna

         z

33 Hyarmen

         h

34 Hw. Sindarinwa

         -

35 Yanta

      

36 Úre

         

Vocali

        a

         e

          i

         o

          u

Caratteri speciali

carrier

Carrier lingo

virgola

punto

Punto esclamativo

Punto interrogativo

Numeri

0

1

2

3

4

5

6

7

8

9


Chi Siamo   |  Progetto Tolkien   | Link   |  Aiuto  |  Scrivici
© 1996 - 2001 Eldalie.it